Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Via della salute

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 233 -


MED. VI. L'AMORE È LA VIRTÙ, CHE FORZA

 

"Fortis ut mors dilectio" (Cant. 8. 6). Siccome non v'è1 forza creata, che resiste2 alla morte; così non v'è difficoltà per un'anima amante, che non ceda all'amore. Quando si tratta di piacere all'amato, l'amore supera tutto, perdite, disprezzi e dolori: "Nihil tam durum, quod non amoris igne vincatur".3 Questo è il contrassegno più certo per conoscere, se un'anima veramente ama Dio, se è fedele nel suo amore così nelle cose prospere, come nell'avverse. Dice S. Francesco di Sales4 che "Dio tanto è amabile, quando5 ci consola, che quando ci flagella; perché tutto fa per amore". Anzi quanto più ci flagella in questa vita, allora più ci ama. S. Gio. Grisostomo6 stimava più felice S. Paolo incatenato,


- 234 -


che S. Paolo rapito al terzo cielo. Perciò i santi martiri stando ne' tormenti, giubilavano e ne ringraziavano il Signore, come della grazia più grande che lor7 compartiva di dar loro a patire per suo amore. E gli altri santi, ove son mancati i tiranni ad affliggerli, essi son8 divenuti carnefici di loro stessi colle penitenze, per dar gusto a Dio. Dice S. Agostino9 che chi ama, non fatica;10 e se fatica, la stessa fatica è amata: "In eo quod amatur, aut non laboratur, aut ipse labor amatur".

 

Affetti e preghiere

 

O Dio dell'anima mia, io dico che v'amo;11 ma poi che fo per amor vostro? niente. Dunque è segno che non v'amo, o v'amo troppo poco. Mandatemi dunque, o Gesù mio, lo Spirito Santo, che venga a darmi forza di patire per vostro amore e di far qualche cosa per voi, prima che mi giunga la morte. Deh non mi fate morire, amato mio Redentore, così freddo ed ingrato, come vi sono stato sinora. Datemi vigore ad amare il patire, dopo tanti peccati che mi han12 meritato l'inferno. O mio Dio tutta bontà e tutto amore, voi desiderate di abitare nell'anima mia, da cui tante volte vi ho discacciato, venite, abitate, possedetela e rendetela tutta vostra. Io v'amo,13 v'amo, o Signor mio, e se v'amo, voi già state meco, come me ne assicura S. Giovanni: "Qui manet in caritate, in Deo manet, et Deus in eo" (I. 4. 16).14 Giacché dunque voi state meco, accrescete le fiamme, accrescete le catene, acciocché io non brami, non cerchi, non ami altri che voi; e così ligato15 non abbia mai a separarmi dal vostro amore. Io voglio esser vostro, o Gesù mio, e tutto vostro.

 

O regina ed avvocata mia Maria, ottenetemi amore e perseveranza.

 




1 [11.] non v'è) non vi è B B1 B2.

2 [12.] resiste... non v'è) resista... non vi è B B1 B2.

3 [15.] S. AUGUST., De moribus Ecclesiae catholicae et de moribus Manichaeorum, l. I, c. 22,. 41; PL 32, 1329: «Nihil est tam durum atque ferreum, quod non amoris igne vincatur. Quo cum se anima rapiet in Deum, super omnem carnificinam libera et admiranda volitabit pennis pulcherrimis et integerrimis, quibus ad Dei amplexum amor castus innititur».

4 [17.] S. FRANC. DI SALES, Tratt. dell'amor di Dio, l. IX, c. 2; Op. spirit., I, Venezia 1735, 320, col. 1: «Conviene dunque sopportare amorosamente l'avversità, perché procedono dall'istessa mano del Signore egualmente amorosa, quando manda le afflizioni e quando dà le consolazioni». Cfr. Oeuvres, V, Annecy 1894, 115; vedi anche VI, Annecy 1895, 36. 

5 [18.] quando) quanto V NS: errore tipografico.

6 [20.] CHRYSOST., In ep. ad Ephes., hom. 8, n. 1; PG 62, 57: «Nihil est melius quam male pati propter Christum. Non tam beatum praedico Paulum quod raptus sit in paradisum, quam quod coniectus sit in carcerem; non tam enim dico beatum quod audierit arcana verba quam enim censeo beatum propter vincula; non tam beatum dico quod raptus sit in tertium caelum quam propter illa vincula».

7 [3.] che lor) che loro B B1 B2.

8 [4.] son) sono B B1 B2.

9 [6.] S. AUGUST., De bono viduitatis, c. 21; PL 40, 448: «Interest ergo quid ametur. Nam in eo quod amatur, aut non laboratur, aut et labor amatur». CSEL 41, 338.



10 [6.] fatica) fatiga NS.

11 [9-10.] v'amo) vi amo B B1 B2.

12 [15.] mi han) mi hanno B B1 B2.

13 [18.] v'amo) vi amo B B1 B2.

14 [20.] I Io., 4, 16.

15 [22.] ligato) legato B B1 B2.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos