Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Sant’Alfonso Maria de Liguori
Affetti divoti a Gesù Cristo

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 378 -


III. Affetti di pentimento.

 

Gesù mio, per quell'abborrimento che aveste de' miei peccati nell'orto di Getsemani, datemi un vero dolore di tutte le offese che vi ho fatte.

 

Peccati miei maledetti, io v'odio e vi detesto; voi mi avete fatta perdere la grazia del mio Signore.

 

Mi pento, Gesù mio, d'avervi voltate le spalle. Avessi patito ogni male, e non vi avessi mai offeso.

 

Ah mio dolce Redentore, nel ricordarmi de' disgusti che vi ho dati, non tanto mi fa piangere l'inferno da me meritato, quanto l'amore che voi mi avete portato: sì, perché non è così grande il fuoco dell'inferno che mi ho meritato, com'è l'amore immenso che mi avete dimostrato nella vostra Passione. E come, oh Dio! sapendo che voi, mio Signore, vi avete fatto legare per me, flagellare per me, sputare in faccia per me, appendere ad una croce e morire per me, ho potuto tante volte disprezzare la vostra grazia e voltarvi le spalle? Vorrei morirne di dolore, me ne pento e dispiace più d'ogni male.

 

Conosco il male che ho fatto in separarmi da voi, sommo mio bene. Io doveva patire ogni pena, ogni male, ogni morte, e non offendervi; e quale maggior male poteva io commettere, che perdere volontariamente la grazia vostra? Ah Gesù mio, io non ho pena che più mi affligga di questa, di aver disprezzato voi, bontà infinita.

 

Vi ringrazio, Signor mio, della dolce promessa del perdono che avete fatta a' peccatori, di scordarvi de' peccati di chi si pente d'avervi offeso: Omnium iniquitatum... non recordabor (Ezech. XVIII, 22). Tutto è frutto della vostra Passione. O dolce Passione! O dolce misericordia! O dolce amore di Gesù Cristo! Voi siete la mia speranza. Povero me, Gesù mio, se voi non foste morto e non aveste pagato per me!

 

Oh Dio, io pensava ad offendervi e voi pensavate ad usarmi misericordia! Dopo il peccato io non pensava a pentirmi, ma voi pensavate a chiamarmi! In somma io ho fatto quanto ho potuto per dannarmi, e voi, per così dire, avete fatto quanto avete potuto per non vedermi dannato!

 

Dunque voi siete un infinito bene, ed io vi ho disprezzato!

 

Voi siete il mio Signore, ed io vi ho perduto il rispetto!


- 379 -


 

Voi siete una bontà infinita, ed io v'ho voltate le spalle!

 

Voi siete degno d'infinito amore e mi avete tanto amato, ed io vi ho negato il mio amore e vi ho dati tanti disgusti!

 

Ma voi avete detto che non sapete disprezzare un cuore che si umilia e si pente; ecco mi abbraccio pentito alla vostra croce, e mi pento con tutto il cuore di avervi disprezzato; ricevetemi nella vostra grazia per quel sangue che avete sparso per me.

 

O speranza de' peccatori Maria, ottenetemi voi il perdono, la perseveranza e l'amore a Gesù Cristo.

 




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos