Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Meditaz. per li giorni dell'Avvento

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per attivare i link alle concordanze

- 177 -


Affetti e preghiere.

Sia sempre lodata e benedetta la vostra carità, o mio Redentore. E che sarebbe dell'anima mia così inferma ed afflitta da tante piaghe delle mie colpe, se non avessi voi, Gesù mio, che mi potete e volete sanare? Ah sangue del mio Salvatore, a voi confido; lavatemi e sanatemi.

Mi pento, amor mio, di avervi offeso. Voi per dimostrarmi l'amore che mi portate, avete fatta una vita così tribolata ed una morte così amara. Vorrei anch'io dimostrarvi l'amor mio; ma che posso far io misero infermo e così debole? O Dio dell'anima mia, voi siete onnipotente, voi mi potete guarire e far santo. Accendete in me un gran desiderio di darvi gusto. Io rinunzio a tutte le mie soddisfazioni per compiacere voi, mio Redentore, che meritate d'esser compiaciuto ad ogni costo. O sommo bene, io vi stimo e v'amo più d'ogni bene; fate ch'io v'ami con tutto il mio cuore e che vi domandi sempre il vostro amore. Per lo passato io v'ho offeso e non v'ho amato, perché


- 178 -


non vi ho cercato il vostro amore. Quest'amore ora vi cerco; e vi chiedo la grazia di sempre cercarvelo; esauditemi per i meriti della vostra Passione.

O Maria madre mia, voi siete sempre apparecchiata ad esaudir chi vi prega; voi amate chi v'ama; io v'amo, regina mia, impetratemi la grazia d'amare Dio, e niente più vi domando.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos