Progetto EUGLOREH
LO STATO DI SALUTE NELL’UNIONE EUROPEA:
VERSO UN’EUROPA PIÙ SANA

SINTESI DEI RISULTATI

9. SANITA’ PUBBLICA: POLITICHE E STRUMENTI DI CONTROLLO

9.1. Sviluppi istituzionali e delle politiche a livello dell’UE e degli Stati Membri.

9.1.1. La strategia europea per la salute

«»

Link:  Normali Evidenziati

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

9.1.1. La strategia europea per la salute

 

Il 23 ottobre 2007 la Commissione Europea ha adottato una nuova Strategia per la Salute, “Insieme per la Salute: un approccio strategico per l’UE 2008-2013” (Together for Health: A Strategic Approach for the EU 2008-2013). Basandosi sul lavoro attuale, questa Strategia mira a fornire un quadro strategico sovrastante che copra gli aspetti cruciali della salute, della salute in tutte le politiche e della salute globale. La Strategia mira a fissare obiettivi chiari per guidare il lavoro futuro sulla salute a livello europeo, e a mettere in atto un meccanismo di attuazione per raggiungere questi obiettivi, lavorando in partnership con gli Stati Membri. La Strategia focalizza su quattro principi e tre temi strategici per migliorare la salute nell’UE. I principi comprendono: prendere un approccio guidato dai valori, riconoscere i legami tra salute e prosperità economica, integrare la salute in tutte le politiche e rinforzare la voce dell’UE nella salute mondiale. I temi strategici comprendono: incoraggiare la buona salute in un’Europa che invecchia; proteggere i cittadini dalle minacce per la salute; sistemi sanitari dinamici e nuove tecnologie. La Commissione Europea lavorerà per rinforzare ulteriormente il coinvolgimento dei principali portatori d’interesse nel contribuire allo sviluppo e all’attuazione di azioni per proteggere e migliorare la salute dei cittadini europei. Sulla base dei progressi fatti mediante strutture come la Piattaforma europea su dieta, attività fisica e salute, il Forum europeo su alcol e salute, il Gruppo per la sanità elettronica ed il Forum per la politica sanitaria, la Commissione Europea lavorerà a stretto contatto con gruppi di portatori d’interesse e organismi regionali e locali per ottimizzare il loro contributo all’ attuazione della Strategia. Nella realizzazione della Strategia, la Commissione intende lavorare attraverso tutti i settori, in accordo col principioSalute in tutte le politiche”, ed è verosimile che utilizzerà tutta la gamma degli strumenti disponibili: legislazione, comunicazione, raccomandazioni, linee guida e reti, insieme a strumenti politici come strategie su tabacco, nutrizione e attività fisica, sicurezza e salute sul lavoro, tecnologie emergenti, alcol e salute mentale. Il Libro Bianco determina la prima parte della Strategia verso il 2013, quando si avrà una revisione per sostenere la definizione di ulteriori attività verso gli obiettivi della Strategia. È stato anche elaborato un meccanismo di cooperazione tra gli Stati Membri e la Commissione per l’attuazione della Strategia.