Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Apparecchio e ringraziamento…messa

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 818 -


CONSID. IV. PER IL MERCOLEDÌ

Ipse est propitiatio pro peccatis nostris.

(1. Io. 2. 2.)

 

Considerate come col sacrificio dell'altare si rimettono le pene dovute de' peccati, e si ottengono immense misericordie a beneficio de' peccatori. Poveri noi, se non vi fosse questo gran sacrificio col quale si trattiene la divina giustizia a non eseguire quei giusti castighi che meritano le nostre colpe! Certamente che tutte le vittime dell'antica legge non potevano placare lo sdegno di Dio contro de' peccatori. Numquid placari potest Dominus in millibus arietum 1? Ancorché si sacrificassero le vite di tutti gli uomini e di tutti gli angeli, non potrebbero soddisfar degnamente la divina giustizia per una sola colpa commessa da una creatura contro del suo Creatore. Solo Gesù Cristo ha potuto soddisfare Dio per li nostri peccati: Ipse est propitiatio pro peccatis nostris. E perciò il Padre eterno lo mandò al mondo, acciocché facendosi uomo mortale, col sacrificio della sua vita lo placasse verso de' peccatori. E questo sacrificio si rinnova in ogni messa che si celebra.

 

Considera dunque, o sacerdote, il tuo grande officio, ch'è di essere il mediatore fra i peccatori e Dio, con offerirgli nell'altare la vita ed i meriti di Gesù Cristo, per li quali si muove poi il Signore a donare a' peccatori luce e forza di pentirsi, ed indi il perdono de' peccati: Hac oblatione placatus Deus, gratiam et donum poenitentiae concedens, peccata etiam ingentia dimisit 2. Le voci del sangue innocente del Redentore oh come meglio implorano pietà verso di noi, che non implorava vendetta contro Caino il sangue di Abele! Accessistis


- 819 -


ad mediatorem Iesum, et sanguinis aspersionem, melius loquentem quam Abel 1.

 

Affetti

 

O sommo Dio, voi siete sdegnato contro de' peccatori, e troppo ne avete ragione, mentre pagano d'ingratitudine tutto il grande amore che voi avete loro portato. Ma se sono grandi i peccati del mondo, è più grande l'offerta e 'l dono che questa mattina io vengo a presentarvi: Non sicut delictum, ita et donum 2. Io vi offerisco questa mattina il sagrificio del vostro medesimo Figlio; questa vittima, ch'è a voi sì diletta, questa vi plachi e vi muova ad usare pietà verso tutti i poveri peccatori che o non vi conoscono, o conoscendovi non vogliono amarvi e vivono privi della vostra grazia. Date loro lume e vigore di uscire dallo stato miserabile in cui vivono accecati.

 

Vi prego per tutti, ma vi prego specialmente, per me che da voi sono stato più degli altri beneficato, e che più degli altri vi sono stato ingrato e vi ho offeso e disprezzato. Per amore di Gesù Cristo, Dio mio, perdonatemi tutti i peccati miei, mortali e veniali, tutte le impazienze, le bugie, le intemperanze, le distrazioni e negligenze nell'officio e nell'orazione; mentre di tutte me ne pento, perché sono stati disgusti di voi, bontà infinita, che meritate da tutti, ma specialmente da me sacerdote, un amore infinito.

 

V'amo, bontà infinita, v'amo sopra ogni cosa; e vi prometto di voler prima morire, che darvi deliberatamente qualunque minimo dispiacere. Ah Gesù mio, la morte vostra, il sangue vostro è la speranza mia! per li meriti vostri vi domando e spero la grazia d'esservi fedele, d'amarvi con tutto il mio cuore, e di non amare altro che voi. Accompagnatemi voi, o Maria santissima, colla vostra assistenza, ora che io vado ad offerire a Dio questo gran sagrificio.

 




1 Mich. 6. 7.



2 Trid. sess. 22. c. 2.

1 Hebr. 12. 24.



2 Rom. 5. 15.






Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos