Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Canzoncine spirituali

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 307 -


Canzoncina di S.Luigi Gonzaga

sopra le sue parole «Recede a me, Domine, recede».

che Egli profferì in doversi partire (per l'ubbidienza avuta) dalla presenza del SS. Sacramento.

Mio povero core, oh Dio, che farai!

Non vedi, non senti che 'l tuo buon Signore

Con dolci pur troppo catene d'amore

Ti stringe, ti forza quì seco a restar!

 

E dove anderai tu, Anima mia?

Deh come tu stando d'amorferita,

Partire potrai lontan dalla Vita,

Che su quell'Altare per te se ne sta?

 

Ma lascia ch'io parli, qual tratto è mai questo?

Tu teco m'annodi con tante catene,

E poi mi costringi, o amato mio Bene,

Con duro precetto a partire da Te?

 

Vuoi dunque ch'io parta? sì voglio ubbidirti;

Ma sappi che resta qui Teco il mio core;

Tu pensa a serbarlo fedele al tuo Amore,

E s'io da Te parto, Tu vieni con me.

 

Ah no, che non posso vedermi diviso

Da Te, mio Tesoro, mio Amore, mio Dio.

Pertanto la morte sospiro, desio,

Che Teco m'unisca per sempre nel Ciel.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos