Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Lettere

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 496 -


911. AL P. D. ANGELO MAIONE, IN NAPOLI.

Ricorda con tenerezza il bene operato dalle nostre missioni, e si rallegra santamente del favore, trovato presso persone potenti e pie, per il buon esito della gravissima causa di Napoli.

Viva Gesù e Maria SSma!

PAGANI, 12 APRILE 1779.

Padre D. Angiolo mio, ora la cosa mi pare bene incamminata. Lasciamo fare a Gesù Cristo, il quale in queste nostre persecuzioni ha fatto miracoli, come V. R. ben sa; e son


- 497 -


sicuro che non lascerà che l'opera sua si distrugga, essendo di tanto profitto ai poveri peccatori. Dalla Calabria, dalla Puglia, dalla Basilicata, dalla diocesi di Benevento, dalla Sicilia e dalla campagna di Roma, ho notizie che m'inteneriscono, delle fatiche de' nostri Padri e del bene che fanno. Sia benedetto Dio!

Io poi crederei esser buono prevenire Mgr Cappellano Maggiore, acciò, andando dispaccio, si trovi informato; ma di questo si regoli V. R. colla sua prudenza.

Non lascerò di spesso fare osservare, alla posta di Salerno, se vengono lettere del Sig. maresciallo [Pignatelli] e della duchessa di Montecalvo; ma vi prego assicurare questa Signora che non solo io, ma tutta la Comunità la farà raccomandare a Gesù ed alla Madonna SSma, acciò resti consolata; e spero che le faranno quelle grazie, che sono di gloria di Dio e che essa desidera; perché, siccome ella s'impegna per le cose di Gesù Cristo, questi s'impegna per le cose sue.

Io non avrei mai pensato, che il Signore ci avesse aperta questa strada. Chi sa se il Signore volesse servirsi di questi signori, per far trovar la pace alla nostra Congregazione, e per fare acquistare ad essi il merito di questa santa opera?

Io mi sento più male di salute; ma vi assicuro che muoio troppo contento, se Gesù Cristo e la Madonna SSma mi fanno vedere la quiete nelle nostre Comunità.

Fate cogli accennati Signori i miei più rispettosi ringraziamenti, riserbandomi di farlo io ancora più opportunamente per via di lettera, e non vi scordate di ossequiarli da mia parte.

Benedico V. R. e mi raccomando a' suoi santi sacrifici. Resto

Di V. R.

Fratello ALFONSO.

Conforme all'originale che si conserva in una famiglia di Monterotondo.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos