Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Canzoncine spirituali

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 234 -


Per la Comunione.

 

Anima mia, che fai?

Ama il tuo Dio, che t'ama.

Amor Ei da te brama.1

E tu non l'ami ancor?

 

Mira che per tuo amore2

Qui in terra si trattiene

L'immenso, il sommo Bene

In vista di vil pan.

 


- 235 -


E quale amico a mensa

Seco a cibar t'invita

Quel Pan d'Amore e Vita,

Per darti tutto sé.

 

E ch'altro ha più che darti

L'amante tuo Signore?

Che più far può il suo Amore

Per farsi amar da te ?

 

No che non fu contento

Quand'Egli giunse in Croce

Con morte dura e atroce

Sino per te a morir.3

 

Contento sol fu quando

Modo trovò l'Amore

D'unir così 'l tuo core4

Al suo Divino Cor.

 

E come a tanta fiamma

Cor mio, tu non t'accendi?

Deh come non ti rendi5

Vinto da tanto amor?

 

Renditi dunque, ed ama

Chi più d'amore è degno

Chi fin se stesso in pegno

Dell'amor suo ti .

 




1 [3.]«Amor da te sol brama» («Visite» 1749, Pellecchia: «Op. Spir.», 1758, Venezia; «Op. Spir.» 1769, Firenze; «Op. Spir.» 1784, Ed. XVI, Bassano).



2 [5-8.] «Vedi che per tuo Amore

In terra si trattiene

L'immenso, il Sommo Bene

In forma di vil pan». (Sarnelli. «Via facile del Paradiso», 1737).



3 [20.] «Fino per te a morir» (Sarn., «Via facile del Par.», 1737).



4 [23-24.] «D'unire in un sol core

Il tuo col suo bel Cor» («Visite» 1749, Pellecchia).



5 [27.] «Deh, come non ti arrendi» (Sarn. «Via facile del Par.» 1737).

 






Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos