Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Meditazioni...giorni della novena

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 196 -


Affetti e preghiere.

Dunque sarà vero, o Gesù mio, che voi siete sceso dal cielo per farvi amare da me; siete venuto ad abbracciarvi una vita di pene ed una morte di croce per amor mio, acciocch'io vi accogliessi nel mio cuore, ed io tante volte ho potuto scacciarvi da me dicendo, recede a me, Domine, partitevi da me, Signore, ch'io non vi voglio?

Oh Dio, se voi non foste bontà infinita e non aveste data la vita per perdonarmi, non avrei animo di cercarvi perdono; ma sento che voi stesso mi offerite la pace: Convertimini ad me, ait Dominus... et convertar ad vos (Zach. I, 3). Voi stesso che siete stato, o Gesù mio, l'offeso da me, vi fate il mio intercessore: Ipse est propitiatio pro peccatis nostris (I Io. II, 2). Dunque non voglio farvi questo nuovo torto di sconfidare della vostra misericordia. Io mi pento con tutta l'anima di avervi disprezzato, o sommo bene; ricevetemi voi nella vostra grazia per quel sangue che avete sparso per me. Pater,... non sum dignus vocari filius tuus.6 No che non son degno io, mio Redentore e Padre mio, d'esser più figlio vostro, avendo tante volte rinunziato al vostro amore; ma voi me ne fate degno coi meriti vostri.

Vi ringrazio, Padre mio, vi ringrazio e v'amo. Ah il solo pensiero della pazienza colla quale voi mi avete sopportato per tanti anni, e delle grazie che mi avete dispensate, dopo tante ingiurie che v'ho fatte, dovrebbe farmi vivere sempre ardendo del vostro amore. Venite dunque, Gesù mio, ch'io non voglio scacciarvi più: venite ad abitare nel mio povero cuore. Io v'amo e voglio sempre amarvi; ma voi infiammatemi sempre più, ricordandomi l'amore che mi avete portato.

Regina e madre mia Maria, aiutatemi, pregate Gesù per me, fatemi vivere grato, nella vita che mi resta, a questo Dio che mi ha tanto amato anche dopo ch'io l'ho tanto offeso.




6 Luc. XV, 18, 19, 21.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos