Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Apparecchio alla Morte

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 35 -


PUNTO I

È scritta la sentenza della morte per tutti gli uomini: sei uomo, hai da morire. Dice1 S. Agostino:2 «Cetera nostra bona et mala incerta sunt, sola mors certa est». È incerto se quel bambino che nasce, dovrà esser povero o ricco, se ha d'avere buona o cattiva sanità, se avrà da morire giovine o vecchio: tutto è incerto, ma è certo che ha da morire. Ogni nobile, ogni regnante ha da essere reciso dalla morte. E quando giunge la morte, non v'é forza che possa resistere: si resiste al fuoco, all'acqua, al ferro: si resiste alla potenza de' principi, ma non può resistersi alla morte. «Resistitur ignibus, undis, ferro: resistitur regibus; venit mors, quis ei resistit?» (S. August. In psal. 12).3 Narra il Belluacense4 che un certo re di Francia, giunto in fine della vita disse: «Ecco che io5 con tutta la mia potenza non posso già ottenere che la morte mi aspetti un'ora di più». Quando è venuto il termine della vita, neppure per un momento si differisce. «Constituisti terminos eius, qui praeteriri non poterunt» (Iob. 14. 5).

Abbiate dunque a vivere, lettor mio, tutti gli anni che sperate, ha da venire un giorno, e di quel giorno un'ora, che sarà l'ultima per voi. Per me che ora scrivo, per voi che leggete questo libretto, sta già decretato il giorno e 'l punto, nel quale né io più scriverò, né voi più leggerete:6


- 36 -


«Quis est homo, qui vivit et non videbit mortem?» (Psal. 88. 49). È fatta la condanna: non v'è stato mai uomopazzo, che siasi lusingato di non avere a morire. Ciò ch'è succeduto a' vostri antenati, ha da succedere anche a voi. Di quanti nel principio del secolo passato viveano nella vostra patria, ecco che niuno n'è vivo. Anche i principi, i monarchi della terra han mutato paese; di loro non vi è altro qui rimasto che un mausoleo di marmo con una bella iscrizione, la quale oggi serve a noi d'insegnamento, che de' grandi del mondo altro non resta che un poco di polvere chiusa tra le pietre. Dimanda S. Bernardo:7 «Dic mihi, ubi sunt amatores mundi?» e risponde: «Nihil ex eis remansit, nisi cineres et vermes».

Pertanto bisogna che ci procuriamo non quella fortuna che finisce, ma quella che sarà eterna, giacché eterne sono l'anime nostre. A che servirebbe l'esser felice (se mai può darsi vera felicità in un'anima che sta senza Dio), se poi dovreste esser infelice per tutta l'eternità? Vi avete fatta già quella casa con tanta vostra soddisfazione,8 ma pensate che presto dovrete lasciarla e andare a marcire in una fossa. Avete ottenuta quella dignità, che vi rende superiore agli altri; ma verrà la morte, che vi renderà simile a' villani più vili della terra.

Affetti e preghiere

Ah povero di me,9 che per tanti anni non ho pensato che ad offendervi, o Dio dell'anima mia! Ecco che questi anni già son passati, la morte forse mi è già vicina, e che me ne trovo, se non pene e rimorsi di coscienza? Oh vi avessi sempre servito, Signor mio! Pazzo che sono stato! sono stato su questa terra a vivere già per tanti anni, ed invece di acquistarmi meriti per l'altra vita, mi son caricato di debiti colla divina giustizia.

Caro mio Redentore, datemi luce e forza di aggiustare al presente i conti. La morte forse poco da me sta lontana. Voglio apparecchiarmi per quel gran punto decisivo della mia felicità o infelicità eterna. Vi ringrazio d'avermi aspettato sinora.10 E giacché mi date tempo di rimediare


- 37 -


al mal fatto, eccomi, mio Dio, ditemi che ho da fare per Voi. Volete che io11 mi dolga dell'offese che vi ho fatte; io me ne dolgo, me ne dispiace con tutta l'anima. Volete ch'io spenda questi anni o giorni che mi restano in amarvi;12 sì che voglio farlo. Oh Dio, per lo passato anche più volte ho risoluto di farlo, ma le mie promesse son diventate poi tradimenti! No, Gesù mio, non voglio esser più ingrato a tante grazie che mi avete fatte. Se almeno ora non muto vita, come potrò in morte sperar perdono e paradiso? Ecco ora risolvo fermamente di mettermi a servirvi da vero.13 Ma Voi datemi forza, non mi abbandonate. Ma Voi non mi avete abbandonato, quando io vi offendeva; dunque spero maggiormente il vostro aiuto or che propongo di lasciar tutto per compiacervi.

Accettatemi dunque ad amarvi, o Dio degno d'infinito amore. Accettate il traditore che ora pentito s'abbraccia a' piedi vostri, e v'ama e vi cerca pietà. V'amo, o Gesù mio, v'amo con tutto il cuore, v'amo più di me stesso. Eccomi son vostro. Disponete di me e di tutte le mie cose come vi piace; datemi la perseveranza nell'obbedirvi, datemi il vostro amore, e poi fate di me quel che volete.

Maria, Madre, speranza, rifugio mio, a Voi mi raccomando, a Voi consegno l'anima mia; pregate Gesù per me.




1 [6.] Dice) Dicea ND1 VR ND3 BR1 BR2.



2 [6.] S. AUGUST., Sermo 97, c. III, n. 3; PL 38, 590.



3 [14.] S. AUGUST., Enarrat. in Ps. CXXI, n. 12; PL 37, 1628: «Resistitur ignibus, undis, ferro: resistitur potestatibus, resistitur regibus: venit una mors, quis ei resistit?» Cfr. CC 40, 1812.



4 [14.] V. BELLOVACENSIS, Spec. mor., l. II, p. I, dist. 3; Venetiis 1591, 125, col. I: «Item rex Franciae laborans ad mortem, et desperatus a medicis et positus in cinerem, vocavit omnes astantes, dicens: Ecce ego qui ditissimus eram, et nobilissimus de mundo et potentissimus pro omnibus divitiis meis et potentia et amore non possum extorquere a morte inducias ab hac infirmitate per unicam horam. Quid ergo valent ista omnia? Et hoc dicens, omnes audientes concitavit ad fletum. Ipse contra spem a Domino curatus cum crederetur mortuus resurgens, et Deo gratus existens crucem accepit». Cfr. MANSI, op. cit., III, 277, col. 2.



5 [15.] che io) ch'io VR BR1 BR2.



6 [23.] più leggerete, om. più in NS7.



7 [9.] Ps. BERNARDUS, Meditationes piissimae de cognitione humanae conditionis, c. III, n. 9; PL 184, 491. L'autore è anonimo; l'opera è attribuita da alcuni ad Ugo da S. Vittore: cfr. Glorieux, 71.



8 [15.] soddisfazione) sodisfazione VR.



9 [20.] povero di me) povero me VR BR1 BR2.



10 [30.] sinora) finora VR BR1 BR2.



11 [2.] che io) ch'io VR BR1 BR2.



12 [4.] amarvi;) amarvi? VR BR1 BR2.



13 [9.] da vero) davvero VR BR1 BR2.






Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos