Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Glorie di Maria

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 321 -


Orazione dell'abbate Cellense, chiamato l'Idiota.4

Traetemi dietro a voi, o Vergine Maria, affinché io corra all'odore de' vostri profumi. Traetemi, perché io son trattenuto dal peso de' miei peccati e dalla malizia de' miei nemici.


- 322 -


Come alcuno non va al vostro Figlio, se non lo trae il divin Padre, così ardisco dire in qualche maniera che alcuno non va a lui, se voi non lo traete colle vostre sante preghiere. Voi siete quella che insegnate la vera sapienza; voi quella che impetrate la grazia a' peccatori, perché siete la loro avvocata; voi quella che promettete la gloria a chi v'onora, perché siete la tesoriera delle grazie.

Voi avete trovata la grazia appresso Dio, o dolcissima Vergine, perché siete stata preservata dalla macchia originale, ripiena di Spirito Santo, ed avete conceputo il Figliuolo di Dio: avete ricevute tutte queste grazie, o umilissima Maria, non solo per voi, ma ancora per noi, affinché ci assistiate in tutti i nostri bisogni. E ben già voi lo fate: voi soccorrete i buoni conservandoli nella grazia, ed i cattivi riducendoli a ricevere la divina misericordia. Voi aiutate i moribondi, proteggendoli contro l'insidie del demonio, e gli aiutate anche dopo la morte, ricevendo l'anime loro e conducendole al regno beato.




4 «Trahe me post te, Virgo Maria, trahe me post te, ut curram in odorem unguentorum tuorum (Cant. I. 3). Trahe me post te, quia retinet me peccatorum ponderositas... Trahe me post te, quia decipit me hostium perversorum maligna calliditas...Sicut... nemo venit ad tuum Filium benedictum nisi Pater traxerit illum (Io. VI, 44), sic etiam quodammodo possum dicere: Nemo venit ad Filium tuum gloriosum, nisi tuis sanctissimis precibus traxeris eum... (Tua unguenta fragrantissima sunt, scilicet, caelestis sapientia, spiritualis gratia, et immarcescibilis gloria;) verbis enim tuis et exemplis doces veram sapientiam, quia doctrix es sapientiae Dei; peccatoribus impetras gratiam, et honorantibus te promittis gloriam.

Invenisti gratiam apud Deum (Luc. I, 30), dulcissima Virgo Maria... quia fuerunt in te sanctificatio in matris utero, angelica salutatio, Spiritus Sancti superventio, et Filii Dei conceptio... Has autem gratias, humillima Virgo Maria, non tantum propter te invenisti, sed etiam propter nos, ut multipliciter nos iuvares; et ideo adiuvas in vita praesenti tam bonos quam malos: bonos in gratia conservando... malos ad misericordiam reducendo... Adiuvas etiam in morte, ab insidiis diaboli protegendo...Adiuvas quoque post mortem, animas suscipiendo et eas in caelum deducendo.» RAYMUNDUS IORDANUS (Jordan), Can. Reg. Ord. S. Aug., ex Praeposito Uticensi (1381) Cellensium apud Biturigas Abbas, qui diu Idiotae nomen praetulit: Contemplationes de B. Virgine, Prooemium Contemplationum (fino a: promittis gloriam; poi) pars 5, Contemplatio I, n. 1, 2. Migne-Bourassé, Summa aurea de laudibus B. V. M., vol. 4, col. 853, 854; col. 895, 896.






Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos