Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Lettere

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

501. Ad un Redentorista.

Raccomanda la confidenza nella protezione di Maria SS. per ottenere la grazia della perseveranza.

 

(Nocera), 12. 01. 1785.

 

Fratello mio,

Io più volte vi ho assicurato che Maria SS. proteggerà la vostra eterna salute. Ma voi [= poi?] sono già più volte che siete venuto da me a parlarmi senza parlarmi, dimostrando con ciò di non avere quella confidenza che voglio da voi, cioè che confidiate che Maria SS. abbia ad ottenervi la salute eterna.

Pertanto, se volete tornare da me, non vi tornate più, seguitando a tacere, ma ditemi che confidando a Maria volete sperare di salvarvi, come spero io. Dunque Madre mia SS. ma, io confido e spero nella vostra misericordia, che Voi mi avete da far morire in grazia di Dio e colla grazia del paradiso, dopo di avere finito di purgare tutti i miei peccati dopo la mia morte». -E così restiamo; altrimenti non tornate a visitarmi, perché non vi darò più udienza. E con questo pensiero proponete a restare.

E con ciò vi do la santa benedizione in nomine Patris et Filii et Spiritus Sancti. Amen.

A 12 Gen. 1785

Io F. Fran.co Ant. Romito attesto il dettante di questa il nostro Padre Mons. Liguori.

 

La lettera è scritta dal Frat. Francesco Romito che aggiunge un attestato. Trascrizione secondo l'originale conservato in A G.

Analisi della lettera fatta dal P. Andreas Sampers.

Pubblicata in Spicilegium Historicum, Roma, 11 (1963), p. 304-305.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos