Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Aspirazioni...da S. Francesco di Sales

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 430 -


DIMANDE DA FARSI AL SS. SAGRAMENTO

O Gesù mio, mentre siete venuto a me voi che siete la vera vita, fate ch'io muoia al mondo, per vivere solo a voi. Mio Redentore, colle fiamme del vostro amore distruggete in me tutto ciò che non vi piace, e datemi un vero desiderio di darvi gusto e compiacervi in tutto.

Datemi una vera umiltà che mi faccia amare i disprezzi e la propria abbiezione; e tolga da me ogni ambizione di voler comparire. Datemi spirito di mortificazione, acciocché


- 431 -


mi neghi tutte quelle cose che non tendono al vostro amore, ed abbracci con affetto quel che dispiace al senso e all'amor proprio.

Datemi una perfetta rassegnazione alla vostra volontà, abbracciando con pace i dolori, le infermità, le perdite di robe o di parenti, le desolazioni, le persecuzioni, e tutto ciò che mi verrà dalle vostre mani. Io v'offerisco tutto me, acciocché ne disponiate a vostro piacere. E datemi la grazia di replicarvi sempre questa totale offerta di me, specialmente in tempo della mia morte: fate ch'io allora vi sagrifichi la mia vita con tutto l'affetto, in unione del sagrificio che voi faceste della vostra vita per me all'Eterno Padre. Gesù mio, datemi luce e fatemi conoscere la vostra bontà e l'obbligo che ho d'amarvi, specialmente per l'amore che mi avete portato nel morire per me e nel lasciarvi nel SS. Sagramento.

Vi prego a dar luce a tanti infedeli che non vi conoscono, a tanti eretici che sono fuori della Chiesa ed a tanti peccatori che vivono privi della vostra grazia. Gesù mio, fatevi conoscere e fatevi amare. Vi raccomando ancora tutte l'anime del purgatorio, e specialmente N.N.; sollevatele dalle pene che patiscono ed abbreviate loro il tempo della privazione della vostra vista; fatelo per li meriti vostri e di Maria SS. e di tutti i santi.

Mio Dio, accendetemi tutto del vostro santo amore, sì ch'io altro non cerchi che il vostro gusto, altro non mi piaccia se non quello che piace a voi, e discacci dal mio cuore ogni cosa che non è di vostro gradimento. Fate ch'io sempre dica con vero affetto: Dio, Dio mio, voi solo voglio e niente più. Gesù mio, datemi un grande affetto alla vostra SS. Passione, sicché mi stiano sempre avanti gli occhi le vostre pene e la vostra morte, per accendermi sempre d'amore verso di voi e per invogliarmi sempre a rendere qualche ricompensa di gratitudine a tanto vostro amore. Datemi ancora un grande affetto al SS. Sagramento dell'altare, dove voi ci avete palesata la gran tenerezza che avete per noi. Di più vi prego a darmi una tenera divozione alla vostra SS. Madre: datemi la grazia di sempre amarla e servirla, con sempre ricorrere alla sua intercessione, e d'indurre ancora gli altri ad ossequiarla ed a confidare al4 suo patrocinio; ed a me ed a tutti date


- 432 -


sempre una gran confidenza prima ai meriti della vostra Passione e poi all'intercessione di Maria.

Vi prego a concedermi una santa morte. Datemi ch'io allora vi riceva con grande amore nel SS. Viatico, acciocché abbracciato con voi ardendo di sante fiamme e con gran desiderio di vedervi esca da questa vita per abbracciarmi a' piedi vostri la prima volta che mi toccherà a5 vedervi.

Vi prego sopra tutto, o Gesù mio, a darmi la grazia della preghiera, sì ch'io sempre mi raccomandi a voi ed alla vostra SS. Madre, specialmente in tempo di tentazioni: e vi preghi per li meriti vostri a concedermi la santa perseveranza e '1 vostro santo amore.

Beneditemi, Gesù mio, e beneditemi tutto, l'anima e 'l corpo, i sensi e le potenze. Benedite specialmente la mia lingua, acciocché non parli che per vostra gloria. Beneditemi gli occhi, acciocché non guardino cose che possano indurmi a darvi disgusto. Benedite il mio palato, acciocché non vi offenda coll'intemperanza; e benedite tutte le membra del mio corpo, acciocché tutte vi servano e non vi offendano. Benedite la mia memoria, acciocché si ricordi sempre del vostro amore e de' benefizi che mi avete fatti. Benedite la mia mente, acciocché conosca la vostra bontà e l'obbligo che ho d'amarvi e veda tutto ciò che ho da fuggire e che ho da fare per uniformarmi alla vostra santa volontà. Benedite sopra tutto la mia volontà, acciocché non ami altro che voi, bene infinito, e altro non desideri che darvi gusto e d'altro non si compiaccia che della vostra gloria.

O Re mio, venite e regnate voi solo nell'anima mia; voi possedetela tutta, sicché ella non servaubbidisca ad altri che al vostro amore.

Oh potessi, Gesù mio, consumarmi tutto per voi che avete consumata tutta la vostra vita per me!

O Agnello di Dio sagrificato sulla croce, ricordatevi ch'io sono una di quelle anime che voi avete redente con tanti stenti e con tanti dolori. Fate ch'io non vi perda mai. Voi vi siete donato tutto a me, fate ch'io sia tutto vostro e non abbia altra premura che di piacere a voi. V'amo, o immenso bene, per darvi gusto; v'amo, perché ve lo meritate. Io non ho maggior


- 433 -


pena che il vedere di essere stato tanto tempo al mondo e non avervi amato.

Amato mio Redentore, fatemi parte di quel dolore che voi aveste de' peccati miei nell'orto di Getsemani. O Gesù mio, fossi morto prima e non vi avessi mai offeso! O amore del mio Gesù, voi siete l'amore e la speranza mia. Io voglio perdere prima la vita6 e mille vite, piuttosto che perdere la grazia vostra.

Dio mio, s'io moriva quando stava in peccato, io non vi potrei più amare. Vi ringrazio che mi date tempo e mi chiamate ad amarvi. Or già che posso, io vi voglio amare con tutta l'anima mia. Voi perciò m'avete sopportato, acciocché io v'ami; sì che vi voglio amare. Deh non permettete, per lo sangue che avete sparso per me, ch'io v'abbia di nuovo a tradirvi. In te, Domine, speravi, non confundar in aeternum.7 Che mondo! che ricchezze! che spassi! che onori! Dio, Dio, voglio solo Dio. Dio mio, mi bastate voi solo che siete un bene infinito.

O Gesù mio, ligatemi8 tutto al vostro amore, e tiratevi tutti gli affetti miei, sì ch'io non poss'amare altro che voi. Fatemi tutto vostro prima ch'io muoia.

Ah mio Dio, finché vivo sto in pericolo di perdervi. Deh quando sarà quel giorno ch'io possa dirvi: Gesù mio, non vi posso perdere più?

O Padre Eterno, per amor di Gesù Cristo non mi sdegnate, accettatemi ad amarvi, e voi datemi il vostro s. amore. Voglio amarvi assai in questa vita, per amarvi assai nell'altra.

O bene infinito, io v'amo, ma fatemi voi conoscere il gran bene ch'io amo; e datemi quell'amore che da me desiderate. Fate ch'io vinca tutto per darvi gusto.




4 Venezia, 1779, qui e più sotto ha: confidare nel...

5 Venezia, 1779: di.

6 Venezia, 1779, manca: prima.



7 Ps. XXX, 2.



8 Venezia, 1779: legatemi.






Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos