Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Meditaz. per li giorni dell'Avvento

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 148 -


Affetti e preghiere.

O Verbo divino fatt'uomo per me, bench'io vi veda così umiliato e fatto piccolo bambino nell'utero di Maria, io vi confesso e vi riconosco per mio signore e re, ma re d'amore. Caro


- 149 -


mio Salvatore, giacché voi siete venuto in terra a vestirvi della nostra misera carne per regnare sopra de' nostri cuori, deh venite a stabilire il vostro regno anche nel cuore mio che un tempo è stato dominato da' vostri nemici, ma ora è vostro, come spero, e voglio che sia sempre vostro, e che da oggi avanti voi ne siate l'unico signore. Dominare in medio inimicorum tuorum (Ps. CIX, 2). Gli altri re regnano colla forza delle armi, ma voi venite a regnare colla forza dell'amore, e perciò non venite con pompe regali, non vestito di porpora e d'oro, non ornato di scettro e di corona, né circondato da eserciti di soldati. Venite a nascere in una stalla, povero, abbandonato, e ad esser collocato in una mangiatoia su d'un poco di fieno, perché così volete cominciare a regnare ne' nostri cuori.

Ah mio re bambino, e come ho potuto io ribellarmi tante volte da voi e vivere tanto tempo a voi nemico, privo della vostra grazia, quando voi per obbligarmi ad amarvi avete deposta la vostra maestà divina e vi siete tanto umiliato sino a comparire or da bambino in una grotta, or da garzone in una bottega, or da reo sopra una croce? Oh felice me, se or che sono uscito, come spero, dalla schiavitù di Lucifero, mi lascerò sempre dominare da voi e dal vostro amore!

O mio re Gesù, che siete così amabile e così amante delle anime nostre, su prendete il possesso di tutta l'anima mia; a voi tutta la dono. Accettatela a servirvi per sempre, ma a servirvi per amore. La vostra maestà merita d'esser temuta; ma più merita d'esser amata la vostra bontà. Voi re mio siete, e sarete sempre l'unico mio amore; e l'unico timore che avrò, sarà il timore di darvi disgusto. Così spero. Aiutatemi voi colla vostra grazia.

Cara signora mia Maria, voi mi avete da ottenere l'esser fedele a questo amato re dell'anima mia.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos