Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per attivare i link alle concordanze

501. Sto Monno e cquell’antro

 

Me fai ride: e cche ssò ttutti sti guai
appett’ar tibbi1 de cuer foco eterno?
nu lo sai che le pene de l’inferno
sò ccom’Iddio che nun finisce mai?

 

E ar monno, pe ddu’ ggiorni che cce stai,
te lagni de l’istate, de l’inverno,
de Ddio, de la furtuna, der governo,
e dell’antri malanni che nun hai?!

 

Cquà, s’hai sete, te bbevi una fujjetta,
ma a ccasa-calla nun ce sò cconforti
manco de l’acquaticci de Ripetta.2

 

Cqua mmagni, dormi, cachi, pisci, raschi,
te scòtoli, te stenni, t’arivorti...3
Ma llà, ffratello, come caschi caschi.4

 

Roma, 27 novembre 1832

 




1 Tuttociò che sommamente nuoce e colpisce, può essere un tibbi.

2 Al porto minore del Tevere, detto perciò Ripetta, approdano barche cariche di vini della Sabina, i quali, per esser naturalmente fiacchi e artificialmente adacquati, prendono presso il volgo il nome di acquaticcio.

3 Ti scuoti, ti stendi, ti rivolti.

4 «Aut ad austrum, aut ad aquilonem, in quo loco ceciderit, ibi erit».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License