Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Lettere

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 428 -


857. AL P. D. ANGELO MAIONE, IN NAPOLI.

Inculca di sollecitare cose relative alla causa, e gli parla di suppliche al Re, da procurarsi a giovamento della medesima.

Viva Gesù, Maria e Giuseppe!

NOCERA, 5 APRILE 1777.

Ho ricevuto il vostro biglietto, ove non vi è cosa notabile. Ritorno poi a pregarvi che procuriate di sbrigare quanto si può, perché la lunghezza del tempo può farci gran danno.

Circa questa lunghezza o brevità, direi che prendeste consiglio da Celano e da Vivenzio.

Il voler rispondere, nello scritto, a tutte le cose che possono opponere i contrari o i ministri, certamente richiederebbe il tempo di molti mesi.

Per più cose bisognerà aspettare a rispondere, quando saranno opposte. Per ora bisognerebbe rispondere alle sole principali.

Benedico le RR. VV. e resto

Di V. R.

Fratello ALFONSO MARIA.

[P. S.] Parlatene specialmente con Vivenzio.

signore, frattanto potete dare a leggere lo scritto mio a Celano, e fatelo vedere anche a Vivenzio.

A me poi non è passato il pensiero che possono giovare le lettere al Re di tutti i vescovi, dove noi abbiamo fatte le missioni


- 429 -


in Regno. E penso che non tanto possa giovare una sola supplica, firmata da tutti i vescovi, quanto le molte suppliche fatte da ciascun vescovo, dove ciascuno dia qualche notizia al Re del bene fatto nella sua diocesi.

Già s'intende che queste suppliche debbono giungere a tempo opportuno.

Bisognerà aspettare il tempo, quando sarà per andare la consulta della Camera al Re; e pertanto bisogna per ora aver pazienza e vedere la disposizione che prendono le cose.

Io penso che i vescovi, queste suppliche, le hanno da mandare facilmente alla segreteria, non di de Marco, ma di Sambuca.

Prego V. R. a dirmi qualche sentimento sovra queste suppliche de' vescovi.

E vero che sempre si suppongono mendicate; ma io stimo che sempre possono giovare, in far vedere la moltitudine de' vescovi, impegnati a patrocinare la nostra opera.

Conforme all'originale che si conserva nel nostro archivio generalizio di Roma,




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos