Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Via della salute

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 87 -


IDDIO ACCOGLIE CON AMORE IL PECCATORE PENTITO

 

I re della terra discacciano dalla loro presenza i sudditi ribelli, che vanno a cercar loro perdono; ma Gesu-Cristo si protesta che non mai discaccia qualunque peccatore, che ricorre pentito a' piedi suoi. "Eum, qui venit ad me, non eiiciam foras" (Io. 6. 37). Egli non sa disprezzare un cuore che si umilia, ed ha dolore di averl'offeso. "Cor contritum, et humiliatum, Deus non despicies" (Psalm. 50).1

Gesù mio, io non merito perdono per l'ingiurie che v'ho2 fatte, ma sappiate che non ho pena, che più m'affligge,3 quanto la memoria di avervi offeso.

 

Ma come posso temere che voi, mio Dio, mi discacciate, se sento che voi stesso m'invitate a ritornare a voi, e mi offerite il perdono? "Revertere ad me, et suscipiam te" (Ier. 3. 1).4 Come posso diffidare, se voi stesso ci promettete di abbracciarci, se a voi ci convertiamo. "Convertimini ad me, et convertar ad vos" (Zach. 1. 3).5

Dunque, Signor mio, non mi tenete più voltate le spalle, mentr'io6 lascio tutto e mi converto a voi, sommo mio bene. Basta quanto v'ho7 offeso, ora vi voglio amare.

 

Giunge a dire il nostro Dio che se il peccatore si pente del male che ha fatto, egli vuole scordarsi di tutti i suoi peccati: "Si autem impius egerit poenitentiam... vita vivet, et non morietur, omnium iniquitatum eius quas operatus est, non recordabor" (Ez. 18. 21 et 22).

Caro mio Salvatore, io non voglio scordarmi mai de' miei peccati, per piangere sempre il torto che v'ho8 fatto; ma voglio, come avete promesso, che ve ne scordate9 voi; non voglio che le mie iniquità v'impediscano che voi mi amiate. Non siete voi che avete detto che


- 88 -


amate chi v'ama? "Diligentes me diligo" (Sap. 8).10 Per lo passato io non v'amava,11 e meritava il vostro odio; ma ora che v'amo, voglio che non più m'odiate; e perciò scordatevi del passato, perdonatemi e stringetemi a voi; e non permettete ch'io più da voi mi divida.

O Maria, aiutatemi colle vostre preghiere.

 




1 [11.] Ps., 50, 19.

2 [12.] v'ho) vi ho B1 B2.

3 [13.] m'affligge) mi affligge B1 B2.

4 [17.] Cfr. Ier., 3, 1.

5 [19.] Cfr. Zach., 1, 3.

6 [20.] mentr'io) mentre io B1 B2.

7 [21.] v'ho) vi ho B1 B2.

8 [28.] v'ho) vi ho B1 B2.

9 [29.] scordate) scordiate B1 B2.

10 [1.] Cfr. Prov., 8, 17.

11 [2.] v'amava) vi amava B1 B2. v'amo) vi amo B1 B2.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos