Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per attivare i link alle concordanze

2020. Er fruttarolo e l‘Abbate

 

Ma, ddit’un po’, cce séte o mme sce fate?
E st’assaggi ve serveno oggni sera?
Mó una bbruggna, mó un fico, mó una pera,
mó cquattro vaga d’ua, mó ddu’ patate...

 

Volevio crompà er banco e cquanto sc’era,
e ttratanto è da un mese c’assaggiate!
A cche ggioco ggiucamo, eh sor abbate!
Questo se chiama un cojjonà la fiera.

 

A mmé la robba me costa quadrini,
e io nun crompo er pizzutello e ll’ua
pe rrifacce la bbocca a l’abbatini.

 

È ora de finilla, fratèr caro;
e ccasomai ve bbatte er trentadua
sfamateve de torzi ar monnezzaro.

 

11 luglio 1843

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License