Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Lettere

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 118 -


72. AL SIG. GIUSEPPE REMONDINI.

Dice di non poter preparare le aggiunte per la nuova ristampa della Pratica latina (ossia dell'Homo Apostolicus) prima che sia compiuta quella della volgare, e gliene dà la ragione.

 

Viva Gesù, Maria e Giuseppe!

NOCERA, 28 AGOSTO 1760.

 

Illmo Sig. Sig. e Pne colmo.

Io subito, come le scrissi, che ebbi la Pratica ristampata in Napoli, subito lasciai tutto e mi posi a faticare per servirla; e subito finite che ebbi tutte le aggiunte, che sono state molte, benché brevi con alcune lunghe, la spedii al Sig. Agazzi per mare.


- 119 -


Io non so quale sia stato poi il trattenimento; ma spero certo che a quest'ora in cui riceve questa mia, l'abbia già avuta da Roma; mentre il Sig. Agazzi, nella settimana passata, mi scrisse che già l'aveva inviata a V. S. Illma.

In quanto a mettere le stesse aggiunte alla latina, la servirò, ma con un poco di tempo; mentre ora sto affasciato di affari e ho da andare in Napoli a trattenermi per negozio della Congregazione.

Giacché V. S. Illma mi quest'incombenza, voglio cominciare frattanto a fare accomodare, sopra lo stesso libro stampato, tutti gli innumerabili errori che vi sono, e sopra lo stesso libro poi le manderò tutte le aggiunte, fatte alla volgare.

Ma perciò vorrei aspettare questa Pratica volgare ristampata; perché di quest'ultime aggiunte fatte, io non ne tengo copia, e forse neppure me le ricordo tutte; onde, se cosi le pare, aspettiamo la ristampa di questa volgare.

Di nuovo poi la ringrazio ed aspetto, quando v'è l'occasione, le Glorie di Maria e l'altre operette che mi scrive.

Godo sommamente della ristampa già prossima compita della Morale grande.

E quando è finita, non lasci di mandarne qui in Napoli più copie a vendere; perché qui con molta ansia si sta aspettando.

Ma come le dissi, di queste ne scriva poi al P. Ferrari, perché egli ne ha il pensiero.

Il P. Ferrari presentemente sta con febbre da più giorni; né credo che, in questo tempo di està, ha fatto molto smaltimento: perché lo smaltimento nostro è in tempo degli esercizî in casa, che si fanno d'inverno.

Resto confirmandomi - Viva Gesù Maria, e Giuseppe!

Di V. S. Illma

Umo e divmo servitore vero

ALFONSO DE' LIGUORI, della C. del SS. Redentore.

Conforme all'originale che si conserva nel nostro archivio generalizio di Roma.

 




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos