Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Lettere

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 308 -


194. AL SIG. GIAMBATTISTA REMONDINI.

Accusandogli ricevuta di una lettera, gli dà conto delle pratiche fatte per ricercare alcuni libri speditigli; parla dei pregi dell'Istruzione al popolo non che dell'opera che sta componendo, e si raccomanda anche una volta per la stampa delle opere spirituali.

 

Viva Gesù, Maria e Giuseppe!

[PRINCIPIO DI NOVEMBRE 1767]

 

Illmo Sig. Sig. e Pne Colmo.

Ho ricevuta la sua stimatissima ultima delli 10 di ottobre colla notizia della spedizione al Sig. Oronzio Noè della Morale e del libro della Fede, e mi ho fatto il notamento della signatura delle balle. E di nuovo la ringrazio delle 30 copie della Morale e delle 30 copie della Fede.


- 309 -


Io scrissi già al Sig. Noè per le 200 copie delle Meditazioni, ma non me ho avuta ancora risposta; ora di nuovo gli scriverò per le une e per le altre copie, e ne avviserò V. S. Illma di quel che mi risponde.

Il libretto dell'Istruzione già sta in fine. Subito ch'è compito, ce l'invierò. Il libretto viene picciolo, ma è tutto sugo. Io per fare questo libretto ho lette più Istruzioni grandi che vi sono; ma queste, perché sono troppo grandi e perché costano, poco si comprano e poco si leggono; e perciò la mia Istruzione l'ho fatta breve e compendiosa e di uno stile affatto semplice, nello stesso modo come si ha da rappresentare al popolo. Lo stile per tanto è tutto differente da quello della Fede.

Siccome poi ho tempo, vado proseguendo l'opera della Pratica di amare Gesù Cristo, e già ne ho fatta buona parte.

In quanto poi al corpo di tutte le mie opere ascetiche, ringrazio V. S. Illma della buona intenzione che tiene di consolarmi; ma temo che a lei resterà la buona intenzione, ed a me la speranza. Basta; almeno la prego a non dimenticarsene subito che avrà spicciati i suoi impegni premurosi.

Resto con tutto l'ossequio confermandomi

Di V. S. Illma

 

Divmo ed obblmo servitore vero

ALFONSO MARIA, vescovo di Sant'Agata.

Conforme all'originale che si conserva nel nostro archivio generalizio di Roma.

 




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos