Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Via della salute

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 52 -


MISERICORDIA DI DIO IN CHIAMARE IL PECCATORE A PENITENZA

 

"Adam, ubi es?" (Gen. 3. 9).1 Queste son voci (dice un autore) d'un Padre, che ha perduto il figlio, e lo va cercando. O immensa pietà del nostro Dio! Pecca Adamo, volta le spalle a Dio, e Dio non l'abbandona, ma gli va appresso chiamandolo: "Adamo mio, dove sei? ti vo cercando: perché già ti ho perduto". Così anima mia, ha fatto Iddio tante volte con te; tu l'hai lasciato peccando, ma egli non ha lasciato di venirti appresso, chiamandoti con tanti lumi interni, co' rimorsi di coscienza e sante ispirazioni: tutte voci di pietà e d'amore.

O Dio di misericordia, o Dio d'amore, e come ho potuto io offendervi tanto ed esservi così ingrato!

 

Come un padre, che vedendo il figlio andare a precipitarsi da un monte, gli va appresso piangendo per trattenerlo e non vederlo


- 53 -


perduto, così, mio Dio, avete fatto voi con me. Io andava già co' miei peccati a precipitarmi nell'inferno, e voi mi avete trattenuto.

Vedo già, mio Signore, l'amore che mi avete portato, e spero di venire in cielo a lodare per sempre le vostre misericordie: "Misericordias Domini in aeternum cantabo".2 So, Gesù mio, che voi mi volete salvo; ma non so, se mi avete perdonato ancora. Deh donatemi un gran dolore de' miei peccati, donatemi un3 grande amore verso di voi, e questi siano i segni che mi avete perdonato.

 

Ah mio Salvatore, ma come posso temere del vostro perdono, mentre voi stesso me l'offerite, e state colle braccia aperte per abbracciarmi, se a voi ritorno? Sì, che a voi ritorno dolente e intenerito in vedere che dopo tante offese che v'ho fatte, pure mi amate. Oh non vi avessi mai disgustato, mio sommo bene! quanto me ne dolgo! Perdonatemi Gesù mio, ch'io non voglio darvi più disgusto. Ma sappiate che non mi contento del perdono, voglio che mi donate ancora un grande amore verso di voi. Giacché ho meritato tante volte di ardere nel fuoco dell'inferno, ora voglio ardere del fuoco del vostro santo amore. V'amo, amor mio, v'amo, mia vita, mio tesoro, mio tutto.

O Maria, mia protettrice, fate ch'io sia fedele a Dio sino alla morte.

 




1 [21.] Gen., 3, 9: «Vocavitque Dominus Deus Adam, et dixit ei: Ubi es?»

2 [5.] Ps., 88, 2.

3 [7.] dolore de' miei peccati, donatemi un) om. V NS.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos