Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Meditaz. per li giorni dell'Avvento

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 142 -


Affetti e preghiere.

Ma come va, Gesù mio, che quella ruina del peccato che voi avete riparata colla vostra morte, io tante volte ho ritornato poi a rinnovarmela volontariamente con tanti affronti che vi ho fatti? Voi a tanto costo mi avete salvato, ed io tante volte mi ho voluto perdere, perdendo voi bene infinito. Ma mi confidenza quel che voi avete detto, che quando il peccatore che vi ha voltate le spalle, si converte a voi, voi non lasciate di abbracciarlo: Convertimini ad me..., et convertar ad vos (Is. XLV, 22).3 Voi ancora avete detto: Si quis... aperuerit mihi ianuam, intrabo ad illum (Apoc. III, 20). Ecco, Signore, io sono uno di questi ribelli, ingrato e traditore che più volte vi ho voltate le spalle e vi ho discacciato dall'anima mia, ma ora mi pento con tutto il cuore di avervi cosi maltrattato e cosi disprezzato la vostra grazia. Mi pento e v'amo più d'ogni cosa. Ecco la porta del mio cuore è già aperta; entrate voi, ma entrate per non partirvene più. Già so che voi non vi partirete mai s'io non torno a discacciarvi; ma questo è il mio timore e questa è la grazia che vi dimando e sempre spero di dimandarvi: fatemi morire prima ch'io avessi ad usarvi questa nuova e maggiore ingratitudine.

Caro mio Redentore, io per l'offese che vi ho fatte non meriterei più d'amarvi; ma vi cerco per li meriti vostri il dono del vostro santo amore. E perciò fatemi conoscere il gran bene


- 143 -


che siete, l'amore che voi mi avete portato e quanto avete fatto per obbligarmi ad amarvi. Ah mio Dio e Salvatore, non mi fate più vivere ingrato a tanta vostra bontà. Io non voglio lasciarvi più, Gesù mio. Basta quanto v'ho offeso. È ragione che questi anni che mi restano di vita, gl'impieghi tutti in amarvi e darvi gusto. Gesù mio, Gesù mio, aiutatemi; aiutate un peccatore che vi vuole amare.

O Maria madre mia, voi tutto potete con Gesù, gli siete madre. Ditegli che mi perdoni; ditegli che m'incateni col suo santo amore. Voi siete la mia speranza, a voi confido.




3 Convertimini ad me, ait Dominus exercituum: et convertar ad vos, dicit Dominus exercituum. Zach. I, 3.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos