Progetto EUGLOREH
LO STATO DI SALUTE NELL’UNIONE EUROPEA:
VERSO UN’EUROPA PIÙ SANA

SINTESI DEI RISULTATI

2. IL CONTESTO ALLARGATO DELLA SALUTE

2.5. Produzione e consumo di energia

Link:  Normali Evidenziati

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

2.5. Produzione e consumo di energia

Il consumo di energia sta crescendo in tutta Europa e rimane soprattutto basato su (in ordine di importanza): 1) petrolio; 2) gas naturale; 3) energia nucleare; 4) carbone e derivati; 5) forme di energia rinnovabile, come energia fotovoltaica ed eolica, che in genere sono associate a minori effetti sulla salute. Nonostante i miglioramenti nell’efficienza energetica e l’aumento dell’uso di energia più pulita e rinnovabile in certe zone, il settore della fornitura di energia contribuisce sempre in maniera rilevante all’inquinamento atmosferico in Europa, con emissione di gas ad effetto-serra ed emissione di sostanze acide. Pertanto, l’effetto negativo sulla salute è considerevole. Ci si aspetta che questo andamento continui, se non si metteranno in atto politiche e misure aggiuntive. Un aumento degli investimenti in installazioni per la produzione di energia rinnovabile, in tutte le regioni, rappresenta lo strumento chiave per contrastare le sfide ambientali e migliorare la sicurezza della fornitura. Anche il prezzo di mercato dell’energia è molto importante per la salute: infatti, aumenti rilevanti dei prezzi delle forme essenziali di energia (es. petrolio) si stanno già verificando e potrebbero avere un impatto importante sul prezzo della produzione e del trasporto delle merci (es. alimenti).