Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Visite al SS. Sacramento

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 327 -


A MARIA

Tutta simile al Figlio Gesù è la sua madre Maria, ch'essendo madre di misericordia allora gode quando soccorre e consola i miserabili. È tanto il desiderio di questa madre di fare grazie a tutti, che dice Bernardino da Bustis: Plus enim desiderat ipsa facere tibi bonum et largiri gratiam, quam tu accipere concupiscas.11 - Giac. Spes nostra, salve.

Ediz. di Napoli 1758:

Orazione di S. Giovan Damasceno

Vi saluto, o Maria, Voi siete la speranza de' Cristiani; ricevete la supplica d'un peccatore che teneramente v'ama, particolarmente vi onora, e mette in Voi tutta la speranza di sua salute. Da Voi io tengo la vita: Voi mi ristabilite in grazia del vostro Figlio. Voi siete il pegno certo della mia salvazione. Vi supplico dunque a liberarmi dal peso de' miei peccati. Distruggete le tenebre della mia mente, discacciate gli affetti malvagi dal mio cuore, reprimete le tentazioni de' miei nemici; e reggete talmente la mia vita, ch'io possa giungere col vostro mezzo e sotto la vostra guida all'eterna felicità del paradiso.12

Giac. Madre mia, fate ch'io mi ricordi sempre di Voi.




11 «O igitur, peccator, bonum novum! o peccatrix, optimum novum! non diffidas, non desperes, etiam si commisisti omnia peccata enormia; sed confidenter et secure ad istam gloriosissimam Dominam recurras. Invenies enim eam in manibus plenam curialitate, pietate, misericordia, gratiositate et largitate; plus enim desiderat ipsa facere tibi bonum et largiri aliquam gratiam, quam tu accipere concupiscas.» Ven BERNARDINUS DE BUSTO, Ord. Min. Observ., Mariale, pars 2 (quae nuncupatur Liber vitae), De sacratissima Virginis Mariae Nativitate, sermo 5, pars 7, De Sponsae caelestis dote ac dotatione. Brixiae, 1588, pag. 185, col. 1.



12 «Salvesis, Maria, Annae dulcissima puella: nam me rursum ad te amor pertrahit... Tu... christianorum spes... O Ioachim et Annae filia et domina, orationem suscipe servi peccatoris, qui te tamen ardenter amat colitque, teque solam gaudii spem habet, et vitae praesidem, necnon apud Filium pacatricem, ac certam salutis arrham. Peccatorum sarcinam discute, [ETML-P:A]menti tenebras offundentem nebulam terrenamqu crassitiem dissipa, tentationes comprime, vitam meam fauste guberna, ut ad caelestem beatitatem per te ducar, (pacemque mundo concilia).» S. IOANNES DAMASCENUS, homilia I






Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos