Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Avvertim. per la lingua toscana

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 152 -


Capo IX - DEL DIVIDERE LE SILLABE

 

Circa la lingua latina si la regola che ogni volta che si ritrovano parole, le quali in principio abbiano unite tali consonanti, così debbono congiungersi in mezzo; onde in latino dobbiamo dividere le seguenti parole:

                            he-bdomada, perché si dice                       bdellium;

                            do-ctus, perché si dice                               Ctesiphon;

                            a-gnus                                                        gnatus;

                            scri-psi                                                       psittacus;

                            a-ptus                                                         Ptolemeus;

                            pi-scis                                                         scamnum;

                            o-mnis                                                        Mnemosine;

                            co-smus                                                      smaragdus;

                            pa-stor                                                       sto.

 

Se n'eccettuano tutte le parole composte, come ab-sum, quamob-rem, abs-trusus, dis-cors, in-ers, et-enim, et-iam, ob-litus, dis-cutio, sus-cipio, sus-tineo, dis-tinguo, vel-ut, ec. Così pure d'ogni altro composto, come juris-consultus, alter-uter, neg-otium, ec.

 

Circa poi la lingua toscana le parole composte anche si dividono dalla preposizione, v. gr. in-abile, pos-posto, tras-ferire e simili. I dittonghi neppure si dividono, onde si scrive cau-sa, ae-re, pia-no, lai-da e simili.


- 153 -


 

Quando poi la stessa lettera si raddoppia, si divide sempre l'una dall'altra, v. gr. deb-bia, ap-presso, ec.; ma quando le lettere son differenti si scrive ri-spondere, di-stinto, i-stanco, o-gni.

 

Si noti che in toscano de' due ii se ne fa uno lungo: operarj, savj, necessarj; ma in singolare si dice necessarissimo, non necessarjssimo; savissimo, non savjssimo o saviissimo.

 




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos