Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Virtù e pregi di S. Teresa

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 447 -


Preghiera

O mia s. avvocata, che colla vostra bella umiltà feriste il cuore del vostro Dio; per l'amore che portate alla vostra cara madre Maria, e al vostro diletto sposo Gesù, vi prego ad ottenermi la s. umiltà, acciocché rendendomi simile con voi al mio Gesù così umiliato in terra, possa poi un giorno con voi venire a vederlo ed amarlo in paradiso.

E voi, umilissimo mio Gesù, che per insegnarmi a sopportare i disprezzi e per renderli a me dolci ed amabili voleste qui essere il più disprezzato ed umiliato di tutti, sino a saziarvi d'obbrobrj e rendervi l'obbrobrio


- 448 -


brio degli uomini: deh soccorrete colla pienezza delle vostre misericordie al disordine della vanità del mio cuore. Già vedo, mio Salvatore, che per la mia superbia sinora sono stato niente simile a voi. Vedo che non posso essere ammesso al vostro regno per essere stato dissimile da voi che vi contentaste di morire appeso ad un legno infame giustiziato da malfattore per amor mio. Ah mio Signore, voi innocente soffriste tanti disonori per me, ed io non ho potuto soffrire per voi qualche disprezzo assai minore? So che tante volte mi ho meritato i disprezzi eterni dell'inferno. Conosco esser questa una gran pena de' miei peccati, che dopo avermi reso ingrato mi han reso ancora superbo. Amato mio Redentore, per l'avvenire non voglio esser più tale. Desidero e dimando d'essere umiliato con voi. E giacché io ho avuto l'ardire di disprezzare tante volte la vostra maestà e bontà infinita, voglio ora abbracciar tutti i disprezzi, per piacere a voi. Ma che servono, Signor mio, questi miei propositi, se voi non m'aiutate ad eseguirli? Giacché mi volete salvo, aiutatemi, Gesù mio disprezzato, per lo merito de' vostri obbrobrj sofferti, a sopportare con pace tutti i disprezzi che riceverò in mia vita.

E voi che dopo Gesù foste la più umile di tutte le creature, ss. madre Maria, e perciò foste fatta sì grande; impetratemi, signora mia, una vera umiltà, non già per esser fatto grande nella gloria, ma grande nel gradire a Dio, e nell'esser fatto più simile a voi e al mio Gesù disprezzato. Amen.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos