Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Alfabetica    [«  »]
ix 3
jausen 1
joi 1
l 947
l' 1727
la 2358
278
Frequenza    [«  »]
1107 in
1043 si
1029 ch'
947 l
821 è
802 le
796 sì
Dante Alighieri
Divina commedia

IntraText - Concordanze

l

1-500 | 501-947

    Parte, Capitolo, Capoverso
1 In, 1, 30 | sì che 'l piè fermo sempre era 'l 2 In, 1, 30 | l piè fermo sempre era 'l più basso.~ ~ 3 In, 1, 38 | e 'l sol montava 'n con quelle 4 In, 1, 56 | e giugne 'l tempo che perder lo face,~ 5 In, 1, 60 | mi ripigneva dove 'l sol tace.~ ~ 6 In, 1, 71 | e vissi a Roma sotto 'l buono Augusto~ 7 In, 1, 75 | poi che 'l superbo Ilión fu combusto.~ ~ 8 In, 1, 83 | vagliami 'l lungo studio e 'l grande 9 In, 1, 83 | vagliami 'l lungo studio e 'l grande amore~ 10 In, 1, 85 | Tu se' lo mio maestro e 'l mio autore;~ 11 In, 1, 99 | e dopo 'l pasto ha più fame che pria.~ ~ 12 In, 1, 101| saranno ancora, infin che 'l veltro~ 13 In, 2, 18 | ch'uscir dovea di lui e 'l chi e 'l quale,~ ~ 14 In, 2, 18 | dovea di lui e 'l chi e 'l quale,~ ~ 15 In, 2, 22 | la quale e 'l quale, a voler dir lo vero,~ 16 In, 2, 31 | io perché venirvi? o chi 'l concede?~ 17 In, 2, 33 | degno a ciò né io né altri 'l crede.~ ~ 18 In, 2, 60 | e durerà quanto 'l mondo lontana,~ ~ 19 In, 2, 107| non vedi tu la morte che 'l combatte~ 20 In, 2, 108| su la fiumana ove 'l mar non ha vanto? -~ ~ 21 In, 2, 126| e 'l mio parlar tanto ben ti 22 In, 2, 128| chinati e chiusi, poi che 'l sol li 'mbianca~ 23 In, 3, 6 | la somma sapienza e 'l primo amore.~ ~ 24 In, 3, 80 | temendo no 'l mio dir li fosse grave,~ 25 In, 3, 94 | E 'l duca lui: «Caron, non ti 26 In, 3, 104| l'umana spezie e 'l loco e 'l tempo e 'l seme~ 27 In, 3, 104| umana spezie e 'l loco e 'l tempo e 'l seme~ 28 In, 3, 104| e 'l loco e 'l tempo e 'l seme~ 29 In, 3, 113| appresso de l'altra, fin che 'l ramo~ 30 In, 3, 121| Figliuol mio», disse 'l maestro cortese,~ 31 In, 3, 129| ben puoi sapere omai che 'l suo dir suona».~ ~ 32 In, 4, 90 | Ovidio è 'l terzo, e l'ultimo Lucano.~ ~ 33 In, 4, 99 | e 'l mio maestro sorrise di tanto;~ ~ 34 In, 4, 104| parlando cose che 'l tacere è bello,~ 35 In, 4, 105| sì com'era 'l parlar colà dov'era.~ ~ 36 In, 4, 118| Colà diritto, sovra 'l verde smalto,~ 37 In, 4, 125| da l'altra parte, vidi 'l re Latino~ 38 In, 4, 129| e solo, in parte, vidi 'l Saladino.~ ~ 39 In, 4, 131| vidi 'l maestro di color che sanno~ 40 In, 4, 136| Democrito, che 'l mondo a caso pone,~ 41 In, 4, 144| Averoìs, che 'l gran comento feo.~ ~ 42 In, 5, 21 | E 'l duca mio a lui: «Perché 43 In, 5, 60 | tenne la terra che 'l Soldan corregge.~ ~ 44 In, 5, 65 | tempo si volse, e vedi 'l grande Achille,~ 45 In, 5, 96 | mentre che 'l vento, come fa, ci tace.~ ~ 46 In, 5, 98 | su la marina dove 'l Po discende~ 47 In, 5, 102| che mi fu tolta; e 'l modo ancor m'offende.~ ~ 48 In, 5, 111| fin che 'l poeta mi disse: «Che pense?».~ ~ 49 In, 5, 123| ne la miseria; e ciò sa 'l tuo dottore.~ ~ 50 In, 5, 137| Galeotto fu 'l libro e chi lo scrisse:~ 51 In, 6, 17 | e 'l ventre largo, e unghiate 52 In, 6, 25 | E 'l duca mio distese le sue 53 In, 6, 29 | e si racqueta poi che 'l pasto morde,~ 54 In, 6, 79 | Farinata e 'l Tegghiaio, che fuordegni,~ 55 In, 6, 80 | Iacopo Rusticucci, Arrigo e 'l Mosca~ 56 In, 6, 84 | se 'l ciel li addolcia, o lo ' 57 In, 6, 94 | E 'l duca disse a me: «Più non 58 In, 7, 18 | che 'l mal de l'universo tutto 59 In, 7, 99 | quand'io mi mossi, e 'l troppo star si vieta».~ ~ 60 In, 7, 128| arco tra la ripa secca e 'l mézzo,~ 61 In, 8, 7 | mi volsi al mar di tutto 'l senno;~ 62 In, 8, 9 | foco? e chi son quei che 'l fenno?».~ ~ 63 In, 8, 12 | se 'l fummo del pantan nol ti 64 In, 8, 17 | sotto 'l governo d'un sol galeoto,~ 65 In, 8, 28 | Tosto che 'l duca e io nel legno fui,~ 66 In, 8, 41 | per che 'l maestro accorto lo sospinse,~ 67 In, 8, 44 | basciommi 'l volto, e disse: «Alma sdegnosa,~ 68 In, 8, 62 | e 'l fiorentino spirito bizzarro~ 69 In, 8, 86 | E 'l savio mio maestro fece segno~ 70 In, 8, 101| e se 'l passar più oltre ci è negato,~ 71 In, 8, 104| disse: «Non temer; ché 'l nostro passo~ 72 In, 9, 28 | Quell'è 'l più basso loco e 'l più 73 In, 9, 28 | Quell'è 'l più basso loco e 'l più oscuro,~ 74 In, 9, 29 | e 'l più lontan dal ciel che 75 In, 9, 30 | ben so 'l cammin; però ti fa sicuro.~ ~ 76 In, 9, 31 | Questa palude che 'l gran puzzo spira~ 77 In, 9, 52 | Vegna Medusa: sì 'l farem di smalto»,~ 78 In, 9, 56 | ché se 'l Gorgón si mostra e tu 'l 79 In, 9, 56 | l Gorgón si mostra e tu 'l vedessi,~ 80 In, 9, 58 | Così disse 'l maestro; ed elli stessi~ 81 In, 9, 63 | sotto 'l velame de li versi strani.~ ~ 82 In, 9, 99 | ancor pelato il mento e 'l gozzo».~ ~ 83 In, 9, 117| salvo che 'l modo v'era più amaro;~ ~ 84 In, 10, 2 | tra 'l muro de la terra e li martìri,~ 85 In, 10, 33 | la cintola in tutto 'l vedrai».~ ~ 86 In, 10, 57 | e poi che 'l sospecciar fu tutto spento,~ ~ 87 In, 10, 64 | Le sue parole e 'l modo de la pena~ 88 In, 10, 85 | io a lui: «Lo strazio e 'l grande scempio~ 89 In, 10, 98 | dinanzi quel che 'l tempo seco adduce,~ 90 In, 10, 111| che 'l suo nato è co'vivi ancor 91 In, 10, 113| fate i saper che 'l fei perché pensava~ 92 In, 10, 115| E già 'l maestro mio mi richiamava;~ 93 In, 10, 119| qua dentro è 'l secondo Federico,~ 94 In, 10, 120| e 'l Cardinale; e de li altri 95 In, 10, 129| attendi qui», e drizzò 'l dito:~ ~ 96 In, 11, 5 | del puzzo che 'l profondo abisso gitta,~ 97 In, 11, 13 | Così 'l maestro; e io «Alcun compenso»,~ 98 In, 11, 14 | dissi lui, «trova che 'l tempo non passi~ 99 In, 11, 23 | ingiuria è 'l fine, ed ogne fin cotale~ 100 In, 11, 64 | nel cerchio minore, ov'è 'l punto~ 101 In, 11, 69 | questo baràtro e 'l popol ch'e' possiede.~ ~ 102 In, 11, 81 | le tre disposizion che 'l ciel non vole,~ ~ 103 In, 11, 96 | la divina bontade, e 'l groppo solvi».~ ~ 104 In, 11, 104| segue, come 'l maestro fa 'l discente;~ 105 In, 11, 104| segue, come 'l maestro fa 'l discente;~ 106 In, 11, 112| Ma seguimi oramai, che 'l gir mi piace;~ 107 In, 11, 114| e 'l Carro tutto sovra 'l Coro 108 In, 11, 114| e 'l Carro tutto sovra 'l Coro giace,~ ~ 109 In, 11, 115| e 'l balzo via oltra si dismonta».~ ~ 110 In, 12, 17 | tu credi che qui sia 'l duca d'Atene,~ 111 In, 12, 23 | c'ha ricevuto già 'l colpo mortale,~ 112 In, 12, 53 | come quella che tutto 'l piano abbraccia,~ 113 In, 12, 55 | e tra 'l piè de la ripa ed essa, 114 In, 12, 83 | E 'l mio buon duca, che già li 115 In, 12, 87 | necessità 'l ci 'nduce, e non diletto.~ ~ 116 In, 12, 104| e 'l gran centauro disse: «E' 117 In, 12, 109| E quella fronte c'ha 'l pel così nero,~ 118 In, 12, 122| la testa e ancor tutto 'l casso;~ 119 In, 12, 129| disse 'l centauro, «voglio che tu 120 In, 12, 139| si rivolse, e ripassossi 'l guazzo.~ ~ 121 In, 13, 14 | con artigli, e pennuto 'l gran ventre;~ 122 In, 13, 16 | E 'l buon maestro «Prima che 123 In, 13, 23 | e non vedea persona che 'l facesse;~ 124 In, 13, 28 | Però disse 'l maestro: «Se tu tronchi~ 125 In, 13, 33 | e 'l tronco suo gridò: «Perché 126 In, 13, 47 | rispuose 'l savio mio, «anima lesa,~ 127 In, 13, 55 | E 'l tronco: «Sì col dolce dir 128 In, 13, 80 | disse 'l poeta a me, «non perder 129 In, 13, 86 | liberamente ciò che 'l tuo dir priega,~ 130 In, 13, 113| sente 'l porco e la caccia a la sua 131 In, 13, 136| Quando 'l maestro fu sovr'esso fermo,~ 132 In, 13, 149| sovra 'l cener che d'Attila rimase,~ 133 In, 14, 11 | intorno, come 'l fosso tristo ad essa:~ 134 In, 14, 28 | Sovra tutto 'l sabbion, d'un cader lento,~ 135 In, 14, 32 | d'India vide sopra 'l suo stuolo~ 136 In, 14, 48 | la pioggia non par che 'l marturi?».~ ~ 137 In, 14, 52 | Se Giove stanchi 'l suo fabbro da cui~ 138 In, 14, 70 | disdegno, e poco par che 'l pregi;~ 139 In, 14, 84 | per ch'io m'accorsi che 'l passo era lici.~ ~ 140 In, 14, 89 | notabile com'è 'l presente rio,~ 141 In, 14, 92 | per ch'io 'l pregai che mi largisse ' 142 In, 14, 92 | pregai che mi largisse 'l pasto~ 143 In, 14, 96 | sotto 'l cui rege fu già 'l mondo 144 In, 14, 96 | sotto 'l cui rege fu già 'l mondo casto.~ ~ 145 In, 14, 107| argento son le braccia e 'l petto,~ 146 In, 14, 110| salvo che 'l destro piede è terra cotta;~ 147 In, 14, 121| E io a lui: «Se 'l presente rigagno~ 148 In, 14, 124| elli a me: «Tu sai che 'l loco è tondo;~ 149 In, 14, 134| rispuose; «ma 'l bollor de l'acqua rossa~ 150 In, 15, 2 | e 'l fummo del ruscel di sopra 151 In, 15, 5 | temendo 'l fiotto che 'nver lor s'avventa,~ 152 In, 15, 6 | fanno lo schermo perché 'l mar si fuggia;~ ~ 153 In, 15, 21 | come 'l vecchio sartor fa ne la 154 In, 15, 25 | E io, quando 'l suo braccio a me distese,~ 155 In, 15, 27 | sì che 'l viso abbrusciato non difese~ ~ 156 In, 15, 39 | sanz'arrostarsi quando 'l foco il feggia.~ ~ 157 In, 15, 44 | per andar par di lui; ma 'l capo chino~ 158 In, 15, 48 | chi è questi che mostra 'l cammino?».~ ~ 159 In, 15, 96 | come le piace, e 'l villan la sua marra».~ ~ 160 In, 15, 105| ché 'l tempo sarìa corto a tanto 161 In, 15, 115| Di più direi; ma 'l venire e 'l sermone~ 162 In, 15, 115| più direi; ma 'l venire e 'l sermone~ 163 In, 16, 1 | era in loco onde s'udìa 'l rimbombo~ 164 In, 16, 14 | volse 'l viso ver me, e: «Or aspetta,»~ 165 In, 16, 30 | cominciò l'uno «e 'l tinto aspetto e brollo,~ ~ 166 In, 16, 48 | e credo che 'l dottor l'avrìa sofferto;~ ~ 167 In, 16, 92 | che 'l suon de l'acqua n'era sì 168 In, 16, 110| sì come 'l duca m'avea comandato,~ 169 In, 16, 117| che 'l maestro con l'occhio170 In, 17, 3 | Ecco colei che tutto 'l mondo appuzza!».~ ~ 171 In, 17, 8 | venne, e arrivò la testa e 'l busto,~ 172 In, 17, 14 | lo dosso e 'l petto e ambedue le coste~ 173 In, 17, 24 | l'orlo ch'è di pietra e 'l sabbion serra.~ ~ 174 In, 17, 37 | Quivi 'l maestro «Acciò che tutta 175 In, 17, 53 | ne' quali 'l doloroso foco casca,~ 176 In, 17, 57 | e quindi par che 'l loro occhio si pasca.~ ~ 177 In, 17, 68 | sappi che 'l mio vicin Vitaliano~ 178 In, 17, 72 | gridando: «Vegna 'l cavalier sovrano,~ ~ 179 In, 17, 75 | la lingua, come bue che 'l naso lecchi.~ ~ 180 In, 17, 76 | E io, temendo no 'l più star crucciasse~ 181 In, 17, 85 | colui che sì presso ha 'l riprezzo~ 182 In, 17, 87 | triema tutto pur guardando 'l rezzo,~ ~ 183 In, 17, 103| 'v'era 'l petto, la coda rivolse,~ 184 In, 17, 108| per che 'l ciel, come pare ancor, si 185 In, 17, 125| lo scendere e 'l girar per li gran mali~ 186 In, 17, 127| Come 'l falcon ch'è stato assai 187 In, 18, 8 | tra 'l pozzo e 'l piè de l'alta 188 In, 18, 8 | tra 'l pozzo e 'l piè de l'alta ripa dura,~ 189 In, 18, 20 | di Gerion, trovammoci; e 'l poeta~ 190 In, 18, 26 | in qua ci venien verso 'l volto,~ 191 In, 18, 32 | verso 'l castello e vanno a Santo 192 In, 18, 33 | altra sponda vanno verso 'l monte.~ ~ 193 In, 18, 44 | e 'l dolce duca meco si ristette,~ 194 In, 18, 47 | bassando 'l viso; ma poco li valse,~ 195 In, 18, 82 | E 'l buon maestro, sanza mia 196 In, 19, 9 | ch'a punto sovra mezzo 'l fosso piomba.~ ~ 197 In, 19, 46 | O qual che se' che 'l di tien di sotto,~ 198 In, 19, 49 | Io stava come 'l frate che confessa~ 199 In, 19, 78 | allor ch'i' feci 'l sùbito dimando.~ ~ 200 In, 19, 79 | Ma più è 'l tempo già che i piè mi cossi~ 201 In, 19, 119| o ira o coscienza che 'l mordesse,~ 202 In, 19, 128| sì men portò sovra 'l colmo de l'arco~ 203 In, 20, 10 | Come 'l viso mi scese in lor più 204 In, 20, 12 | ciascun tra 'l mento e 'l principio del 205 In, 20, 12 | ciascun tra 'l mento e 'l principio del casso;~ ~ 206 In, 20, 13 | da le reni era tornato 'l volto,~ 207 In, 20, 15 | perché 'l veder dinanzi era lor tolto.~ ~ 208 In, 20, 23 | viditorta, che 'l pianto de li occhi~ 209 In, 20, 51 | e 'l mar no li era la veduta 210 In, 20, 58 | Poscia che 'l padre suo di vita uscìo,~ 211 In, 20, 67 | Loco è nel mezzo dove 'l trentino~ 212 In, 20, 68 | pastore e quel di Brescia e 'l veronese~ 213 In, 20, 92 | e per colei che 'l loco prima elesse,~ 214 In, 20, 110| augure, e diede 'l punto con Calcanta~ 215 In, 20, 112| Euripilo ebbe nome, e così 'l canta~ 216 In, 20, 117| le magiche frode seppe 'l gioco.~ ~ 217 In, 20, 122| la spuola e 'l fuso, e fecersi 'ndivine;~ 218 In, 20, 124| vienne omai, ché già tiene 'l confine~ 219 In, 21, 20 | mai che le bolle che 'l bollor levava,~ 220 In, 21, 28 | per veder, non indugia 'l partire:~ 221 In, 21, 36 | tenea de' piè ghermito 'l nerbo.~ ~ 222 In, 21, 43 | giù 'l buttò, e per lo scoglio 223 In, 21, 80 | esser venuto», disse 'l mio maestro,~ 224 In, 21, 88 | E 'l duca mio a me: «O tu che 225 In, 21, 98 | lungo 'l mio duca, e non torceva 226 In, 21, 100| chinavan li raffi e «Vuo' che 'l tocchi»,~ 227 In, 22, 37 | sapea già di tutti quanti 'l nome,~ 228 In, 22, 58 | Tra male gatte era venuto 'l sorco;~ 229 In, 22, 63 | da lui, prima» ch'altri 'l disfaccia».~ ~ 230 In, 22, 71 | disse; e preseli 'l braccio col runciglio,~ 231 In, 22, 74 | giuso a le gambe; onde 'l decurio loro~ 232 In, 22, 78 | domandò 'l duca mio sanza dimoro:~ ~ 233 In, 22, 94 | E 'l gran proposto, vòlto a Farfarello~ 234 In, 22, 106| Cagnazzo a cotal motto levò 'l muso,~ 235 In, 22, 107| crollando 'l capo, e disse: «Odi malizia~ 236 In, 22, 116| Lascisi 'l collo, e sia la ripa scudo,~ 237 In, 22, 131| quando 'l falcon s'appressa, giù s' 238 In, 22, 136| e come 'l barattier fu disparito,~ 239 In, 22, 138| e fu con lui sopra 'l fosso ghermito.~ ~ 240 In, 23, 16 | Se l'ira sovra 'l mal voler s'aggueffa,~ 241 In, 23, 18 | che 'l cane a quella lievre ch' 242 In, 23, 49 | come 'l maestro mio per quel vivagno,~ 243 In, 23, 50 | portandosene me sovra 'l suo petto,~ 244 In, 23, 80 | Onde 'l duca si volse e disse: « 245 In, 23, 84 | ma tardavali 'l carco e la via stretta.~ ~ 246 In, 23, 95 | sovra 'l bel fiume d'Arno a la gran 247 In, 23, 114| e 'l frate Catalan, ch'a ciò 248 In, 23, 142| E 'l frate: «Io udi' già dire 249 In, 24, 2 | che 'l sole i crin sotto l'Aquario 250 In, 24, 11 | come 'l tapin che non sa che si 251 In, 24, 13 | veggendo 'l mondo aver cangiata faccia~ 252 In, 24, 47 | disse 'l maestro; «ché, seggendo 253 In, 24, 67 | disse, ancor che sovra 'l dosso~ 254 In, 24, 96 | e 'l capo, ed eran dinanzi aggroppate.~ ~ 255 In, 24, 98 | avventò un serpente che 'l trafisse~ 256 In, 24, 99 | dove 'l collo a le spalle s'annoda.~ ~ 257 In, 24, 128| domanda che colpa qua giù 'l pinse;~ 258 In, 24, 129| ch'io 'l vidi uomo di sangue e di 259 In, 24, 130| E 'l peccator, che 'ntese, non 260 In, 24, 131| drizzò verso me l'animo e 'l volto,~ 261 In, 25, 26 | che sotto 'l sasso di monte Aventino~ 262 In, 25, 36 | de' quali né io né 'l duca mio s'accorse,~ ~ 263 In, 25, 44 | per ch'io, acciò che 'l duca stesse attento,~ 264 In, 25, 45 | mi puosi 'l dito su dal mento al naso.~ ~ 265 In, 25, 48 | ché io che 'l vidi, a pena il mi consento.~ ~ 266 In, 25, 66 | che non è nero ancora e 'l bianco more.~ ~ 267 In, 25, 67 | Li altri due 'l riguardavano, e ciascuno~ 268 In, 25, 74 | le cosce con le gambe e 'l ventre e 'l casso~ 269 In, 25, 74 | le gambe e 'l ventre e 'l casso~ 270 In, 25, 79 | Come 'l ramarro sotto la gran fersa~ 271 In, 25, 88 | Lo trafitto 'l mirò, ma nulla disse;~ 272 In, 25, 91 | Elli 'l serpente, e quei lui riguardava;~ 273 In, 25, 93 | fummavan forte, e 'l fummo si scontrava.~ ~ 274 In, 25, 104| che 'l serpente la coda in forca 275 In, 25, 117| e 'l misero del suo n'avea due 276 In, 25, 118| Mentre che 'l fummo l'uno e l'altro vela~ 277 In, 25, 119| di color novo, e genera 'l pel suso~ 278 In, 25, 135| l'altro si richiude; e 'l fummo resta.~ ~ 279 In, 26, 15 | rimontò 'l duca mio e trasse mee;~ ~ 280 In, 26, 24 | m'ha dato 'l ben, ch'io stessi nol m' 281 In, 26, 25 | Quante 'l villan ch'al poggio si riposa,~ 282 In, 26, 26 | nel tempo che colui che 'l mondo schiara~ 283 In, 26, 33 | tosto che fui 've 'l fondo parea.~ ~ 284 In, 26, 35 | vide 'l carro d'Elia al dipartire,~ 285 In, 26, 41 | fosso, ché nessuna mostra 'l furto,~ 286 In, 26, 43 | Io stava sovra 'l ponte a veder surto,~ 287 In, 26, 46 | E 'l duca che mi vide tanto atteso,~ 288 In, 26, 66 | e ripriego, che 'l priego vaglia mille,~ ~ 289 In, 26, 95 | del vecchio padre, né 'l debito amore~ 290 In, 26, 128| vedea la notte e 'l nostro tanto basso,~ 291 In, 26, 142| infin che 'l mar fu sovra noi richiuso».~ ~ 292 In, 27, 7 | Come 'l bue cicilian che mugghiò 293 In, 27, 30 | e 'l giogo di che Tever si diserra».~ ~ 294 In, 27, 46 | E 'l mastin vecchio e 'l nuovo 295 In, 27, 46 | E 'l mastin vecchio e 'l nuovo da Verrucchio,~ 296 In, 27, 53 | così com'ella sie' tra 'l piano e 'l monte~ 297 In, 27, 53 | ella sie' tra 'l piano e 'l monte~ 298 In, 27, 57 | se 'l nome tuo nel mondo tegna 299 In, 27, 58 | Poscia che 'l foco alquanto ebbe rugghiato~ 300 In, 27, 105| che 'l mio antecessor non ebbe 301 In, 27, 107| 've 'l tacer mi fu avviso 'l peggio,~ 302 In, 27, 107| ve 'l tacer mi fu avviso 'l peggio,~ 303 In, 27, 116| perché diede 'l consiglio frodolente,~ 304 In, 27, 130| Quand'elli ebbe 'l suo dir così compiuto,~ 305 In, 27, 132| torcendo e dibattendo 'l corno aguto.~ ~ 306 In, 27, 133| Noi passamm'oltre, e io e 'l duca mio,~ 307 In, 27, 135| che cuopre 'l fosso in che si paga il 308 In, 28, 26 | la corata pareva e 'l tristo sacco~ 309 In, 28, 46 | Né morte 'l giunse ancor, né colpa ' 310 In, 28, 46 | giunse ancor, né colpa 'l mena»,~ 311 In, 28, 47 | rispuose 'l mio maestro «a tormentarlo;~ 312 In, 28, 65 | e tronco 'l naso infin sotto le ciglia,~ 313 In, 28, 98 | Cesare, affermando che 'l fornito~ 314 In, 28, 105| sì che 'l sangue facea la faccia sozza,~ ~ 315 In, 28, 118| certo, e ancor par ch'io 'l veggia,~ 316 In, 28, 121| e 'l capo tronco tenea per le 317 In, 28, 128| levò 'l braccio alto con tutta la 318 In, 28, 136| Io feci il padre e 'l figlio in sé ribelli:~ 319 In, 29, 22 | Allor disse 'l maestro: «Non si franga~ 320 In, 29, 47 | di Valdichiana tra 'l luglio e 'l settembre~ 321 In, 29, 47 | Valdichiana tra 'l luglio e 'l settembre~ 322 In, 29, 67 | Qual sovra 'l ventre, e qual sovra le 323 In, 29, 86 | cominciò 'l duca mio a l'un di loro,~ 324 In, 29, 94 | E 'l duca disse: «I' son un che 325 In, 30, 2 | per Semelè contra 'l sangue tebano,~ 326 In, 30, 27 | che 'l porco quando del porcil 327 In, 30, 54 | che 'l viso non risponde a la ventraia,~ ~ 328 In, 30, 57 | l'un verso 'l mento e l'altro in rinverte.~ ~ 329 In, 30, 69 | che 'l male ond'io nel volto mi 330 In, 30, 92 | fumman come man bagnate 'l verno,~ 331 In, 30, 98 | l'altr'è 'l falso Sinon greco di Troia:~ 332 In, 30, 122| disse 'l Greco, «la lingua, e l'acqua 333 In, 30, 123| che 'l ventre innanzi a li occhi 334 In, 30, 127| tu hai l'arsura e 'l capo che ti duole,~ 335 In, 30, 131| quando 'l maestro mi disse: «Or pur 336 In, 30, 133| Quand'io 'l senti' a me parlar con ira,~ 337 In, 30, 143| disse 'l maestro, «che 'l tuo non 338 In, 30, 143| disse 'l maestro, «che 'l tuo non è stato;~ 339 In, 31, 8 | su per la ripa che 'l cinge dintorno,~ 340 In, 31, 11 | sì che 'l viso m'andava innanzi poco;~ 341 In, 31, 26 | quanto 'l senso s'inganna di lontano;~ 342 In, 31, 30 | acciò che 'l fatto men ti paia strano,~ ~ 343 In, 31, 36 | ciò che cela 'l vapor che l'aere stipa,~ ~ 344 In, 31, 42 | così la proda che 'l pozzo circonda~ ~ 345 In, 31, 47 | le spalle e 'l petto e del ventre gran 346 In, 31, 66 | in giù dov'omo affibbia 'l manto.~ ~ 347 In, 31, 70 | E 'l duca mio ver lui: «Anima 348 In, 31, 74 | che 'l tien legato, o anima confusa,~ 349 In, 31, 75 | e vedi lui che 'l gran petto ti doga».~ ~ 350 In, 31, 81 | come 'l suo ad altrui, ch'a nullo 351 In, 31, 85 | cigner lui qual che fosse 'l maestro,~ 352 In, 31, 88 | d'una catena che 'l tenea avvinto~ 353 In, 31, 92 | di sua potenza contra 'l sommo Giove»,~ 354 In, 31, 93 | disse 'l mio duca, «ond'elli ha cotal 355 In, 31, 130| Così disse 'l maestro; e quelli in fretta~ 356 In, 31, 131| le man distese, e prese 'l duca mio,~ 357 In, 31, 137| sotto 'l chinato, quando un nuvol 358 In, 32, 3 | sovra 'l qual pontan tutte l'altre 359 In, 32, 27 | né Tanai sotto 'l freddo cielo,~ ~ 360 In, 32, 42 | che 'l pel del capo avieno insieme 361 In, 32, 47 | gocciar su per le labbra, e 'l gelo strinse~ 362 In, 32, 78 | forte percossi 'l piè nel viso ad una.~ ~ 363 In, 32, 127| e come 'l pan per fame si manduca,~ 364 In, 32, 128| così 'l sovran li denti a l'altro 365 In, 32, 129| 've 'l cervel s'aggiugne con la 366 In, 32, 135| dimmi 'l perché», diss'io, «per tal 367 In, 33, 5 | disperato dolor che 'l cor mi preme~ 368 In, 33, 23 | la qual per me ha 'l titol de la fame,~ 369 In, 33, 26 | lune già, quand'io feci 'l mal sonno~ 370 In, 33, 27 | del futuro mi squarciò 'l velame.~ ~ 371 In, 33, 38 | pianger senti' fra 'l sonno i miei figliuoli~ 372 In, 33, 41 | pensando ciò che 'l mio cor s'annunziava;~ 373 In, 33, 44 | che 'l cibo ne solea essere addotto,~ 374 In, 33, 59 | ed ei, pensando ch'io 'l fessi per voglia~ 375 In, 33, 72 | tra 'l quinto e 'l sesto; ond' 376 In, 33, 72 | tra 'l quinto e 'l sesto; ond'io mi diedi,~ ~ 377 In, 33, 75 | Poscia, più che 'l dolor, poté 'l digiuno».~ ~ 378 In, 33, 75 | più che 'l dolor, poté 'l digiuno».~ ~ 379 In, 33, 77 | riprese 'l teschio misero co'denti,~ 380 In, 33, 80 | del bel paese dove 'lsuona,~ 381 In, 33, 85 | Ché se 'l conte Ugolino aveva voce~ 382 In, 33, 89 | novella Tebe, Uguiccione e 'l Brigata~ 383 In, 33, 90 | e li altri due che 'l canto suso appella.~ ~ 384 In, 33, 95 | e 'l duol che truova in su li 385 In, 33, 99 | riempion sotto 'l ciglio tutto il coppo.~ ~ 386 In, 33, 108| veggendo la cagion che 'l fiato piove».~ ~ 387 In, 33, 113| sì ch'io sfoghi 'l duol che 'l cor m'impregna,~ 388 In, 33, 113| ch'io sfoghi 'l duol che 'l cor m'impregna,~ 389 In, 33, 114| un poco, pria che 'l pianto si raggeli».~ ~ 390 In, 33, 122| Ed elli a me: «Come 'l mio corpo stea~ 391 In, 33, 132| mentre che 'l tempo suo tutto sia vòlto.~ ~ 392 In, 33, 136| Tu 'l dei saper, se tu vien pur 393 In, 33, 147| che 'l tradimento insieme con lui 394 In, 34, 3 | disse 'l maestro mio «se tu 'l discerni».~ ~ 395 In, 34, 3 | disse 'l maestro mio «se tu 'l discerni».~ ~ 396 In, 34, 6 | par di lungi un molin che 'l vento gira,~ ~ 397 In, 34, 29 | da mezzo 'l petto uscìa fuor de la ghiaccia;~ 398 In, 34, 35 | e contra 'l suo fattore alzò le ciglia,~ 399 In, 34, 41 | sovresso 'l mezzo di ciascuna spalla,~ 400 In, 34, 45 | vegnon di onde 'l Nilo s'avvalla.~ ~ 401 In, 34, 54 | gocciava 'l pianto e sanguinosa bava.~ ~ 402 In, 34, 59 | verso 'l graffiar, che talvolta la 403 In, 34, 62 | disse 'l maestro, «è Giuda Scariotto,~ 404 In, 34, 63 | che 'l capo ha dentro e fuor le 405 In, 34, 75 | tra 'l folto pelo e le gelate croste.~ ~ 406 In, 34, 83 | disse 'l maestro, ansando com'uom 407 In, 34, 94 | Lèvati », disse 'l maestro, «in piede:~ 408 In, 34, 95 | la via è lunga e 'l cammino è malvagio,~ 409 In, 34, 108| al pel del vermo reo che 'l mondo fóra.~ ~ 410 In, 34, 110| io mi volsi, tu passasti 'l punto~ 411 In, 34, 114| coverchia, e sotto 'l cui colmo consunto~ ~ 412 In, 34, 138| che porta 'l ciel, per un pertugio tondo.~ ~ 413 Pu, 1, 18 | contristati li occhi e 'l petto.~ ~ 414 Pu, 1, 25 | Goder pareva 'l ciel di lor fiammelle:~ 415 Pu, 1, 29 | un poco me volgendo a l 'altro polo,~ 416 Pu, 1, 39 | ch'i' 'l vedea come 'l sol fosse davante.~ ~ 417 Pu, 1, 51 | reverenti mi le gambe e 'l ciglio.~ ~ 418 Pu, 1, 73 | Tu 'l sai, ché non ti fu per lei 419 Pu, 1, 95 | schietto e che li lavi 'l viso,~ 420 Pu, 1, 102| porta di giunchi sovra 'l molle limo;~ ~ 421 Pu, 1, 125| soavemente 'l mio maestro pose:~ 422 Pu, 2, 1 | Già era 'l sole a l'orizzonte giunto~ 423 Pu, 2, 15 | giù nel ponente sovra 'l suol marino,~ ~ 424 Pu, 2, 18 | che 'l muover suo nessun volar 425 Pu, 2, 34 | come l'ha dritte verso 'l cielo,~ 426 Pu, 2, 57 | di mezzo 'l ciel cacciato Capricorno,~ ~ 427 Pu, 3, 14 | e diedi 'l viso mio incontr'al poggio~ 428 Pu, 3, 15 | che 'nverso 'l ciel più alto si dislaga.~ ~ 429 Pu, 3, 22 | e 'l mio conforto: «Perché pur 430 Pu, 3, 53 | disse 'l maestro mio fermando 'l 431 Pu, 3, 53 | l maestro mio fermando 'l passo,~ 432 Pu, 3, 55 | E mentre ch'e' tenendo 'l viso basso~ 433 Pu, 3, 81 | timidette atterrando l'occhio e 'l muso;~ ~ 434 Pu, 3, 93 | non sappiendo 'l perché, fenno altrettanto.~ ~ 435 Pu, 3, 96 | per che 'l lume del sole in terra è 436 Pu, 3, 100| Così 'l maestro; e quella gente 437 Pu, 3, 104| se', così andando, volgi 'l viso:~ 438 Pu, 3, 111| mostrommi una piaga a sommo 'l petto.~ ~ 439 Pu, 3, 117| e dichi 'l vero a lei, s'altro si dice.~ ~ 440 Pu, 3, 124| Se 'l pastor di Cosenza, che a 441 Pu, 3, 131| dal regno, quasi lungo 'l Verde,~ 442 Pu, 4, 9 | vassene 'l tempo e l'uom non se n'avvede;~ ~ 443 Pu, 4, 31 | Noi salavam per entro 'l sasso rotto,~ 444 Pu, 4, 51 | tanto che 'l cinghio sotto i piè mi fue.~ ~ 445 Pu, 4, 67 | Come ciò sia, se 'l vuoi poter pensare,~ 446 Pu, 4, 79 | che 'l mezzo cerchio del moto superno,~ 447 Pu, 4, 81 | e che sempre riman tra 'l sole e 'l verno,~ ~ 448 Pu, 4, 81 | sempre riman tra 'l sole e 'l verno,~ ~ 449 Pu, 4, 86 | quanto avemo ad andar; ché 'l poggio sale~ 450 Pu, 4, 108| tenendo 'l viso giù tra esse basso.~ ~ 451 Pu, 4, 113| movendo 'l viso pur su per la coscia,~ 452 Pu, 4, 119| dicendo: «Hai ben veduto come 'l sole~ 453 Pu, 5, 3 | di retro a me, drizzando 'l dito,~ ~ 454 Pu, 5, 9 | pur me, pur me, e 'l lume ch'era rotto.~ ~ 455 Pu, 5, 11 | disse 'l maestro, «che l'andare allenti?~ 456 Pu, 5, 31 | E 'l mio maestro: «Voi potete 457 Pu, 5, 33 | che 'l corpo di costui è vera carne.~ ~ 458 Pu, 5, 44 | vegnonti a pregar», disse 'l poeta:~ 459 Pu, 5, 66 | pur che 'l voler nonpossa non ricida.~ ~ 460 Pu, 5, 74 | ond'uscì 'l sangue in sul quale io sedea,~ 461 Pu, 5, 82 | palude, e le cannucce e 'l braco~ 462 Pu, 5, 97 | 've 'l vocabol suo diventa vano,~ 463 Pu, 5, 103| Io dirò vero e tu 'l ridì tra ' vivi:~ 464 Pu, 5, 107| per una lagrimetta che 'l mi toglie;~ 465 Pu, 5, 111| tosto che sale dove 'l freddo il coglie.~ ~ 466 Pu, 5, 113| ntelletto, e mosse il fummo e 'l vento~ 467 Pu, 5, 115| Indi la valle, come 'l fu spento,~ 468 Pu, 5, 117| di nebbia; e 'l ciel di sopra fece intento,~ ~ 469 Pu, 5, 118| sì che 'l pregno aere in acqua si 470 Pu, 5, 127| ch'i' fe' di me quando 'l dolor mi vinse;~ 471 Pu, 5, 132| seguitò 'l terzo spirito al secondo,~ ~ 472 Pu, 6, 33 | o non m'è 'l detto tuo ben manifesto?».~ ~ 473 Pu, 6, 42 | perché 'l priego da Dio era disgiunto.~ ~ 474 Pu, 6, 45 | che lume fia tra 'l vero e lo 'ntelletto.~ ~ 475 Pu, 6, 51 | e vedi omai che 'l poggio l'ombra getta».~ ~ 476 Pu, 6, 54 | ma 'l fatto è d'altra forma che 477 Pu, 6, 71 | ci 'nchiese; e 'l dolce duca incominciava~ 478 Pu, 6, 101| sovra 'l tuo sangue, e sia novo e 479 Pu, 6, 102| tal che 'l tuo successor temenza n' 480 Pu, 6, 103| Ch'avete tu e 'l tuo padre sofferto,~ 481 Pu, 6, 105| che 'l giardin de lo 'mperio sia 482 Pu, 6, 138| S'io dico 'l ver, l'effetto nol nasconde.~ ~ 483 Pu, 7, 15 | e abbracciòl 've 'l minor s'appiglia.~ ~ 484 Pu, 7, 52 | E 'l buon Sordello in terra fregò ' 485 Pu, 7, 52 | Sordello in terra fregò 'l dito,~ 486 Pu, 7, 54 | non varcheresti dopo 'l sol partito:~ ~ 487 Pu, 7, 65 | quand'io m'accorsi che 'l monte era scemo,~ 488 Pu, 7, 85 | Prima che 'l poco sole omai s'annidi»,~ 489 Pu, 7, 86 | cominciò 'l Mantoan che ci avea vòlti,~ 490 Pu, 8, 20 | ché 'l velo è ora ben tanto sottile,~ 491 Pu, 8, 21 | certo che 'l trapassar dentro è leggero.~ ~ 492 Pu, 8, 78 | se l'occhio o 'l tatto spesso non l'accende.~ ~ 493 Pu, 8, 88 | E 'l duca mio: «Figliuol, che 494 Pu, 8, 90 | di che 'l polo di qua tutto quanto 495 Pu, 8, 95 | dicendo: «Vedi 'l nostro avversaro»;~ 496 Pu, 8, 101| ad ora ad or la testa, e 'l dosso~ 497 Pu, 8, 107| fuggì 'l serpente, e li angeli dier 498 Pu, 8, 132| sola va dritta e 'l mal cammin dispregia».~ ~ 499 Pu, 8, 133| Ed elli: «Or va; che 'l sol non si ricorca~ 500 Pu, 8, 134| sette volte nel letto che 'l Montone~


1-500 | 501-947

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License