Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Glorie di Maria

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 704 -


41. *

Un certo cavaliere della città di Doul in Francia chiamato Ansaldo ricevé in una battaglia una saetta, che talmente entrò nell'osso della mascella, che non fu possibile cavarne il ferro. Dopo quattro


- 705 -


anni non potendo il misero più soffrire il dolore e stando in oltre gravemente infermo, si pensava di nuovo aprir la ferita per estrarre il ferro. Allora egli si raccomandò alla B. Vergine, e fe' voto di visitare una divota immagine, che stava in quel luogo, con dare una certa somma ogni anno, se avea la grazia. Appena fatto il voto, senti cadersi dentro la bocca il ferro da sé. Il giorno appresso così infermo come stava, va a visitare l'immagine, ed appena posto il danaro promesso sull'altare, si sente affatto sano anche dall'infermità (Chron. Dul., t. 1, del Labbeo, e 'l P. Rho, es. 27).




* Esempio 41. - RHÒ, Sabbati del Gesù di Roma, Bologna, 1679, Esempio 29, pag. 177-182. - LABBE Philippus, S. I., Nova bibliotheca manuscript. librorum, I, Parisiis, 1657, pag. 319:«(Post Chronicon Dolense) delatum est ad me... membraneus alter codex de Miraculis B. Mariae Dolensis, ab eiusdem celeberrimi Monasterii religioso iam olim conscriptus...» Il primo dei miracoli riferiti è questo: «Ansealdus de Barbanso, famosissimus eques in satellitio profano, expertus est in se virtutem Dei Genitricis, et ita nobis confessus est. Ante quatuor annos, in expeditione quadam Comitis Richardi vulneratus sum faciem spiculo quadrato, quod ossi maxillae superioris ita vehementer intersutum est et inhaesit, ut omnium medicorum manus... desperaret. Quid plura? Cicatrix vulneri obducta est. Septimana autem hac evoluta, gravis aegritudo me vehementer afflixit. Hesterno vero sabbato, videlicet quod praecessit Nativitatem sancti Ioannis Baptistae, dum cruciarer aegritudine et ferrum chirurgi maxillae meae formidarem, repente converti me ad implorandum perpetuae Virginis auxilium, votoque et fide dixi me esse hominem illius, et per singulos annos vitae meae argenteum nummum pro servitute illi solutum ire professum sum. Continuo ferrum illud quadratum divinitus motum est et sine dolore eccidit in os meum: aperto ore sumpsi illud et adstantibus ostendi. Mirantur omnes et magnificaverunt Genitricem Dei, cuius pietas tanta beneficia etiam non merentibus impertitur. Mox equum ascendi iuvamine meorum, nam morbi infirmitate longoque ieiunio mihi macerato defecerant vires. Ad hunc sanctum locum veni; pignus hominii mei, unum scilicet argenteum, obtuli super lapidem sacrum. Retuli Monachis quae circa me gesserat Mater Domini benignitate consueta. Monachi vero responderunt mihi quod hodierna Dominica huc redirem, mecumque deferrem spiculum ad argumentum mihi beneficii collati. Ego autem spopondi, si vires sufficerent, ita me facturum. Sic ingrediar ad altare Dominae meae, ibique reddam vota mea et profitebor biennii censum. Itaque fultus utroque latere gradus altaris utrosque superavi. Igitur, oratione completa censuque soluto, sensi me penitus aegritudinis molestia exoneratum. Et aio fulcientibus latus meum: «Dimittite me, adminiculo vestro non indigeo: virtus Dominae meae restituit mihi sanitatem. Nunc vere scio, quia crastino visitabo locum istum, et sermonis mei deferam argumentum.» Ego vobis illud ostendo et sicut mente spopondi, ita coram confiteor, et sacrilegam militiam in perpetuum abiuro.» Haec illo prosequente, multitudo equitum copiosa..., et plebs immensa, magnificabat Deum, eiusque Matris virtutem glorificabat.»... - Su quella immagine miracolosa, vedi il nostro vol. precedente, Appendice, 4, pag. 355-358.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos