Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Virtù e pregi di S. Teresa

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 450 -


Preghiera

Io mi rallegro, o Teresa, che siete in compagnia nel cielo del vostro padre s. Giuseppe che tanto in terra vi favorì e vi amò. Or mentre già lo state ringraziando, compiacendovi insieme di quella gran gloria di cui l'ha arricchito Gesù, raccomandatemi voi a questo santo così potente; pregatelo che prenda la protezione anche di miserabile.

Volgetevi poi, o santa mia, a quella divina Madre che tutto può: e giacch'ella si vanta d'essere il rifugio dei peccatori, ditele ch'io ne sono uno e 'l più miserabile di tutti. Ditele che da oggi avanti, come raccomandato da voi, mi guardi con occhi più pietosi, che mi soccorra nelle tentazioni, che mi assista nel punto della morte. Ditele ch'io dalle sue mani spero la mia salute eterna. Diteglielo voi, santa mia, ch'ella certamente vi esaudirà; poiché se tanto vi amò in terra, quanto più or v'amerà in cielo, dove voi ancora più l'amate e più l'onorate? Siccom'ella la gran regina è la mia grande avvocata appresso Gesù, così voi, o Teresa, siate la mia avvocata appresso Maria.

A voi mi rivolgo poi, o gran protettore s. Giuseppe; non isdegnate di accettar il patrocinio del più ingrato peccatore che viva nel mondo. Ve ne prego per amor del vostro amato Gesù, per amor di Maria vostra sposa e per amore ancora della vostra diletta Teresa che tanto s'affaticò in terra per accrescere le vostre glorie. Fatemi morire, come moriste voi tra le braccia di Gesù e di Maria.

E voi, vergine ss. Maria, voi che siete la salute, la consolazione, la ricchezza delle anime, fate ch'io sia vostro servo e vostro amante: in voi metto tutte le mie speranze.

E voi finalmente, dolcissimo Redentore mio caro, voi ben sapete che l'unico fine per cui imploro l'intercessione di Maria, di Giuseppe e di Teresa è perché non voglio perdervi, ma voglio amarvi ed amarvi assai. Ah mio Dio, mio tutto, unico mio amore e re del mio cuore, regnate, regnate voi su di tutto me stesso: comandate voi a' miei sensi, alle mie potenze, e colla dolce forza del vostro amore fatevi ubbidire come voi desiderate. Re mio e padre mio, io vi dono tutta la mia volontà e tutta la mia libertà: prendetevela voi e fate di me quel che più vi aggrada. Fate ch'io vi ami e ch'io sia da voi amato, e niente altro desidero e son contento. Amen.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos