Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Canzoncine spirituali

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 246 -


A Gesù appassionato1.

Gesù mio, con dure funi

Come reo chi ti legò?2

Sono stata io l'ingrata3,

Ah mio Dio, perdon, pietà.

 

Gesù mio, la bella Faccia

Chi crudele ti schiaffeggiò?

Sono stata ecc.

 

Gesù mio, di fango e sputi

Il bel Volto chi t'imbrattò?


- 247 -


Gesù mio, le belle Carni

Chi spietato ti flagellò?

 

Gesù mio, la nobil Fronte

Chi di spine ti coronò?

 

Gesù mio, sulle tue Spalle

Chi la Croce ti caricò?

 

Gesù mio, la dolce Bocca

Chi di fiele t'amareggiò?

 

Gesù mio, le Sacre Mani

Chi con chiodi ti trapassò?

 

Gesù mio, quei stanchi Piedi

Alla Croce chi t'inchiodò?4

 

Gesù mio, l'amante Core

Colla lancia chi ti passò?

 

O Maria, quel tuo bel Figlio

Chi l'uccise, chi tel rubò?

 

Sono stata io l'ingrata,

O Maria, perdon, pietà5.




1 [0.] - N.B.) Recava nella prima stesura il titolo seguente: «Alla Passione di Gesù Cristo» (Sarn., «Via facile del Paradiso», 1738).



2 [2.] «Come reo chi ti ligò» (Sarn., «Via facile del Paradiso», 1738; «Mondo Sant.» Ed. II, 1739).



3 [3.] «Sono stato io l'ingrato» (Sarn., «Via facile del Paradiso», 1738; «Mondo Sant.», 1739, Ed. II).

4 [20.] «Alla Croce chi gl'inchiodò» (Sarn. «Mondo Santif.» Ed. II, 1739).



5 [26.] - N.B.) A. - L'Anonimo Gesuita, che compose «L'Arpa di Sacre Laudi e Divozioni ad uso delle Missioni» (Ed. IV, Napoli, 1749), rimaneggiò questa cara Canzoncina Alfonsiana quasi raddoppiando i versi, dandole il titolo: «A Giesù paziente» (pag.61-62). Incomincia:

«Giesù mio, con mille pene

Chi crudel vi schiaffeggiò...».

Vi sono 3 invocazioni alla Madonna. Gli ultimi 2 versi sono:

«Giesù mio, dal duol, dal pianto

Come mai cessar potrò».

 

B. - Diversi Editori moderni arbitrariamente mutano il verso tronco novenario in ottonario, eliminando una sillaba e la monotonia voluta dal Santo Poeta. Così ha fatto, tra gli altri, recentemente il Di Coste nelle «Melodie di S. Alfonso M. dei Liguori in alcuni suoi canti popolari» (Roma, 1932, pag. 54-55).

Il testo riprodotto da noi trovasi nell'Ed. Sarnelliane e in tutte l'Edizioni curate da S. Alfonso sia a Napoli che a Venezia: soltanto «La Via al Paradiso» edita a Napoli nel 1762 reca a pag. 311 il testo dato dal Di Coste. Ma questo non corrisponde certamente al definitivo: noi vi troviamo le seguenti varianti:

«Il tuo volto ch'imbrattò?» («Via del Paradiso», 1762).

«Gesù mio, l'amato Cuore...» («Via del Paradiso», 1762).

«O Maria, l'amato Figlio...» («Via del Paradiso», 1762).






Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos