Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Traduzione de' Salmi e de' Cantici

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 662 -


FERIA III.

Salmo 24. del salterio.

Davide in questo salmo implora il soccorso da Dio nelle sue persecuzioni; e considerandole come una giusta pena delle sue colpe rinnova gli atti di pentimento. Quindi ben possiamo applicare a noi stessi questo salmo in tempo che stiamo tribolati ed afflitti dalle tentazioni che ci danno gli uomini e i demonj.

Ad te, Domine, levavi animam meam; Deus meus, in te confido; non erubescam. Signore, a voi sollevo il mio spirito; mio Dio, in voi confido; spero col vostro aiuto di non restar confuso con vedermi vinto da' miei nemici.

Neque irrideant me inimici mei: etenim universi qui sustinent te, non confundentur. Non permettete ch'essi abbiano a deridermi dopo avermi vinto; giacché tutti quei che aspettano da voi il soccorso non mai resteranno confusi.

Confundantur omnes iniqua agentes supervacue. Restino più presto confusi tutti gli iniqui in vedere che invano hanno amate le loro iniquità, senza il frutto che ne speravano.

Vias tuas, Domine, demonstra mihi; et semitas tuas edoce me. Dimostratemi, Signore, lo strade per cui volete ch'io cammini; ed insegnatemi a tenere quei sentieri che mi portano a voi.

Dirige me in veritate tua et doce me; quia tu es Deus salvator meus, et te sustinui tota die. Dirigetemi per la via retta ed istruitemi nella vostra legge; giacché voi siete, mio Dio, il mio salvatore, e da voi continuamente aspetto il soccorso.

Reminiscere miserationum tuarum, Domine, et misericordiarum tuarum quae a saeculo sunt. Ricordatevi Signore, delle vostre misericordie, e di quelle misericordie che usate al mondo da tanti secoli.

Delicta iuventutis meae et ignorantias meas ne memineris. E dimenticatevi di tutti i miei peccati ed ignoranze colpevoli della mia gioventù.

Secundum misericordiam tuam memento mei tu; propter bonitatem tuam, Domine. Ricordatevi di me, Signore, secondo la vostra misericordia; e per la vostra infinita bontà abbiate pietà di me.

Dulcis et rectus Dominus; propter hoc legem dabit delinquentibus in via. Il Signore è insieme giusto e dolce; perciò a coloro che han delinquito nella loro vita darà la norma di rientrare nel retto sentiero.

Diriget mansuetos in iudicio; docebit mites vias suas. Condurrà i mansueti nel giudizio, cioè per la via retta della sua legge (la quale nelle scritture si chiama giudizio) ed istruirà i cuori docili a camminare per le sue vie.

Universae viae Domini misericordia


- 663 -


et veritas, requirentibus testamentum eius et testimonia eius. Tutta la condotta del Signore è usar misericordia e fedeltà nelle promesse a' suoi servi, che tengono avanti gli occhi il patto fatto fra Dio e gli uomini che gli son fedeli in osservare i suoi precetti.

Propter nomen tuum, Domine, propitiaberis peccato meo; multum est enim. Mi userete, Signore, misericordia a riguardo de' miei peccati; ch'essendo da voi perdonati, quanto più essi sono stati gravi e molti, tanto più faranno risplendere la vostra gloria.

Quis est homo, qui timet Dominum? legem statuit ei in via quam elegit. Chi è quell'uomo che da vero teme Dio? è colui al quale il Signore ha insegnata la via, per la quale egli ha poi eletto di camminare.

Anima eius in bonis demorabitur; et semen eius haereditabit terram. La sua anima dimorerà ne' beni, cioè continuamente sarà arricchita di beni spirituali e temporali; ed i suoi figli, imitando il suo buono esempio, saranno eredi della terra promessa, cioè del cielo.

Firmamentum est Dominus timentibus eum; et testamentum ipsius ut manifestetur illis. Il Signore è un fermo appoggio a coloro che lo temono; ai quali manifesta il suo patto di proteggere i suoi servi fedeli.

Oculi mei semper ad Dominum; quoniam ipse evellet de laqueo pedes meos. Terrò dunque gli occhi miei sempre fissi nel Signore; poiché egli mi libererà da' lacci che mi tendono i miei nemici.

Respice in me et miserere mei; quia unicus et pauper sum ego. Mio Dio, volgete gli occhi verso di me ed abbiate di me pietà; perché io son solo e povero, ed i miei nemici son molti e potenti.

Tribulationes cordis mei multiplicatae sunt; de necessitatibus (l'ebreo pone pressuris) meis erue me. Le angustie del mio cuore son cresciute; per pietà liberatemi da tante mie necessità che mi opprimono.

Vide humilitatem meam et laborem meum; et dimitte universa delicta mea. Guardate la mia debolezza e gli affanni che provo: so che i miei peccati ne son la causa; pertanto datemene un general perdono.

Respice inimicos meos quoniam multiplicati sunt; et odio iniquo oderunt me. Guardate quanto son moltiplicati i miei nemici e quanto perverso è l'odio che mi portano.

Custodi animam meam et erue me; non erubescam, quoniam speravi in te. Custodite voi l'anima mia e salvatemi dalle loro mani; no, che non resterò confuso, dopo aver io riposta tutta la mia confidenza in voi.

Innocentes et recti adhaeserunt mihi; quia sustinui te. I giusti e quei che son retti di cuore si sono a me uniti per difendermi, vedendo che io ho confidato in voi.

Libera, Deus, Israel ex omnibus tribulationibus suis. Liberate, mio Dio, tutti coloro che sono del popolo d'Israele; liberateli da tutte le loro afflizioni.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos