L'amore paterno
   Atto, Scena
1 1, 5 | Ma a proposito de mario, dime la verità, Clarice, se el 2 1, 5 | dall'amor. Di', Clarice, dime, fia mia, giersera, stamattina, La bancarotta, o sia il mercante fallito Atto, Scena
3 3, 1| PANT. (Oh, che baron!) Dime un poco, te fazzo una confidenza. Le baruffe chiozzotte Atto, Scena
4 3, 13 | Lustrissimo sió Cogitore. ~ISI. Dime un poco, per còssa no vùstu La bottega da caffè Atto, Scena
5 1, 3| genio,~~Donca la tiogo. Dime. Quanto vienla? (prende 6 3, 3| se ne va).~~~~~~ZAN.~~~~Dime, caro Narciso,~~Che maniera Il bugiardo Atto, Scena
7 3, 5 | a andar zo col brenton.9 Dime, gh'astu fatto una serenata?~ 8 3, 5 | LEL. Può abortire.~PAN. Dime un poco. Sastu chi sia quella 9 3, 13 | c'è?~PAN. (ad Arlecchino) Dime a mi, cossstà?~ARL. ( Il buon compatriotto Atto, Scena
10 1, 7 | merito tanta bontà.~PANT. Dime tutto, confideme tutta la 11 1, 7 | d'onor, de pontualità; ma dime un poco con chi gh'astu La buona madre Atto, Scena
12 3, 3 | fatto. (va a sedere)~LOD. Dime, cara ti. Senti, xestu mo La buona moglie Atto, Scena
13 1, 6 | quelo de mare!~CAT. Cara ti, dime una cossa. A chi ghe vustu 14 1, 7 | matazza veh, te cognosso. Dime, ghastu gnente de bon da 15 2, 5 | tornarlo a drezzar). (da sé) Dime, Pasqualin, sastu adesso 16 3, 1 | postizze.~MEN. Caro ti, dime, come astu fato a saverlo?~ La cameriera brillante Atto, Scena
17 2, 5 | Arzentina, te voggio ben. Parla, dime quel che ti me volevi dir.~ Il campiello Atto, Scena
18 3, 2 | CATTE De gnente.~LUCIETTA Dime, cossa gh'è, Anzoletto?~ L'erede fortunata Atto, Scena
19 2, 5| TRAST. Cosa vuoi?~ARL. Dime cugnà.~TRAST. (Mi fa ridere). ( La fondazione di Venezia Azione
20 2 | riceverò dalle to man.~~Ma dime, caro coccolo,~~Ti ha da La donna di testa debole Atto, Scena
21 2, 1 | mi; se no ti me la paghi, dime che no son fiol de me pader.~ L'impostore Atto, Scena
22 1, 9| zozo co gnente). (da sé) Dime, caro ti; chi te vol menar I pettegolezzi delle donne Atto, Scena
23 1, 6 | cossa che ti me conti! Dime mo: de chi xela fia?~Donna Componimenti poetici Parte
24 Dia1 | Emanuel noster souren,~E m’an dime, che chiel fu tant amà~Dai L'uomo di mondo Atto, Scena
25 2, 8| no me dir quel che giera, dime quel che son. No passa un L'incognita Atto, Scena
26 1, 10| tutto quello che poderò. Dime come oio da far a farte La putta onorata Atto, Scena
27 2, 1| Basta, no digo altro. Dime, fastu l’amor?~PASQUAL. 28 3, 11| vedo, muoro seguro...~CAT. Dime, come xela andada?~BETT. 29 3, 12| camerata?~NAN. Son qua.~MEN. Dime, com’èla de sto foresto?~ 30 3, 29| sior Pantalon?~PANT. Sì, dime pare, no me dir Pantalon.
Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License