Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per attivare i link alle concordanze

2001. L’Urion de Monti

 

Ggià cch’er Papa ha vvorzuto indeggnamente
fà vvescovo er calonico Tizzani
senza senticce prima un accidente
li su’ poveri fijji montisciani,

 

bisoggnerà abbozzà, naturarmente,
e ppe ffàcce vedé bboni cristiani
sbiggnà vvia tra le scianche de la ggente
co l’orecchie a l’ingiú ccome li cani.

 

Questa perantro c’è arrivata all’ossa;
e ccom’è vvero er foco de l’inferno
er Zanto Padre sce l’ha ffatta grossa!

 

E ppoteranno dí ssempr’ar Governo
li Monti, che jj’è ttocca una gran sbiossa,
e li Ternani, c’hanno vinto un terno.

 

17 aprile 1843

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License