Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Lettere

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

425. Ai Padri e Fratelli delle case di Scifelli e Frosinone.

Inculca l'osservanza perfetta delle Regole di Benedetto XIV

 

[Nocera, 10. 1778].

 

"Padri, e Fratelli miei,

giacché ha voluto Gesù Cristo piantare la nostra menoma Congregazione nello Stato Pontificio, dove la nostra Regola approvata dal Papa è senza dubbio in tutto il vigore, altro non desidero dalle Riverenze Vostre, che l'esatta osservanza nella perfetta vita comune, nella povertà, nell'ubbidienza, ed in tutt'altro che prescrivono le nostre Costituzioni, e Regole.

Se Iddio mi ha consolato con queste due Fondazioni, voglio la consolazione veder almeno in codeste Case posta in piede l'osservanza della Regola, e vedere glorificato Iddio con detta osservanza. Prima di morire, questa è l'unica cosa, che mi preme raccomandarvi, l'osservanza della Regola da cui dipende ogni benedizione di Dio, il vero spirito de' Congregati, il frutto delle Missioni, la propagazione dell'Istituto, ed il conseguimento del suo fine.

Prego non pigliar esempio dalla pratica di queste quattro Case del Regno di Napoli, ove la Congregazione, e la Regola non sono approvate da Sua Maestà; ma più tosto che le altre Case presenti, e future piglino esempio del vero spirito dell'Istituto, e della perfetta osservanza da codeste due Case della Campagna. "

"Questo raccomando, e v'inculco con tutta premura ora, e sempre. Non vi desidero ricchezze, ma il puro vitto necessario, coll'amore, e stima della Regola che ci ha data Iddio per la santificazione vostra, e per quella delle Anime. Ajutate le Anime, ma specialmente i poverelli, i rozzi, ed i più abbandonati. Ricordatevi che Dio evangelizare pauperibus misit nos in questi tempi. Imprimetevi bene questa massima; e cercate solo Iddio ne' poveri abbandonati, se volete dar gusto a Gesù-Cristo.

Sopratutto voglio, che attendiate con fervore a coltivare la povera gente de' paesi, dove sono fondate le Case, con Catechismi, Dottrina cristiana, Confessioni, ed altri ajuti soliti del nostro Istituto, affinché defraudati non restino delle concepute speranze di vedersi santificati colle vostre fatighe.

 

Pubblicata in Tannoia, Vita di S. Alfonso, Lib. IV, cap. 9, p. 44




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos