Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Canzoncine spirituali

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 305 -


In onore di S. Teresa1.

SOPRA LE SUE PAROLE: «Moro, perché non moro».

O Angeli amanti, che in Cielo più ardete2,

Dal Cielo venite, e voi soccorrete

Quest'anima eletta

Ch'è Sposa diletta

Del vostro adorato diletto Gesù.

 

L'Amante dell'alme, l'Amore, la Vita

Con dardo di fuoco così l'ha ferita,

Che 'l nobil suo Core


- 306 -


Già spira, già more

Ardendo, languendo per chi la ferì3.

 

È troppo l'affanno d'un core piagato,

Amare e trovarsi lontan dall'Amato:

Voi dunque venite,

E almen compatite

Teresa, che geme lontan dal suo Ben.

 

L'ardor di vedere l'amato Signore,

Nel mentre l'infiamma, la strugge d'amore4.

Quel dolce desio

D'unirsi con Dio,

Perché non l'uccide, la morte le 5.

 

Ma s'altri non viene, Tu vieni, o Diletto,

Che fiammacara accendesti in quel petto.

Sta infermo il suo core6

Piagato d'amore,

Tu, che lo piagasti, Tu sanalo ancor7.

 

La Sposa in piacerti fedele t'è stata8,

E tutto lasciando a Te tutta s'è data:

Or troppo Ella t'ama,

Sospira, ti brama,

A Te vuol venire, contentala Tu.

 


- 307 -


PER LA CORONELLA IN ONORE DI S. TERESA.

Gesù, che a Teresa

Feristi il bel core,

Con dardo d'amore

Ferisci ancor me.

 




1 [0.] - N.B.) Presso Sarnelli il titolo è «S. Teresa languente d'amore».



2 [1.] «O Spiriti amanti, ch'in Cielo più ardete» (S. Alfonso «Considerazioni sopra le virtù e pregi di S. Teresa di Giesù», 1743, Napoli).

3 [10.] «Amando, languendo per chi la ferì» («Op. Spir.» 1758, Venezia; Firenze, 1769; Bassano, 1784).



4 [17.] «Più insieme l'infiamma e più strugge d'amore» (Sarn. «Crist. Illum.» 1743).



5 [20.] «Perché non l'uccide e la morte le dà» («Op. Spir.» 1758, Venezia; 1769, Firenze; 1784, Bassano).



6 [23-24.] «Ben Tu la feristi

E il cor le rapisti» (Sarn. «Crist. Illum.» 1743).



7 [25.] «Acciò non potesse altri amare che Te» (Sarn. «Crist. Ill.» 1743).

«E Tu lo piagasti, Tu sanalo ancor» (S. Alf. «Consid. su S. Teresa» 1743).



8 [26-27.] «Teresa in piacerti fedel già t'è stata:

E tutto lasciando, s'è tutta a Te data» (Sarn. «Crist. Ill.» 1743).






Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos