Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
La vera Sposa di Gesù Cristo

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 307 -


Preghiera.

(Questa preghiera sarebbe bene replicarla ogni giorno)

Eterno Padre, il vostro Figlio ci ha promesso che voi ci darete tutte quelle grazie, che noi vi domandiamo in suo nome. Confidata dunque in questa promessa, io, in nome e per li meriti di Gesù Cristo, vi domando le seguenti grazie; e quel che chiedo per me, intendo chiederlo anche per tutti gli uomini.

Per 1. vi domando il perdono di tutte l'offese che v'ho fatte, delle quali mi pento con tutto il cuore sopra ogni male, per aver disprezzata la vostra bontà infinita, e propongo prima di morir mille volte che tornare ad offendervi.

Per 2. vi domando la vostra luce divina che mi faccia conoscere la vanità de' beni di questa terra e la grandezza del bene infinito che siete voi.

Per 3. vi domando il vostro santo amore, che mi distacchi da tutto il creato e specialmente da me stessa, per non amare altro che voi e la vostra santissima volontà: Tui amoris in corde meo ignem accende.

Per 4. datemi confidenza ne' meriti di Gesù Cristo e nel patrocinio di Maria.

Per 5. vi domando la santa perseveranza nella grazia vostra. Signore, voi già sapete la mia debolezza e quanti tradimenti v'ho fatti, dopo tante promesse; se voi non mi soccorrete sempre col vostro aiuto, io tornerò miseramente a perdere la vostra grazia. Dio mio, non lo permettete: Ne permittas me separari a te: ne permittas me separari a te.

Io propongo in tutte le tentazioni e bisogni di ricorrere sempre a voi; e sto sicura che sempreché a voi mi raccomanderò, voi mi soccorrerete; ma di questo io temo: temo di trascurare di ricorrere a voi, e che questa mia trascuraggine abbia ad essere poi la causa della mia ruina.

Deh, Eterno Padre, per l'amore che portate a Gesù Cristo, concedetemi la grazia della preghiera, cioè di pregarvi sempre a darmi il vostro aiuto, replicando sempre: Dio mio, aiutatemi; Gesù mio, misericordia; Maria, madre mia, soccorretemi.

A voi mi rivolgo in fine, o avvocata e speranza mia, Maria; voi ottenete da Dio quanto cercate; vi prego anche, per l'amore


- 308 -


che portate a Gesù Cristo, ad impetrarmi la santa perseveranza e la grazia di raccomandarmi sempre al vostro Figlio ed a voi.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos