Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Lettere

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

313. A Paci Onofrio, Napoli.

Lo prega d'interessarsi dell'approvazione di una sua opera

 

Viva Gesù Maria e Giuseppe

Arienzo, 24 maggio 1772

Sento che sono usciti altri memoriali, ed il mio è restato addietro. Dio faccia che quest'altro mio libro non abbia d'avere la stessa mala fortuna del Domenicale, che stiede un anno e mezzo ad uscire.

Seguitate a afer l'impegno con quella persona che vi ha promesso di farlo uscire, e se vi bisogna qualche regalo, io lo pagherò ma temo che il vostro mezzano non ci arrivi. Pertanto io ho scritto a D. Michele Acciardi ed al Can.co Malizia, il quale tiene molti amici.

Frattanto V.S. subito consegni a Fratto Francesco una copia intiera di tutta l'opera perché voglio mandarla al Sig. Marchese Tanucci anche prima di uscire il Memoriale perché da lui temo l'impedimento che mi ha fatto e mi potrà fare.

E perché ora vi manca la stampa delle approvazioni seconda l'ultima copia che mi mandò, perché questo cartesino io lo metterò sciolto al luogo ove ha da venire, e farò dire al Sig. Marchese Tanucci dalla persona che gli consegnerà il libro che le Approvazioni stanno senza il Decreto della Camera, perché il Memoriale ha ancora da uscire da Palazzo. Ciò servirà per fare sbrigare il Dispaccio della Pubblicazione. Ho scritto già a Fratto Francesco che subito ce la consegni col cartesino sciolto stampato in buona carta. Non altro. Resto di V.S. Ill.ma ecc.

Io sto apparecchiando l'altro libro che voglio stampare di cose divote, intitolato, Pensieri di Eternità; ò già raccolta la materia ed ho cominciato a stenderla; ma mi bisogna tempo per dar di mano alla stampa, acciocché l'opera venga ordinata, ma non posso cominciare la stampa se non finisco di stendere tutta l'opera, e quel che ha da venire appresso. E nell'opera vi verrano più trattatini diversi.

Servo Aff.mo Alfonso de Liguori

Vescovo di S. Agata.

 

Analisi della lettera fatta dal P. Giuseppe Cacciatore.

Pubblicata in G. CACCIATORE, S. Alfonso de Liguori e il giansenismo, Firenze 1944, p. 578.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos