Progetto EUGLOREH
LO STATO DI SALUTE NELL’UNIONE EUROPEA:
VERSO UN’EUROPA PIÙ SANA

SINTESI DEI RISULTATI

3. MORTALITA’ NELLA POPOLAZIONE DELL’UE

«»

Link:  Normali Evidenziati

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

3. MORTALITA’ NELLA POPOLAZIONE DELL’UE

Nonostante certe peculiarità di alcuni Stati Membri, è evidente dall’aumento significativo dell’attesa di vita che la salute è migliorata nell’UE, soprattutto grazie al controllo molto efficace delle malattie infettive ed alla riduzione della mortalità associata con le malattie cardiovascolari e respiratorie sin dagli Anni ’70, e con la maggior parte dei tipi di cancro, a parte il cancro del polmone, sin dagli Anni ’90. Per le malattie cardiovascolari, in particolare cardiopatia ischemica e ictus, mentre è ovvio il ruolo positivo avuto dalla riduzione dell’esposizione umana a specifici fattori di rischio, la percentuale di declino di mortalità attribuibile ad un ridotto numero di casi mortali o ad una ridotta incidenza dipende dallo specifico gruppo di popolazione. Inoltre, può essere molto difficile stabilire se la riduzione di casi fatali associati con queste patologie sia dovuta a cambiamenti della gestione della malattia (es. trattamenti e/o farmaci più efficaci) o a cambiamenti della gravità della malattia.

D’altra parte, per la maggior parte dei tipi di cancro è chiaro che il declino della mortalità è associato con un aumento del tempo di sopravvivenza. Questo dato è probabilmente associato ai lunghi periodi di latenza di molti tipi di tumore, e ciò significa che gli attuali dati di mortalità spesso riflettono esposizioni a fattori di rischio avvenute molti anni fa. Nonostante i suddetti andamenti positivi, non vi sono prove di riduzione (e, piuttosto, vi sono evidenze di aumento) di mortalità per malattie del sistema nervoso, apparato muscolo scheletrico e tessuto connettivo, sistema endocrino, nutrizionale e metabolico, sistema genitourinario, e disordini mentali e comportamentali. Da ultimo, incidenti e traumi, particolarmente a casa, a scuola, durante il tempo libero, le attività sportive e il trasporto, continuano ad essere cause di morte importanti, mostrando solo un piccolo declino nel tempo.

Le grandi differenze osservate tra attesa di vita e dati di mortalità per cause specifiche in diversi Stati Membri dell’UE (Tabella 13.1 del Rapporto, v. oltre) indicano chiaramente che si possono ancora raggiungere miglioramenti della salute in molti settori differenti e che ciascun Stato Membro dell’UE può avere priorità e approcci specifici per perseguire e ottenere questi miglioramenti. Ciononostante, una forte cooperazione a livello europeo viene considerata per tutti. Capire e ridurre le differenze attuali è necessario per garantire una crescita economica sostenibile, una piena occupazione ed una maggiore coesione sociale.

 

 

Tabella 13.1. Tassi standardizzati di mortalità per cause selezionate non comunicabili in UE 27:
Media UE27 e valori nazionali massimo e minimo, morti per 100.000, 2005

Fonte: EUROSTAT

 

 

 

Cause di morte

Media UE27

Valore massimo nazionale

Valore minimo nazionale

 

 

 

 

Tutte le cause di morte (A00-Y89)

667.6

1108.7

560.5

Tumori (C00-D48)

182.7

248.2

124.1

Tumori maligni (C00-C97)

177.9

237.4

120.4

Cardiopatia ischemica (I20-I25)

98.3

355.0

40.4

Malattie cerebrovascolari (I60-I69)

64.1

215.2

32.4

Cause esterne di trauma e avvelenamento (V01-Y89)

41.7

156.3

25.9

Tumore maligno di laringe e trachea/bronchi/polmone (C32-C34)

40.0

65.5

23.4

Incidenti (V01-X59)

26.7

98.1

15.8

Malattie endocrine, nutrizionali e metaboliche (E00-E90)

17.8

44.2

8.0

Epatopatia cronica (K70, K73-K74)

14.2

44.5

4.4

Diabete mellito (E10-E14)

14.2

39.5

6.1

Tumore maligno della mammella (C50)

13.9

16.5

10.2

Tumore maligno del colon (C18)

13.7

21.6

6.7

Tumore maligno del tessuto linfatico/ematopoietico (C81-C96)

13.1

14.7

7.6

Disordini mentali e del comportamento (F00-F99)

12.4

31.5

0.2

Suicidio ed autolesionismo intenzionale (X60-X84)

10.8

37.0

2.9

Tumore maligno del pancreas (C25)

9.6

13.9

5.3

Tumore maligno dello stomaco (C16)

9.3

18.3

3.4

Tumore maligno della prostata (C61)

8.5

14.6

5.9

Tumore maligno del fegato e dei dotti biliari intraepatici (C22)

6.4

9.5

1.7

Tumore maligno del retto e dell’ano (C19-C21)

6.3

14.9

1.3

Tumore maligno  della vescica (C67)

5.0

6.6

2.7

Tumore maligno di labbra, cavità orale e faringe (C00-C14)

4.6

13.8

0.5

Tumore maligno dellovaio (C56)

4.4

6.8

2.7

Tumore maligno dell’esofago (C15)

4.4

8.5

0.6

Tumore maligno del rene (C64)

3.9

9.0

1.7

Malattie dell’apparato muscoloscheletrico/tessuto connettivo (M00-M99)

2.9

5.1

0.2

Tumore maligno di altre parti dell’utero (C54-C55)

2.3

4.8

1.5

Melanoma malign della pelle (C43)

2.1

3.9

0.7

Tumore maligno della cervice uterina (C53)

1.8

7.6

0.5

Malattie del sangue (organi ematopoietici), disordini immunologici (D50-D89)

1.7

3.7

0.5

Asma (J45-J46)

1.3

3.6

0.1

Omicidio, aggressione (X85-Y09)

1.1

10.0

0.3

Malattie della pelle e tessuto sottocutaneo (L00-L99)

1.0

9.0

0.1

Nota: il tasso minimo e massimo possono essere soggetti a fluttuazioni annuali nel caso di Stati Membri con popolazioni poco numerose