Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Niccolò Machiavelli
Istorie fiorentine

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

-38-

 

Questi accidenti seguiti nella città dettono animo a tutte le terre sottoposte ai Fiorentini di tornare nella loro libertà; in modo che Arezzo, Castiglione, Pistoia, Volterra, Colle, San Gimignano si ribellorono: talché Firenze, in un tratto, del tiranno e del suo dominio priva rimase, e nel recuperare la sua libertà insegnò a' subietti suoi come potessero recuperare la loro. Seguita adunque la cacciata del Duca e la perdita del dominio loro, i quattordici cittadini e il Vescovo pensorono che fusse più tosto da placare i sudditi loro con la pace che farsegli inimici con la guerra, e mostrare di essere contenti della libertà di quelli come della propria. Mandorono per tanto oratori ad Arezzo, a renunziare allo imperio che sopra quella città avessero e a fermare con quelli accordo, acciò che, poi che come sudditi non potevano, come amici della loro città si valessero. Con l'altre terre ancora in quel modo che meglio poterono convennono, pure che se le mantenessero amiche, acciò che loro liberi potessero aiutare la loro libertà mantenere. Questo partito, prudentemente preso, ebbe felicissimo fine; perché Arezzo, non dopo molti anni, tornò sotto lo imperio de' Fiorentini, e l'altre terre, in pochi mesi, alla pristina ubbidienza si ridussono. E così si ottiene molte volte più presto e con minori pericoli e spesa le cose a fuggirle, che con ogni forza e ostinazione perseguitandole.

 




Precedente - Successivo

Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) Copyright 1996-2007 Èulogos SpA