Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Lettere

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 581 -


347. AI CANONICI CONFESSORI DI SANT'AGATA.

Ricorda loro l'obbligo che hanno di assistere al confessionale, specialmente nei giorni di festa.

 

[SANT'AGATA, NOVEMBRE 1764.]

 

Ho inteso, con molta mia pena, che la gente di Sant'Agata molto si è lamentata che le SS. VV. Rme, parlando de' confessori, poco assistono al confessionario e neppure nel giorno di domenica.

Io ricordo loro che buona parte delle rendite del Capitolo, come già sanno, provengono dalle rendite delle parrocchie; onde già sanno che ciascuno di loro Signori ha l'obbligo in solidum di curato, sicché quando manca uno è obbligato l'altro; perciò non vale il dire: perché ho d'assistere io al confessionario e non gli altri? L'obbligo radicale è di ciascuno; ed è obbligo ben anche di giustizia: perché ciascuno gode de' beni de' cittadini di Sant'Agata. I due parrochi non possono giungere a contentare la gente. Dunque sono obbligati i Signori canonici. Ma i Signori canonici, quando è tempo di confessare, se ne vanno in coro a dire l'officio, quando io ho già dispensata a' confessori la puntatura in giorno di festa, per quando assistono in confessionario. Con maggior mia pena ho inteso


- 582 -


ancora che, anche quei Signori canonici che erano i più frequenti al confessionario, essi pure han lasciato di assistere.

Io da molto tempo doveva scrivere questa mia; ma ho trattenuto sinora, in cui sta vicino l'avvento e tutte le altre feste solenni che sieguono. I Signori canonici confessori non solo debbono aver la cura delle anime di Sant'Agata, e ciò per giustizia, ma ancora per carità di tutti i diocesani; tanto più che io ho tolta la facoltà de' casi riservati quasi a tutti, fuori de' parrochi; e l'ho data ai confessori di Sant'Agata, acciocché la gente che viene trovi chi la senta.

Prego pertanto per le viscere di Gesù Cristo e per amore di Maria SSma tutti i Signori confessori canonici ad assistere, nelle feste, al confessionario. Sono sicuro che saranno per esaudire i mei voti, senza darmi motivo di disgusto.

Conforme alla edizione romana,

 




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos