Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Glorie di Maria

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 626 -


§ 8. - Dell'ubbidienza di Maria.

Per l'affetto che Maria portava alla virtù dell'ubbidienza allorché fu annunziata da S. Gabriele, non volle chiamarsi con altro nome che di ancella: Ecce ancilla Domini. Sì, dice S. Tommaso da Villanova, perché questa fedele ancella né colle opere né col pensiero contradisse mai al Signore, ma spogliata d'ogni propria volontà, sempre e in tutto visse ubbidiente al divino volere: O vera ancilla, quae neque dicto neque facto neque cogitatu umquam contradixit Altissimo, nihil sibi libertatis reservans, sed per omnia subdita Deo (Conc. de Annunc.).1 Ella stessa dichiarò che Dio si era compiaciuto di questa sua ubbidienza, allorché disse: Respexit humilitatem ancillae suae (Luc. I, [48]); mentre questa è l'umiltà propria d'una serva, l'esser tutta pronta in ubbidire. Dice S. Agostino che la divina Madre colla sua ubbidienza rimediò al danno


- 627 -


che fece Eva colla sua disubbidienza: Sicut Heva inobediens et sibi et universo generi humano causa facta est mortis; sic et Maria Virgo obediens, et sibi et universo generi humano facta est causa salutis (Ap. Parav., p. 2, c. 11).2 L'ubbidienza di Maria fu molto più perfetta di quella di tutti gli altri santi, poiché tutti gli uomini essendo inclinati al male per la colpa originale, tutti sentono difficoltà nel ben operare; ma non così la B. Vergine. Scrisse S. Bernardino: In B. Virgine nullum fuit omnino retardativum, proinde rota volubilis fuit secundum omnem Spiritus Sancti motum (T. 3, serm. 11, a. 2, c. 1).3 Maria, perché immune dal peccato originale, non aveva impedimenti nell'ubbidire a Dio, ma fu come una ruota che pronta si movea ad ogni ispirazione divina; ond'ella non fece altro in questa terra, come dice lo stesso santo, che sempre riguardare ed eseguire ciò che piace a Dio: Virgo semper habuit continuum aspectum ad Dei beneplacitum et ferventem consensum (To. 2, serm. 51, a. 3, c. 2).4 Di lei fu detto: Anima mea liquefacta est, ut dilectus meus locutus est (Cant. V, 6). Al che soggiunge Riccardo: L'anima della Vergine era come un metallo liquefatto,


- 628 -


pronta a prendere tutte le forme che Dio voleva: Anima mea liquefacta est per incendium caritatis, parata instar metalli liquefacti decurrere in omnes modulos divinae voluntatis.5

Ben'ella fe' vedere in effetto Maria quanto era pronta all'ubbidienza, per prima allorché per piacere a Dio volle ubbidire anche all'imperadore romano in fare il viaggio a Betlemme ben lungo di 90 miglia, in tempo d'inverno, gravida e povera, in modo che fu costretta poi a partorire in una stalla.6 - Così anche fu pronta all'avviso di S. Giuseppe a porsi subito in cammino la stessa notte per lo viaggio più lungo e più disastroso d'Egitto. E qui dimanda il Silveira, perché mai la rivelazione di fuggire in Egitto fu data a S. Giuseppe e non già alla B. Vergine che più doveva sentirne il travaglio? E risponde: Ne Virgini subtrahatur occasio exercendi actum obedientiae ad quam erat paratissima.7 - Ma sopra tutto dimostrò la sua eroica ubbidienza, quando per ubbidire alla divina volontà offerse alla morte il suo Figlio, con tanta costanza, che, come disse S. Idelfonso, sarebbe stata ella pronta a crocifiggere il Figlio, se fossero mancati i carnefici: Parata enim stetit, si deesset manus percussoris (Ap. Parav., p. 2, c. 12).8 Ond'è che sulle parole che disse il Redentore a quella donna dell'Evangelio, quando esclamò: Beatus venter qui te portavit: e Gesù rispose: Quin immo beati qui audiunt verbum Dei et custodiunt illud (Luc. XI, 27);9 scrisse il Ven. Beda che Maria


- 629 -


fu più felice per l'ubbidienza alla divina volontà, che per essere stata fatta Madre dello stesso Dio: Et inde quidem beata quia Verbi incarnandi ministra facta est: sed inde multo beatior quia eiusdem semper amandi custos manebat aeterna (C. 49 in Luc.).10

Quindi è che molto gradiscono alla Vergine quei che sono amanti dell'ubbidienza. Apparve ella una volta ad un religioso francescano, chiamato Accorso, nella di lui cella; ma quello, perché fu chiamato dall'ubbidienza ad andare a confessare un infermo, si partì; ma ritornato, trovò che Maria lo stava aspettando; ed ella molto lodò allora la sua ubbidienza.11 Come all'incontro molto riprese un altro religioso che, sonando il segno del refettorio, si trattenne a compire certe sue divozioni (Vedi il P. March., Diar. della Mad.).12

Parlando poi la Vergine a S. Brigida della sicurezza che vi è nell'ubbidire al padre spirituale, le disse: Obedientia omnes


- 630 -


introducit ad gloriam (Rev., l. 6, c. 11).13 Poiché diceva S. Filippo Neri che Dio delle cose fatte per ubbidienza non ne richiede conto, avendo egli stesso detto: Qui vos audit, me audit; et qui vos spernit, me spernit (Luc. X, 16).14 Rivelò poi la stessa Madre di Dio a S. Brigida ch'ella per lo merito della sua ubbidienza ha ottenuto dal Signore che tutti i peccatori, che a lei ricorrono pentiti, sieno perdonati: Pro obedientia mea tantam potestatem obtinui quod nullus tam immundus peccator, si ad me cum emendationis proposito convertitur et cum corde contrito, non habebit veniam.15

Ah regina e madre nostra, pregate Gesù per noi, otteneteci per lo merito della vostra ubbidienza l'esser fedeli nell'ubbidire alla sua volontà ed a' precetti de' padri spirituali. Amen.




1 «Vere ancilla, quae neque dicto, neque facto, neque cogitatu umquam contradixit Altissimo; vere ancilla, quae perpetuo servivit mancipata servitio: libero namque aliae Deo famulanur obsequio, haec, quasi mancipium, Dei se totam famulatui mancipavit, nihil sibi libertatis reservans, sed per omnia subdita Deo.» S. THOMAS A VILLANOVA, In festo Annuntiationis B. M. V., Concio 2, n. 6. Conciones, Mediolani, 1760, II, col. 192.

2 PARAVICINO, barnabita, Il vero figlio adottivo di Maria Nostra Signora, parte 2, cap. 11, § 4, Napoli, 1700, p. 373. - «Mater generis nostri poenam intulit mundo; Genitrix Domini nostri salutem et feminae gessit et viro... Illa occidendo obfuit; ista vivificando profuit: percussit illa, ista sanavit. Pro inobedientia enim obedientia commutatur, et fides pro perfidia compensatur.» Ignoti auctoris Sermo 120, n. 4, inter Opera S. Augustini, ML 39-1985. - Lo stesso pensiero, quasi colle stesse parole: Sermo 194, n. 2, ML 39-2105. - Vedi sopra, § 4, Della fede di Maria, nota 1, il testo di S. Ireneo su questo argomento.

3 «Elevata fuit per excellentiam conversationis, designata in elevatione rotae de qua Ezech. I: (15) Apparuit rota (una) super terram iuxta animalia, habens quatuor facies, (16) et aspectus rotarum et opus earum quasi visio maris. Et sequitur: (19) Cum elevarentur animalia de terra, elevabuntur simul et rotae. Et additur: (20) Spiritus enim vitae erat in rotis. Per illa quatuor animalia mystice doctrina evangelica denotatur. Per rotam vero illam, quae quatuor facies habet, Virgo beata merito indicatur, quae quatuor virtutes habet, secundum quas vita activa regitur, et omnimoda perfectione ad evangelicam conformatur... In Virgine beata nullum fuit omnino retardativum. Proinde rota volubilis fuit, secudum omnes Spiritus Sancti nutum.» S. BERNARDINUS SENENSIS, Pro festiv. B. M. V., Sermo 12, De Assumptione gloriosae V.M., art. 1, cap. 1: Opera Venetiis, 1745, IV, 120, col. 1. - Opera, Venetiis, 1591, III, pag. 125, col. 1, 2: Tractatus de B.V., Sermo 11 et ultimus, In festo Assumptionis gloriosae V. Mariae, art. 1, cap. 1.

4 «Semper habuit continuum aspectum ad Dei beneplacitum, promptumque consensum semper gerebat in mente, divina beneplacita adimplere.» S. BERNARDINUS SENENSIS, Pro festiv. B. M. V., Sermo 4, De immaculata Conceptione B. M. V., art. 3, cap. 2: Opera, Venetiis, 1745, IV, 88, col. 1. - Opera, Venetiis, 1591, II, pag. 517, col. 1, Quadragesimale de Evangelio aeterno, Sermo 51, in fer. II post Dom. Olivarum, art. 3, cap. 2.

5 «De obedientia Mariae dicit ipsa, Cant. V, 6: Anima mea liquefacta est per incendium caritatis, parata videlicet, instar metalli liquefacti, decurrere in omnes modulos divinae voluntatis: ut dilectus locutus est ad me, per Gabrielem postulans me in matrem, cui me obtuli in ancillam.» RICH. A S. LAUR., De laud. B. M. V., lib. 4, cap. 28. Inter Op. S. Alb. M., Lugd., XX, 145, col. 1.

6 Da Nazareth a Gerusalemme vi sono da 120 a 130 chilometri; da Gerusalemme a Betlemme 7 chilometri. Novanta miglia romane (1480 m. incirca al miglio, esattamente 1481,75) fanno poco più che 133 chilometri.

7 Io. da SYLVEIRA, Ord. Carm., Commentarii in textum Evangelicum, lib. 2, cap. 7, qu. 2, n. 5, Opera, Lugduni, 1697, I, pag. 308: «Si autem hoc Ioseph, non per Virginem, sed per Angelum dictum est, triplex fuit causa... Secunda: ne Virgini subtraheretur occasio exercendi actum obedientiae ad quam ipsa erat promptissima.»

8 «Quod si gladius usque ad animam pervenit, quando ad crucem stetit, fugientibus apostolis, cum videret Dominum pendentem (Io. XIX, 25), etiam plusquam martyr fuit, quia in animo non minus amoris quam moeroris est intus gladio vulnerata. Parata enim stetit, si non deesset manus percussoris.» Inter Opera S. Hildefonsi, episcopi Toletani, Sermo 2 (dubius) de Assumptione B. M. V. ML 96-252. – PARRAVICINO, barnabita, Il vero figlio adottivo di Maria, parte 2, cap. 12, § 4, pag. 401.

9 Luc. XI, 28.

10 «Quia et eadem Dei Genitrix, et inde quidem beata quia Verbi incarnandi ministra est facta temporalis, sed inde multo beatior quia eiusdem semper amandi custos manebat aeterna.» S. BEDA VENERABILIS, In Lucae Evangelium expositio, lib. 4 (in Luc. XI, 28). ML 92-480.

11 WADDINGUS, Annales Minorum, ann. 1270, n. 26; Romae, 1732, IV, 320, 321: «(Obierunt et floruerunt sub hoc tempore...) Florentiae, in Conventu Sanctae Crucis, Accursius laicus, singularis erga afflictos pietatis: cuius argumentum est quod, dum in Valetudinarii oratorio apparerent ei beata Virgo Maria, Antonius Patavinus, et alius Minorita sanctus nomina Placidus, vocareturque gemebunde a quodam languido ut remedium aliquod depascenti adhiberet dolori, omisso tantorum colloquio, statim accurrit et ad votum infirmo ministravit. Redeuntem laudavit sacratissima Virgo, quod se ob proximi caritatem dimiserit; quam si tunc negligeret, suo aspectu non eum amplius consolaretur.» - MARCHESE Francesco, Diario sacro d'esercizi di divozione per onorare ogni giorno la B.ma Vergine, 18 marzo, Venezia, 1717, I, pag. 324, 325; IV, 29 ottobre, pag. 147. - Come si vede, il divoto fratello, essendo laico, fu chiamato, non a confessare l'infermo, ma a rendergli un qualunque servizio; e questa bella visione ebbe, non nella propria cella, ma nell'oratorio dell'Infermeria.

12 MARCHESE Francesco, op. cit., 17 settembre, III, pag. 354: «Procurerò di conformarmi piuttosto agli altri, che in alcune occasioni, per fare le mie consuete divozioni ad onore della mia Avvocata, da quelli appartarmi: il che si conferma con quello che narrasi di Clemente Caponio, dell'Ordine dei Predicatori, il quale non avendo un giorno recitato le sue solite divozioni, mentre gli altri religiosi desinavano, egli prostrato davanti all'Immagine della Madonna, le rendeva il consueto tributo di varie lodi e divozioni, quando sentì dalla stessa Immagine una voce che gli disse, che andasse a cibarsi in compagnia degli altri religiosi, perché ella maggior diletto prendeva di vederlo conformato, secondo il suo instituto, agli altri Frati, che applicato in quel tempo alle sue lodi.» - Vien ricordato lo stesso fatto dal Marchese, IV, 29 ottobre, pag. 147. - Clemente de' Caponi, nobile fiorentino, si fece umile fratello laico francescano, per umiltà e per servire al prossimo: vedi più oltre, pag. 399, Esempio 62 e nota corrispondente.

13 «Filius Dei loquitur: «Quid times? etiamsi decies comederes in die propter obedientiam, non tibi imputabitur in peccatum. Nam virginitas meretur coronam; viduitas appropinquat Deo; sed obedientia omnes introducit ad gloriam.» Revelationes S. BIRGITTAE, lib. 6, cap. 111, pag. 436, col. 1.

14 «Diceva, che quelli che desiderano da dovero far profitto nella via di Dio, si dessero in tutto e per tutto nelle mani dei Superiori: e quelli che non viveano sotto l'ubbidienza, si sottomettessero volontariamente ad un dotto e discreto Confessore, scuoprendogli con ogni libertà e semplicità tutti i loro affari, né determinassero cosa alcuna senza il suo consiglio; soggiungendo, che chi faceva in questo modo, si assicurava di non dover render conto a Dio delle azioni che faceva.» BACCI, Vita, lib. 1, cap. 20, n. 21.

15 «Mater loquebatur: «Ego habui tria, quibus placui Filio meo (humilitatem, obedientiam, caritatem)... Pro obedientia tantam potestatem obtinui, quod nullus tam immundus peccator est, si ad me cum emendationis proposito converitur et cum corde contrito, quod non habebit veniam.» Revelationes S. BIRGITTAE, lib. 1, cap. 42, Coloniae Agrippinae, 1628, pag. 51, col. 2.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos