Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Lettere

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

213. Ai parroci e confessori.1

Delega parroci e confessori ad impartire la Benedizione Apostolica in articulo mortis.

 

S. Agata, 16. 01. 1764.

 

Molto Ill.mi e molto Rev.di Sig.ri

Essendosi degnata la S. di N.ro Sig.re PP. Clemente XIII felicem.te regnante concedere a Noi la facoltà di potere impartire la Benedizione Ap.lica coll'Indulgenza Plenaria in articulo mortis agl'infermi costituti in extremis in questa Città e n.ra Diocesi, che siano veramente pentiti e premuniti de' Sagramenti, ò talvolta afflitti dal morbo, non potendo ciò fare, invochino, contriti, colla bocca ò col cuore il S.mo Nome di Gesù, abbracciandosi con pazienza la morte come debito del peccato dalla mano del Sig.re Iddio, con potere ad altri una tal facoltà delegare a chi meglio a Noi piacerà.

Imperciò per non far rimanere prive di un tal Tesoro l'anime, che doveranno far passaggio da questa all'altra vita, colla presente communichiamo la facoltà sudetta a tutti gli Arcipreti, Parochi, Sostituti e Confessori da Noi approvati tanto secolari, quanto regolari di d. a Città e n.ra Diocesi, perché potessero essi prontamente quante volte fa bisogno avvalersene, con osservare ben vero in omnibus la forma di altra lettera in riguardo a ciò spedita in aprile dell'anno 1747 dalla fel. mem. di Benedetto XIV.

Non intralasciando al medesimo tempo di rimettere quì inchiusa la lettera a Noi diretta2 dall'accennata S. di N.ro Signore, con cui ci comunica tal facoltà da poterla come sopra anco ad altri delegare, affinché ciascheduno possa trascriversi la formola in piè della medesima ordinata in ogni caso, che doverà impartirsi una tal Benedizione e Plenaria Indulgenza oninamente da osservarsi.

Tanto esseguano le SS.VV. con rimandare a Noi la dinotata originale Lettera di Roma a Noi diretta, con fare in piè della presente le respettive velate. Ed implorandole dal cielo la pienezza di ogni bene, restiamo compartendole la nostra Pastoral Benedizione.

Santagata 16 del 1764.

Aff.mo come Fratello3

 

Analisi della lettera fatta dal P. Andreas Sampers.

Pubblicata in Spicilegium Historicum, Roma, 9 (1961) pp. 530-531.




1 Questa lettera è stata pubblicata nel Volume III, Lettera n. 342, ma in modo lacunoso e non corretto. La Bolla di Benedetto XIV «Pia Mater Ecclesia», con la quale si concede ai vescovi la facoltà di impartire la Benedizione con l'Indulgenza plenaria ai fedeli in punto di morte, con facoltà di delegare, sta nel Bollario di Benedetto XIV ed è del 5 aprile 1747 presso S. Maria Maggiore. La Delegazione di Clemente XIII, ricordata da S. Alfonso, sembra abbia avuto luogo dopo la petizione espressa del Vescovo di S. Agata.



2 Manca questo foglio.



3 Manca la firma apposta dal Santo, perché asportata da pia mano.






Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos