Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Via della salute

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 294 -


PREGHIERE A MARIA

Per ciascun giorno della settimana

 

Preghiera a Maria SS. per ottenere il perdono de' peccati

 

Ecco, o Madre di Dio, a' piedi vostri un misero peccatore, che a voi ricorre e in voi confida. O madre di misericordia, abbiate pietà di me. Io sento chiamarvi da tutti il rifugio, la speranza de' peccatori; dunque voi siete il rifugio e la speranza mia. Voi colla vostra intercessione mi avete da salvare; soccorretemi per amore di Gesu-Cristo; date la mano ad un misero caduto, che a voi si raccomanda. Io so che voi vi consolate in aiutare un peccatore, quando potete; aiutatemi dunque ora che potete aiutarmi. Io co' miei peccati ho perduta la divina grazia e l'anima mia; ora mi metto nelle vostre mani, ditemi che ho da fare per ritornare nella grazia del mio Signore, ch'io tutto voglio farlo. A voi dunque ricorro: voi pregate per tanti altri, pregate ancora Gesù per me: ditegli che mi perdoni, ch'egli mi perdonerà: ditegli che desiderate la mia salute, ch'egli mi salverà. Fate conoscere il bene, che sapete fare a chi confida in voi. Amen, così spero, così sia.

 

Preghiera a Maria SS. per impetrare la santa perseveranza

 

O regina del cielo, io mi dedico per vostro servo perpetuo e mi offerisco a servirvi per tutta la mia vita; accettatemi voi e non mi rifiutate, com'io1 meriterei. O madre mia, io in voi ho collocate tutte le mie speranze. Benedico e ringrazio Iddio che per sua misericordia mi ha donata questa confidenza in voi, ch'io2 tengo per una gran caparra della mia salute. Ah che per lo passato io misero son caduto, perché non son ricorso a voi. Ora spero per li meriti di Gesu-Cristo


- 295 -


e per le vostre preghiere di esser stato perdonato; ma posso tornare a perdere la divina grazia. Signora mia, proteggetemi e non permettete ch'io3 abbia di nuovo ad essere schiavo dell'inferno: aiutatemi sempre. Io so che mi aiuterete, e vincerò col vostro aiuto, se a voi mi raccomando; ma di questo temo; temo che nelle occasioni di cadere io abbia a lasciare di chiamarvi e così mi perda. Questa grazia dunque vi cerco: ottenetemi ch'io negli assalti dell'inferno sempre ricorra a voi dicendo: Maria aiutatemi, aiutatemi Maria; mamma mia, non permettete ch'io perda Dio.

 

Preghiera a Maria SS. per ottenere la buona morte

 

O Maria, qual sarà la morte mia? Io da ora, considerando i miei peccati e pensando a quel gran momento, quando dovrò spirare ed esser giudicato, tremo e mi confondo. O madre mia, al sangue1 di Gesu-Cristo ed alla vostra intercessione stanno le mie speranze. O consolatrice degli afflitti, non mi abbandonate allora; non lasciate di consolarmi in quella grande afflizione. Se voi non m'aiutate,2 sarò perduto. Ah signora mia, prima che giunga la mia morte, impetratemi un gran dolore de' miei peccati, una vera emenda e fedeltà a Dio nella vita che mi resta. E quando poi arriverò all'ultimo confine del mio vivere, o Maria speranza mia, aiutatemi in quelle grandi angustie, e confortatemi a non disperarmi alla vista delle mie colpe, che mi porrà innanzi il demonio. Impetratemi voi l'invocarvi allora più spesso, acciocch'io3 spiri col nome vostro in bocca e del vostro santissimo Figlio. Anzi, signora, perdonate il mio ardire, prima ch'io spiri, venite voi stessa a consolarmi colla vostra presenza. Son4 peccatore, è vero, non lo merito, ma son vostro divoto, che v'amo5 ed ho una gran confidenza in voi. O Maria, v'aspetto, non mi fate restare sconsolato. Almeno, se di tanta grazia non sarò degno, assistetemi dal cielo, acciocch'io6 esca da questa vita amando Dio e voi, per venire ad amarvi eternamente in paradiso.


- 296 -


 

Preghiera a Maria SS. per ottenere la liberazione dall'inferno

 

O carissima mia signora, io vi ringrazio che tante volte mi avete liberato dall'inferno, quante volte io me l'ho meritato per li miei peccati. Misero! in un tempo io stava già a quella carcere condannato; e già la sentenza forse al primo mio peccato sarebbe stata eseguita, se voi pietosa non m'aveste1 aiutato. Voi neppure da me pregata, solo per vostra bontà tratteneste la divina giustizia; e poi vincendo la mia durezza, mi tiraste a prendere confidenza in voi. Ed oh in quanti altri delitti appresso io sarei caduto, ne' pericoli che mi sono occorsi, se voi, madre amorosa, non me ne aveste preservato colle grazie che mi avete ottenute. Ah regina mia, seguite a liberarmi dall'inferno. Se un tempo io non v'ho2 amata, ora dopo Dio v'amo sopra ogni cosa. Deh non permettete ch'io3 abbia a voltare le spalle a voi ed a Dio, che per vostro mezzo tante misericordie mi ha dispensate. Signora mia amabilissima, non permettete ch'io v'abbia a maledire per sempre nell'inferno. Soffrite voi di veder dannato un vostro servo che v'ama?4 Madonna mia, giacché avete fatto tanto per salvarmi, compite l'opera, seguite ad aiutarmi. Ma se voi, quand'io5 vivea di voi scordato, mi avete così favorito, quanto più debbo sperare, ora che v'amo6 ed a voi mi raccomando? No, che non si perde chi a voi si raccomanda. Deh madre mia, non mi lasciate in mano mia, ch'io mi perderò; fate ch'io sempre a voi ricorra. Salvatemi, speranza mia, salvatemi dall'inferno: e prima salvatemi dal peccato, che solo può condannarmi all'inferno.

 

Preghiera a Maria Santissima per ottenere il paradiso

 

O regina del paradiso, che sedete sopra tutti i cori degli angeli la più vicina a Dio, da questa valle di miserie io vi saluto misero peccatore, e vi prego a girare verso di me que' vostri occhi pietosi, che dove mirano spargono grazie. Guardate, o Maria, in quanti pericoli ora mi trovo ed ho da trovarmi, sino che vivo in questa terra, di perdere l'anima, il paradiso e Dio. In voi, signora, io ho collocate tutte


- 297 -


le mie speranze. Io v'amo e sospiro di venire presto a vedervi e lodarvi in paradiso. Ah Maria, quando sarà quel giorno, che mi vedrò già salvo a' piedi vostri; e mirerò la Madre del mio Signore e la madre mia, che tanto s'è impegnata per salvarmi! Quando bacerò quella mano, che tante volte mi ha liberato dall'inferno e tante grazie m'ha dispensate, quando per le mie colpe io meritava che fossi odiato ed abbandonato da tutti? Signora, io vi sono stato molto ingrato nella mia vita, ma se vengo in paradiso, non vi sarò più ingrato; colà v'amerò1 quanto posso ogni momento per tutta l'eternità, e compenserò la mia sconoscenza con benedirvi e ringraziarvi per sempre. Io sommamente ringrazio Iddio che mi una tal confidenza nel sangue di Gesu-Cristo ed in voi che voi m'abbiate a liberare da' peccati ed impetrare luce e forza di eseguire la divina volontà, e finalmente a condurmi al porto del paradiso. Tanto hanno sperato i vostri servi, e niuno è restato ingannato; no, che non resterò ingannato neppur io. O Maria, non ci vuol altro, voi mi avete da salvare. Pregate il vostro Figlio Gesù (come lo prego ancor io per li meriti della sua passione) a conservare in me e sempre più accrescere questa confidenza in voi, e sarò salvo.

 

Preghiera a Maria SS. per ottenere l'amore verso di Lei e di Gesu-Cristo

 

O Maria, già intendo che voi siete la creatura la più nobile, la più santa, la più amabile di tutte le creature. Oh signora mia, e tutti1 vi conoscessero, e v'amassero2 come voi meritate! Mi consolo che tante anime felici in cielo ed in terra vivono innamorate della vostra bontà e bellezza. Sopra tutto mi rallegro che Dio stesso ama più voi sola, che tutti gli uomini e gli angeli insieme. Regina mia amabilissima, io miserabile peccatore ancora v'amo,3 ma v'amo troppo poco; voglio un amore più grande e più tenero verso di voi, e questo voi me lo avete da impetrare: giacché l'amar voi è un gran segno di predestinazione ed una grazia, che Dio non concede, se non a coloro che vuole salvi.

 

Mi vedo, poi, o madre mia, troppo obbligato al vostro Figlio, e vedo ch'egli merita un amore infinito. Voi che altro non desiderate che di vederlo amato, questa è la grazia, che sopra tutte m'avete da


- 298 -


impetrare, impetratemi un grande amore a Gesu-Cristo. Voi ottenete da Dio quanto volete, deh ottenetemi questa grazia d'esser ligato4 talmente colla divina volontà, ch'io non abbia più a separarmene. Io non vi cerco beni di terra, non onori, non ricchezze, vi cerco quello che più desidera il vostro cuore, voglio amare il mio Dio. È possibile che non vogliate aiutarmi in questo mio desiderio, che tanto piace a voi? No, che voi già m'aiutate5 e già pregate per me. Pregate, pregate e non lasciate mai di pregare, finché non mi vedete in paradiso, fuori del pericolo di potere più perdere il mio Signore, e sicuro di amarlo per sempre con voi, madre mia carissima.

 

Preghiera a Maria SS. per ottenere il suo patrocinio

 

O madre mia santissima, io vedo le grazie che voi mi avete impetrate, e vedo l'ingratitudine che io v'ho usata; ma non per questo io voglio sconfidare della vostra misericordia, la quale è più grande della mia ingratitudine. O mia grande avvocata, abbiate pietà di me. Voi siete la dispensiera di tutte le grazie, che Dio concede a noi miserabili: ed a questo fine egli v'ha1 fatta così potente, così ricca e così benigna, acciocché ci soccorriate nelle nostre miserie. Deh madre di misericordia, non mi lasciate nella mia povertà. Voi siete avvocata de' rei più miseri ed abbandonati, che a voi ricorrono: difendete me ancora, che a voi mi raccomando. Non mi dite che la mia causa è difficile a guadagnarsi; mentre le cause più disperate, quando da voi son difese, tutte si vincono. In mano vostra dunque metto la mia eterna salute, a voi consegno l'anima mia; ella era perduta, voi colla vostra intercessione l'avete da salvare. Amen, così spero, così sia.

 




1 [23.] com'io) come io B B1 B2.

2 [25.] ch'io) che io B B1 B2.

3 [3-7-9.] ch'io) che io B B1 B2.

1 [13-14.] al sangue... alla) nel sangue... nella B B1 B2.

2 [16.] m'aiutate) mi aiutate B B1 B2.

3 [23.] acciocch'io) acciocché io B B1 B2.

4 [25.] son) sono B B1 B2.

5 [26-27.] v'amo... v'aspetto) vi amo... vi aspetto B B1 B2.

6 [29.] acciocch'io) acciocché io B B1 B2.

1 [7.] m'aveste) mi aveste B B1 B2.

2 [13.] v'ho) vi ho B B1 B2; v'amo) vi amo B B1 B2.

3 [14-16.] ch'io) che io B B1 B2.

4 [17.] v'ama) vi ama B B1 B2.

5 [19.] quand'io) quando io B B1 B2.

6 [20.] v'amo) vi amo B B1 B2.

1 [8.] v'amerò) vi amerò B B1 B2.

1 [22.] e tutti) ah tutti B B1 B2.

2 [23.] v'amassero) vi amassero B B1 B2.

3 [27.] v'amo) vi amo B B1 B2.

4 [2.] ligato) legato B B1 B2.

5 [7.] m'aiutate) mi aiutate B B1 B2.

1 [17.] v'ha) vi ha B B1 B2.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos