Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Apparecchio alla Morte

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 127 -


PUNTO III

«Tempus breve est... qui utuntur hoc mundo, tanquam non utantur, praeterit enim figura huius mundi» (1. Cor. 7. 31).1 Che altro è la nostra vita su questo mondo, se non una scena che passa e presto finisce? «Praeterit figura huius mundi»; figura cioè scena, commedia. «Mundus est instar scenae (dice Cornelio a Lapide),2 generatio praeterit, generatio advenit. Qui regem agit, non auferet secum purpuram. Dic mihi, o villa, o domus, quot dominos habuisti?» Quando finisce la commedia, chi ha fatta la parte del re, non è più re; il padrone, non è più padrone. Ora possiedi quella villa, quel palagio; ma verrà la morte, e ne saran padroni gli altri.

«Malitia horae oblivionem facit luxuriae magnae» (Eccli. 11. 29). L'ora funesta della morte fa scordare e finire tutte le grandezze, le nobiltà ed i fasti del mondo. Casimiro re di Polonia3 un giorno, mentre


- 128 -


stava a mensa co' grandi del suo regno, accostando la bocca ad una tazza per bere, morì, e finì per lui la scena. Celso imperadore,4 in capo a sette giorni ch'era stato eletto, fu ucciso, e finì la scena per Celso. Ladislao re di Boemia,5 giovine di 18 anni, mentre aspettava la sposa, figlia del re di Francia, e si apparecchiavano gran feste, ecco in una mattina preso da un dolore se ne muore; onde si spediscono subito i corrieri ad avvisare la sposa, che se ne torni in Francia, poiché per Ladislao era finita la scena. Questo pensiero6 della vanità del mondo fe' santo S. Francesco Borgia,7 il quale come di sopra si considerò a vista dell'imperadrice Isabella, morta in mezzo alle grandezze e nel fiore di sua gioventù, risolse di darsi tutto a Dio, dicendo: «Così dunque finiscono le grandezze e le corone di questo mondo? Voglio dunque da ogg'innanzi servire ad un padrone, che non mi possa morire».

Procuriamo di vivere in modo, che non ci sia detto in morte, come fu detto a quel pazzo del Vangelo: «Stulte, hac nocte animam tuam repetent a te, et quae parasti cuius erunt?» (Luc. 12. 20).8 Onde conclude S. Luca: «Sic est qui sibi thesaurizat, et non est in Deum dives». E poi dice: Procurate di farvi ricchi, non già nel mondo di robe, ma in Dio9 di virtù e di meriti, che son beni che saranno eterni con voi in cielo: «Thesaurizate vobis thesauros in coelo, ubi neque aerugo neque tinea demolitur».10 E perciò attendiamo ad acquistarci il gran tesoro del divino amore. «Quid habet dives, si caritatem non habet? Pauper si caritatem habet, quid non habet?» dice S. Agostino.11 Se uno


- 129 -


ha tutte le ricchezze e non ha Dio, egli è il più povero del mondo. Ma il povero che ha Dio, ha tutto. E chi ha Dio? chi l'ama: «Qui manet in caritate, in Deo manet, et Deus in eo» (1. Io. 4. 16).

Affetti e preghiere

Ah mio Dio, non voglio che più il demonio abbia ad aver dominio nell'anima12 mia; Voi solo voglio che ne siate il padrone, e la dominiate. Io voglio lasciar tutto per acquistare la grazia vostra. Stimo più questa, che mille corone e mille regni. E chi ho d'amare, se non voi amabile infinito, bene infinito, bellezza, bontà, amore infinito? Per lo passato io vi ho lasciato per le creature; questo mi è, e mi sarà sempre un dolore che mi trafiggerà il cuore d'avere offeso Voi, che mi avete tanto amato. Ma dopo che mi avete ligato13 mio Dio, con tante grazie, no che non mi fido14 più di vedermi privo del vostro amore. Prendetevi, amor mio, tutta la mia volontà e tutte le mie cose; fatene15 di me quello che vi piace. Se per lo passato mi sono disturbato nelle cose contrarie, ve ne domando perdono. Non voglio lamentarmi più, Signor mio, delle vostre disposizioni; so che tutte son sante, e tutte per mio bene. Fate, mio Dio, quel che volete, vi prometto di chiamarmene sempre contento, e sempre ringraziarvene. Fate ch'io v'ami, e niente più vi domando. Che beni! che onori! che mondo? Dio, Dio, voglio solo Dio.

Beata voi, o Maria, che nel mondo non amaste altro che Dio! Impetratemi ch'io v'accompagni almeno in questa vita che mi resta: in Voi confido.




1 [7.] I Cor., 7, 29-31.



2 [10.] CORNELIUS A LAPIDE, In I ad Cor., VII, 31; 18, Parisiis 1861, 316: «Est enim mundus instar scenae in qua peragitur fabula vitae huius, homines personae sunt, intrant, abeunt: locus theatri est terra. Generatio praeterit, inquit Ecclesiastes, cap. I, vers. 4, et generatio advenit... Qui regem agit, non auferet secum purpuram, quam hic gestavit… Vulgo dicimus: Dic mihi, o villa, o domus, o praebenda, o pecunia, quot dominos habuisti, et quot adhuc habitura es?»



3 [18.] S. LEONARDO DA PORTO MAUR., Lezioni sopra la morte, lez. II; Opere, I, Venezia 1868, 436: «Nel convito bevendo la prima volta muore [a. 1194] Casimiro II, re di Polonia».



4 [2.] BARONIUS C., Annales ecclesiastici, an. 264, n. 8: III, Lucae 1738, 147: «Novis rursus tyrannis exagitatur romanum imperium, Trebelliano ab Isauris imperatore creato, et in Africa… appellatus est imperator Celsus; sed ambo hi quamprimum sublati sunt, illo a Gallieno duce Causiroleo, hoc vero a Siccensibus populis Gallieno addictis, septimo die occisis».



5 [4.] FLEURY C., Storia ecclesiastica, l. CXI, n. 37; XXXVII, Siena 1780, 293: «Fu questo principe [Ladislao] avvelenato, e morì verso la fine di novembre 1457, non avendo più di anni diciotto... Questa triste notizia arrivò in Francia, quando apparecchiavasi la principessa [Maddalena] a partire per Boemia. Gli ambasciatori costernati, come tutta la corte, presero congedo dal re di Francia».



6 [8.] pensiero) pensiere NS7: err. tipografico.



7 [9.] BARTOLI D., Della vita di S. Francesco Borgia, Roma 1681, 23 ss.



8 [17.] Luc., 12, 21.



9 [19.] in Dio) di Dio VR BR1 BR2.



10 [21.] Matth., 6, 20.



11 [23.] PS. AUGUST., Sermo 112, n. 2; PL 39, 1968: «Si caritatem habes, Deum habes; et si Deum habes, quid non habes? Dives, si caritatem non habet, quid habet? Pauper, si caritatem habet, quid non habet?» Questo sermone trovasi nell'Appendice degli scritti dubbi del santo Dottore (cfr. Glorieux, 24; Clavis, 368). Il sermone è di s. Cesario.



12 [6.] nell'anima) dell'anima ND1 VR ND3 BR1 BR2; dominiate) dominate NS7.



13 [12.] ligato) legato BR1 BR2.



14 [13.] Non mi fido, napoletanismo per non ho forza.



15 [14.] fatene) e fatene ND1 VR ND3 BR1 BR2.






Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos