1-500 | 501-826
I due gemelli veneziani
    Atto, Scena
1 1, 8| la bontà del suo cuore.~PANC. Il ciel vi guardi, fanciulla; 2 1, 8| sapeste cosa mi è accaduto!~PANC. Che mai, che mai! Palesatemi 3 1, 8| isposa ad un Veneziano.~PANC. (Così non lo sapessi!) ( 4 1, 8| arrivato in questa città.~PANC. (Così si fosse rotto l’ 5 1, 8| sciocco, ma però temerario.~PANC. La temerità è propria di 6 1, 8| abboccare con esso lui.~PANC. Male.~ROS. Poi seco lui 7 1, 8| lui ancora mi lasciò sola.~PANC. Peggio.~ROS. Ed egli...~ 8 1, 8| Peggio.~ROS. Ed egli...~PANC. Già me l’immagino.~ROS. 9 1, 8| con parole indecenti...~PANC. Ed anco tenere, non è così?~ 10 1, 8| così?~ROS. Sì, signore.~PANC. E con qualche atto immodesto?~ 11 1, 8| immodesto?~ROS. Per l’appunto.~PANC. Seguite; che avvenne?~ROS. 12 1, 8| gli diedi uno schiaffo.~PANC. Oh, brava, oh saggia, oh 13 1, 8| atto del mio risentimento?~PANC. Pensate! e in che modo! 14 1, 8| in chi dovrei cercarlo?~PANC. Oh, Rosaura, per ora non 15 1, 8| sfacciato, forse forse...~PANC. Oibò, oibò, chiudete l’ 16 1, 8| padre che non lo voglio.~PANC. Brava; ora vi lodo. Aggiungerò 17 1, 9| NONA~ ~Pancrazio solo.~ ~PANC. Se non mi acquisto Rosaura 18 1, 18| far un regalo e giustarla.~PANC. (Ecco qui quel baccellone 19 1, 18| verso la casa del Dottore)~PANC. Quel giovine, dove andate?~ 20 1, 18| Vago dalla mia novizza.~PANC. Da quella che vi ha dato 21 1, 18| Siben, giusto da quella.~PANC. E andate con risoluzione 22 1, 18| Bravo, l’avè indovinada.~PANC. Vi piace quella giovine?~ 23 1, 18| quella giovine?~ZAN. Assae.~PANC. Le volete bene?~ZAN. E 24 1, 18| volete bene?~ZAN. E come!~PANC. La sposereste volentieri?~ 25 1, 18| volentieri?~ZAN. Oh magari37!~PANC. Povero giovane, quanto 26 1, 18| compatisco!~ZAN. Coss’è stà?~PANC. Siete sull’orlo del precipizio.~ 27 1, 18| precipizio.~ZAN. Mo perché?~PANC. Non volete ammogliarvi?~ 28 1, 18| ammogliarvi?~ZAN. Sior sì.~PANC. Povero infelice, siete 29 1, 18| rovinato.~ZAN. Mo perché?~PANC. Io, che altro non bramo 30 1, 18| fare.~ZAN. Mo comòdo38?~PANC. Sapete voi cosa sia matrimonio?~ 31 1, 18| giusto... mario e muggier.~PANC. Ah, se sapeste cosa vuol 32 1, 18| Mo via, cossa vorlo dir?~PANC. Matrimonio vuol dire una 33 1, 18| galera.~ZAN. El matrimonio?~PANC. Il matrimonio.~ZAN. Schienze39!~ 34 1, 18| matrimonio.~ZAN. Schienze39!~PANC. Il matrimonio è un peso 35 1, 18| Gnaccara muso d’oro40!~PANC. E la donna che vi sembra 36 1, 18| ZAN. Cossèla, caro sior?~PANC. La donna è una incantatrice 37 1, 18| interesse.~ZAN. La donna?~PANC. La donna.~ZAN. Aséo!~PANC. 38 1, 18| PANC. La donna.~ZAN. Aséo!~PANC. Quegli occhi così brillanti 39 1, 18| do fiamme de fogo...~PANC. La bocca è un vaso di veleno 40 1, 18| bocca... un vaso de velen...~PANC. Le guancie, così vaghe 41 1, 18| strigherie... incanti...~PANC. Quando una donna vi viene 42 1, 18| Bagatelle per i putei!~PANC. E quando la donna viene 43 1, 18| inferno.~ZAN. Alla larga.~PANC. Pensateci, e pensateci 44 1, 18| ZAN. Gh’ho bello e pensà.~PANC. Mai più donne.~ZAN. Mai 45 1, 18| donne.~ZAN. Mai più donne.~PANC. Mai più matrimonio.~ZAN. 46 1, 18| ZAN. Mai più matrimonio.~PANC. Quanto benedirete il mio 47 1, 18| ZAN. El ciel v’ha mandà.~PANC. Via, abbiate giudizio. 48 1, 18| mio pare: ve voggio ben.~PANC. Prendete, baciatemi la 49 1, 18| benedio! (gli bacia la mano)~PANC. Donne...~ZAN. Uh...~PANC. 50 1, 18| PANC. Donne...~ZAN. Uh...~PANC. Matrimonio...~ZAN. Oh...~ 51 1, 18| Matrimonio...~ZAN. Oh...~PANC. Mai più...~ZAN. Mai più.~ 52 1, 18| Mai più...~ZAN. Mai più.~PANC. Certo?~ZAN. Seguro.~PANC. 53 1, 18| PANC. Certo?~ZAN. Seguro.~PANC. Bravo, bravo, bravo. (parte)~ ~ ~ ~ 54 2, 12| DODICESIMA~ ~Pancrazio e detti.~ ~PANC. Brighella, va dalla padrona, 55 2, 12| de Venezia. (a Brighella)~PANC. Perdoni, deve partire. 56 2, 12| estrema curiosità). (da sé)~PANC. Riverisco il signor Zanetto.~ 57 2, 12| Patron mio stimatissimo.~PANC. Ah! io ho compassione di 58 2, 12| come credo che la sia ella.~PANC. Poi fate a vostro modo, 59 2, 12| Come porla dir sta cossa?~PANC. Mi pare, mi pare, e forse 60 2, 12| zente cattiva, nevvero?~PANC. Ah, pur troppo!~TON. Zente 61 2, 12| Zente che tira alla vita.~PANC. Ed in che modo!~TON. Quel 62 2, 12| xe un omo indegnissimo.~PANC. L’avete conosciuto alla 63 2, 12| mo, la putta come xela?~PANC. Non le credete, vedete, 64 2, 12| Con quella ciera patetica?~PANC. Eh, amico, appunto queste 65 2, 12| TON. Saveu che no disè mal?~PANC. Anzi dico bene.~TON. Ma 66 2, 12| sta zente cussì cattiva?~PANC. Io m’affatico per illuminarli 67 2, 12| tel legno, la xe fenia.~PANC. Sempre si va di male in 68 2, 12| quella zovene no me dispiase.~PANC. Ha un’arte che farebbe 69 2, 12| far zoso col matrimonio...~PANC. Oibò. Matrimonio? Che orribile 70 2, 12| calepin delle sette lengue.~PANC. Ma non vi ricordate che 71 2, 12| matto, o l’è impotente.~PANC. (Costui non mi pare lo 72 2, 12| le fa deventar superbe.~PANC. (Ho inteso! costui non 73 2, 12| de no voler far gnente.~PANC. Farete benissimo, lodo 74 2, 12| voggio confidar una cossa.~PANC. Dite pure con libertà. 75 2, 12| Vedeu sto bauletto de zogie?~PANC. Son gioje quelle?~TON. 76 2, 12| gioje quelle?~TON. Sior sì.~PANC. Vediamole. Belle, belle 77 2, 12| ghe le podiè restituir.~PANC. Lodo la vostra delicatezza. 78 2, 12| galantomeni i ha da esser cussì.~PANC. E se dopo un lungo tempo, 79 2, 12| Impieghele a maridar delle putte.~PANC. Voi altri veneziani siete 80 2, 12| anca la camisa. (parte)~PANC. Questa volta, se la carità 81 3, 1| Pancrazio e Tiburzio orefice.~ ~PANC. Appunto di voi andava in 82 3, 1| in che posso servirla?~PANC. Vi dirò: ho certe gioje 83 3, 1| servirvi. Le avete con voi?~PANC. Eccole. Osservatele bene. ( 84 3, 2| a bottega e vi servirò.~PANC. Dite bene, verrò: ma sono 85 3, 2| un potentissimo veleno.~PANC. A me però potreste usar 86 3, 2| farvele esitar con vantaggio.~PANC. Non lascerò di valermi 87 3, 3| Bargello e birri in disparte.~ ~PANC. (Veramente son belle queste 88 3, 3| osservando in disparte)~PANC. (Spererei con questo bel 89 3, 3| signore, con sua licenza.~PANC. Che c’è? Cosa volete?~BARG. 90 3, 3| Favorisca quelle gioje.~PANC. Per qual ragione?~BARG. 91 3, 3| BARG. Perché sono rubate.~PANC. Come? Io sono un galantuomo.~ 92 3, 3| le ha avute vossignoria?~PANC. Dal signor Zanetto Bisognosi.~ 93 3, 3| sospetto di tale furto.~PANC. Un uomo della mia sorte? 94 3, 3| innocente, vada a giustificarsi.~PANC. Io per la curia? Io per 95 3, 4| QUARTA~ ~Zanetto e detti.~ ~PANC. Oh, ecco appunto il signor 96 3, 4| Le cognosso, le xe mie.~PANC. Sentite? Le conosce. Erano 97 3, 4| signor Pancrazio? (a Zanetto)~PANC. Signor sì, signor sì, egli 98 3, 4| gnente, mi no v’ho gnente.~PANC. Come non mi avete dato 99 3, 4| vu. Questa xe roba mia.~PANC. Oh cielo! Volete farmi 100 3, 4| mia roba. (al Bargello)~PANC. Poter del mondo! In casa 101 3, 4| fogo, e no xe vero gnente.~PANC. Signor bargello, costui 102 3, 4| custodito. (ai birri, e parte)~PANC. Troverò testimoni. Ora, 103 3, 8| costù l’è matto coi fiocchi.~PANC. Andiamo, andiamo dal giudice. 104 3, 8| Ecco qua el sior Zanetto.~PANC. Come! potete voi negare 105 3, 8| xe vero: ve lo ho dae mi.~PANC. Sentite? Lo confessa. Ditelo 106 3, 8| ghentra el sior giudice?~PANC. Bella cosa che avete fatto! 107 3, 8| sgranfignae91? (a Pancrazio)~PANC. Pur troppo lo credevano. 108 3, 8| mi ho fatto a fin de ben.~PANC. O a fin di bene, o a fin 109 3, 10| seguitarlo per curiosità. (parte)~PANC. Questa borsa la raccoglierò 110 3, 10| alle vallade de Bergamo.~PANC. Perché?~ARL. Perché l’aria 111 3, 10| deventar matti. (parte)~PANC. Per tutto il mondo spira 112 3, 21| di tutte le cose passate.~PANC. Ma come! se ella gli ha 113 3, 21| fortuna della mia figliuola.~PANC. Ecco qui; l’avarizia, l’ 114 3, 21| decorosa per la mia casa.~PANC. Pensateci meglio. Prendete 115 3, 22| Pancrazio, poi Zanetto~ ~PANC. Ecco precipitata ogni mia 116 3, 22| Pancrazio, son desperà.~PANC. La morte è la consolazione 117 3, 22| son desperà, no posso più.~PANC. Ma! se aveste fatto a mio 118 3, 22| che tira l’acqua per aria.~PANC. Ma voi non siete per il 119 3, 22| matrimonio.~ZAN. Mo perché?~PANC. Conosco, e so di certo, 120 3, 22| Donca cossa ghoggio da far?~PANC. Lasciar le donne.~ZAN. 121 3, 22| donne.~ZAN. Mo se no posso.~PANC. Fate a mio modo, partite 122 3, 22| burla e le me strapazza.~PANC. Dunque, che volete fare?~ 123 3, 22| gnanca mi, son desperà.~PANC. S’io fossi come voi, sapete 124 3, 22| farei?~ZAN. Cossa faressi?~PANC. Mi darei la morte da me 125 3, 22| remedio senza la morte?~PANC. E che rimedio vi può essere 126 3, 22| maledetta voggia de matrimonio?~PANC. V’ho inteso. (Eccolo da 127 3, 22| poco de quella polvere.~PANC. Ma... privarmi di questa 128 3, 22| darò quanti bezzi che volè.~PANC. Orsù, per farvi vedere 129 3, 22| Dèmela, no me fe più penar.~PANC. (Il veleno datomi da Tiburzio 130 3, 22| Anderò a casa, e la beverò.~PANC. (Si potrebbe pentire). ( 131 3, 22| Aveu portà el negozio?~PANC. (Torna con un bicchiere 132 3, 22| polvere nel bicchiere di vino)~PANC. Bravo. Bevete. Ma avvertite 133 3, 22| segreto.~ZAN. No dubitè.~PANC. Animo.~ZAN. Son qua. Forte 134 3, 22| qua. Forte come una torre.~PANC. E se vi sentite male, soffrite.~ 135 3, 22| soffrite.~ZAN. Soffrirò tutto.~PANC. Parto per non dar ombra 136 3, 22| dessi.~ZAN. Ghavè rason.~PANC. Oh, quanto vogliam ridere 137 3, 22| drio de mi. E mi gnente.~PANC. Niente! Crudo come un leone.~ 138 3, 22| leone.~ZAN. Pianzerale?~PANC. E come!~ZAN. E mi gnente!~ 139 3, 22| come!~ZAN. E mi gnente!~PANC. Niente.~ZAN. Bevo.~PANC. 140 3, 22| PANC. Niente.~ZAN. Bevo.~PANC. Animo.~ZAN. Alla vostra 141 3, 22| mezzo bicchiere di vino)~PANC. (Il colpo è fatto). (da 142 3, 28| ULTIMA~ ~Pancrazio e detti.~ ~PANC. (Che vedo! Zanetto non 143 3, 28| Abbiamo delle gran novità.~PANC. Con buona grazia di lor 144 3, 28| Songio forsi imbriago?~PANC. No. Dico se avete bevuto 145 3, 28| no, non ho gnancora bevù.~PANC. Ma, e le donne che vi tormentano, 146 3, 28| oggio da far a liberarme?~PANC. Subito che avete bevuto, 147 3, 28| cossa ghoggio da bever?~PANC. Oh bella! quella polvere 148 3, 28| forte, che tutti sentono)~PANC. Mi maraviglio di voi. Non 149 3, 28| voggio liberar dalle donne?~PANC. Diceva così per dire... 150 3, 28| indegno, mazzarme un fradello?~PANC. Oh cielo! oh cielo! tanto 151 3, 28| astu fatto! (a Pancrazio)~PANC. Sono nelle mani del giudice.~ 152 3, 28| Pancrazio.~TON. Xe vero?~PANC. È vero.~TON. Donca ti, 153 3, 28| Donca ti, ti l’ha avvelenà.~PANC. Non è vero. Son galantuomo, 154 3, 28| bicchiere.~FLOR. Prendete pure.~PANC. Ecco ch’io bevo.~DOTT. 155 3, 28| i occhi; ghe xe del mal.~PANC. (Avendo bevuto, sente l’ L'erede fortunata Atto, Scena
156 1, 1| e Trastullo in piedi.~ ~PANC. Signor Dottore, adesso 157 1, 1| figlia dovrebbe obbedire.~PANC. Animo, signor notaro, ci 158 1, 1| perduta Rosaura). (da sé)~PANC. (Povero signor Petronio, 159 1, 1| io l’ho perduta). (da sé)~PANC. (La signora Rosaura non 160 1, 1| morto da pazzo). (da sé)~PANC. Signor Dottore, avete sentito. 161 1, 1| ora, ve ne sarà col tempo.~PANC. Può esser di sì, e può 162 1, 1| son legale, e tanto basta.~PANC. Le vostre cabale non mi 163 1, 1| ne pentirà assolutamente.~PANC. La difenderò a costo del 164 1, 1| faremo dare un economo.~PANC. A Pancrazio un economo? 165 1, 1| vostre fattucchierie. (parte)~PANC. Trastullo, voi che siete 166 1, 1| buttarvi dell’acqua. (parte)~PANC. La ragione mi difende, 167 1, 2| Pancrazio ed Ottavio~ ~PANC. Figlio mio, che dici tu 168 1, 2| ilarità che da me pretendete.~PANC. Ma da qual cosa procede 169 1, 2| occupo tutto me stesso.~PANC. Ah! Ottavio, ricordati 170 1, 11| UNDICESIMA~ ~Pancrazio e detti.~ ~PANC. Che c’è, figlio mio, che 171 1, 11| morte del suo genitore.~PANC. Ma tu la puoi consolar 172 1, 11| consolare altrui, che se stesso.~PANC. (Dimmi, sa ella niente 173 1, 11| tutto. Io l’ho avvisata).~PANC. (Sa che io ho da esser 174 1, 11| questo gliel’ho detto).~PANC. (Come l’intend’ella?)~OTT. ( 175 1, 11| mostrata rassegnatissima).~PANC. (Dic’ella forse ch’io sia 176 1, 11| sentita dolersi di ciò).~PANC. (Sai tu che abbia nessuno 177 1, 11| vi riverisco). (parte)~PANC. (Oh poveretto! La luna 178 1, 11| cimento mi trovo!) (piange)~PANC. Figlia mia, basta così: 179 1, 11| adorerà.~ROS. (Sospira)~PANC. Che vuol significare questo 180 1, 11| sentirmi parlar di nozze.~PANC. Dite bene, avete ragione; 181 1, 11| consolarmi, e mi tormentate.~PANC. Vi son forse odioso? Vi 182 1, 11| spiegare i miei sentimenti.~PANC. Via, vi lascierò piangere, 183 1, 20| voglio andare di casa vostra.~PANC. Perché, figliuola mia, 184 1, 20| quel pazzo di mio marito.~PANC. Che cosa vi ha egli fatto?~ 185 1, 20| con la signora Rosaura.~PANC. La signora Rosaura è una 186 1, 20| giudizio che vi supponete.~PANC. Come? Che cosa dite? Voi 187 1, 21| VENTUNESIMA~ ~Pancrazio solo.~ ~PANC. Il ciel ne guardi che fosse 188 2, 2| SECONDA~ ~Pancrazio e detta.~ ~PANC. (Giacché è qui sola, voglio 189 2, 2| della mia morte). (da sé)~PANC. Signora Rosaura, il tempo 190 2, 2| gran cimento il mio cuore.~PANC. Orsù, basta così. Se il 191 2, 2| discacciatecrudelmente da voi?~PANC. Perché non voglio litigare 192 2, 2| siete voi il mio tutore?~PANC. Figliuola mia, non vi voglio 193 2, 2| peggiora il mio stato). (da sé)~PANC. Potete mettere insieme 194 2, 2| parta viva di casa vostra.~PANC. O che in casa mia v’è forse 195 2, 2| mi date maggior tormento.~PANC. Via, via, ho capito. So 196 2, 2| voi vi potete ingannare.~PANC. Non m’inganno; son uomo 197 2, 2| così violenta e crudele.~PANC. Ma, figliuola cara, bisogna 198 2, 2| per farci vivere uniti?~PANC. Che diamine dite voi? Siete 199 2, 2| ammogliato?~ROS. Come? Ha moglie?~PANC. Mi par di sì.~ROS. Dov’ 200 2, 2| Così mi deride?) (da sé)~PANC. (L’amore le ha fatto dar 201 2, 2| sposar voi quell’indegno.~PANC. Vi consigliava a sposarmi, 202 2, 2| efficacia del di lui spirito.~PANC. Davvero! Oh guardate che 203 2, 2| carnefice nel vostro sangue.~PANC. Colui non è già del mio 204 2, 2| Come! Non è vostro figlio?~PANC. Oh appunto! Egli è mio 205 2, 2| Ottavio non è vostro figlio?~PANC. Ottavio, certo che è mio 206 2, 2| dunque che è vostro genero?~PANC. (Ah poveretta, ella gira). ( 207 2, 2| Lelio in questo discorso?~PANC. Oh bella! Non siete voi 208 2, 2| ha per moglie Beatrice.~PANC. Dunque di chi abbiamo parlato 209 2, 2| Voi parlaste di Lelio?~PANC. Sibbene, di quel pazzo; 210 2, 2| passione mi toglie il senno.~PANC. Eh via, spiegatevi meglio. 211 2, 3| TERZA~ ~Pancrazio solo.~ ~PANC. Sentite, venite qua. Sì! 212 2, 4| camera di Rosaura?) (da sé)~PANC. Ottavio, non voglio più 213 2, 4| ci motivo di giubilo?~PANC. Nozze, figliuol mio, nozze. 214 2, 4| feliciti queste vostre nozze.~PANC. Ma non son già io lo sposo.~ 215 2, 4| avrò motivo di rallegrarmi.~PANC. Anzi ti dovrai molto più 216 2, 4| consolare.~OTT. Ma perché?~PANC. Perché lo sposo sarai tu.~ 217 2, 4| caso di prender moglie.~PANC. Quando saprai chi è la 218 2, 4| mai mi avete destinato?~PANC. Indovinala.~OTT. Non me 219 2, 4| me lo saprei immaginare.~PANC. Una che ti vuol bene.~OTT. 220 2, 4| così facile il ritrovarla.~PANC. E che ancor tu le porti 221 2, 4| OTT. È quasi impossibile.~PANC. Senti, Ottavio: tuo padre 222 2, 4| moglie? Ed ella acconsente?~PANC. Non vede l’ora.~OTT. E 223 2, 4| OTT. E voi la rinunziate?~PANC. Che cosa non farei io per 224 2, 4| OTT. E la sua eredità?~PANC. A lei non le importa. Ed 225 2, 4| vincere la mia passione.~PANC. No, Ottavio, son risoluto. 226 2, 4| impostele da suo padre?~PANC. Dimmi un poco: a Rosaura 227 2, 4| L’amo quanto me stesso.~PANC. Dunque Rosaura sarà tua 228 2, 7| animalaccio di Pancrazio!~PANC. Già si avvicina la notte; 229 2, 7| de’ fichi secchi). (da sé)~PANC. (Oh che caro Dottor senza 230 2, 7| Servitor suo, signore sposo.~PANC. Schiavo devotissimo, signor 231 2, 7| si faranno queste nozze?~PANC. Oh presto, presto; ma quando 232 2, 7| dell’eredità di Petronio.~PANC. Ho paura che quel vino 233 2, 7| sorbetto non si voglia gelare.~PANC. Se non avete altro da mangiare, 234 2, 7| senectus ipsa est morbus.~PANC. Io per sposar Rosaura son 235 2, 7| vostro? Sposate la morte.~PANC. Volete un’eredità secondo 236 2, 7| avvocato che vi farà tremare.~PANC. Siete un uomo che fa paura? 237 2, 7| figura da gira arrosto.~PANC. Signor Dottore, buon 238 2, 7| nulla. (con caricatura)~PANC. Oh, che Dottore senza giudizio!~ 239 2, 7| Domani la discorreremo.~PANC. Signor sì, domani, e quando 240 2, 7| Vi farò vedere chi sono.~PANC. Tenete. (gli fa uno sgarbo, 241 2, 7| nescit habere modum. (parte)~PANC. Mi dispiace che non intendo, 242 2, 9| lasciatemi nella mia libertà.~PANC. Senti, o tu hai da fare 243 2, 9| e tutta la vostra casa.~PANC. Che importa a me d’esser 244 2, 9| OTT. Ma io certamente...~PANC. Taci. Se tu non hai premura 245 2, 9| pentireste d’averlo fatto.~PANC. Dice il proverbio: per 246 2, 11| Rosaura per mano, e detto.~ ~PANC. Guardate che matto! Mi 247 2, 11| da ogn’impegno). (da sé)~PANC. Dove sei, dico? Sei tu 248 2, 11| son qui. (altera la voce)~PANC. Vien qua, dammi la mano.~ 249 2, 11| Pensate bene, che poi...~PANC. Eh via, quanti discorsi! 250 2, 11| mi abbandonare). (da sé)~PANC. Via, sbrigatevi, prendetevi 251 2, 11| e con essa il mio cuore.~PANC. State forte; non vi movete. 252 2, 11| FLOR. (Vorrebbe liberarsi)~PANC. Eh via, fermati, tu non 253 2, 12| Signore, che comandate?~PANC. Ohimè, che negozio è questo? 254 2, 12| avanzate, se vi preme la vita.~PANC. Come siete qua? Perché? 255 2, 12| confidenze che fra noi passano.~PANC. Ella è una bagattella!~ 256 2, 12| azioni cotanto indegne.~PANC. Pare impossibile ancora 257 2, 12| bugiardo.~FLOR. Vi compatisco.~PANC. Orsù, signor Florindo, 258 2, 13| ho pur trovà. (a Rosaura)~PANC. Che vuoi tu da mia figlia?~ 259 2, 13| a me non volete credere.~PANC. Come! Arlecchino?...~ROS. 260 2, 13| porta della riva, a scuro.~PANC. Tu, tocco di briccone...~ 261 2, 13| vussioria non l’ha da saver.~PANC. Io non l’ho da sapere?~ 262 2, 13| scuro, che l’aspettava.~PANC. Come?~ROS. Io non so nulla...~ 263 2, 13| ROS. Mentisci, temerario.~PANC. Chi ti ha dato quest’ordine? ( 264 2, 13| gh’ha da esser el patron.~PANC. Chi ti ha detto che non 265 2, 13| testimonianze maggiori della verità.~PANC. Costui è un pappagallo; 266 2, 14| fate che egli si spieghi.~PANC. Che cosa ha egli da spiegare, 267 2, 14| infinitamente). (da sé)~PANC. Orsù, domani la discorreremo 268 2, 14| soddisfazione, son pronto a darvela.~PANC. Signor no, la ringrazio 269 2, 14| Non lo sperate giammai.~PANC. Domani la discorreremo.~ 270 2, 14| torto di credere in me...~PANC. Tacete, signora. Pur troppo 271 2, 14| meraviglio, io non son capace...~PANC. Tacete, vi dico. Siete 272 3, 13| Pancrazio, Rosaura e detti.~ ~PANC. Ebbene, signori, siamo 273 3, 13| parlerete. (a Florindo)~PANC. Orsù, se le cose non si 274 3, 13| disposta per un tal matrimonio.~PANC. Caro Ottavio, taci. Non 275 3, 13| Sì, signore, lo sposerò.~PANC. Guardate che maraviglie! 276 3, 13| Pancrazio mi manca di parola.~PANC. Vi manco di parola, perché 277 3, 13| la qualità del progetto.~PANC. Il progetto era questo. 278 3, 13| LEL. Bravissimo: evviva.~PANC. Caro signor genero, guardate 279 3, 13| il fallimento). (da sé)~PANC. Subito, subito. Orsù, signori, 280 3, 14| Compatitemi, per pietà.~PANC. Signor notaro, ha ella 281 3, 14| ho fatto quanto basta.~PANC. Favorisca di leggerla.~ 282 3, 14| Sono tuttavia d’accordo?~PANC. Sì signore, anche il signor 283 3, 14| NOT. Costui è un pazzo.~PANC. Lo lasci andare e ne prenda 284 3, 14| del signor Pancrazio...~PANC. Questo decrepita è un poco 285 3, 14| diecimila...~FLOR. Dove sono?~PANC. Eccoli qua in tre sacchetti: 286 3, 14| contenta, se lo eseguite.~PANC. Oh! via, via, che siete 287 3, 14| signor Pancrazio Aretusi...~PANC. Sì, mi contento; non son 288 3, 14| Attenderemo de’ nuovi ostacoli?~PANC. Via, quando è fatta, è 289 3, 14| liberati dall’incomodo.~PANC. Signor notaro, ella metta 290 3, 14| da sé, parte coi danari)~PANC. Signor Dottore, se ella 291 3, 14| nozze vogliano esser magre.~PANC. Anzi ella vedrà, se saprò 292 3, 14| come vanno i vostri negozi?~PANC. Benissimo, per grazia del 293 3, 14| non sa nulla). (da sé)~PANC. Osservi una lettera avuta 294 3, 14| Livorno, che nuove avete?~PANC. Osservi; sono arrivate 295 3, 14| diavolo!) E a Milano come va?~PANC. Ecco una lettera di Milano. 296 3, 14| ministro...~DOTT. È fuggito.~PANC. Signor no, viene a Venezia 297 3, 14| discorreva diversamente.~PANC. Chi vi ha dette tali fandonie?~ 298 3, 15| Questo è un tradimento.~PANC. Non è niente. Poiché, se 299 3, 15| sagrificata col signor Pancrazio.~PANC. Sagrificata, perché son 300 3, 15| miei, sono di mio nipote.~PANC. Ne avrete ancor voi la 301 3, 15| signor Dottore; è galantuomo.~PANC. Aspettate, in questa borsa 302 3, 16| vedi che è tanto buono?~PANC. Sposalo, sciocca, che starai 303 3, 16| mi ghaverò la muggier.~PANC. Andiamo dunque a disporre 304 3, 16| dietro per aver la mia parte.~PANC. Trastullo, siete padrone 305 3, 16| umilissimo servitore. (parte)~PANC. Ottavio, sei tu contento?~ 306 3, 16| consolazione mi opprime il cuore.~PANC. E voi, figlia mia? (a Rosaura)~ Il giuocatore Atto, Scena
307 2, 9| questa mattina sto meglio.~PANC. Ah, che ne dite? Vi hanno 308 2, 9| tormentava questa coscia.~PANC. Anch’io con quelle pillole 309 2, 9| come vi tratta la notte?~PANC. Non mi lascia dormire.~ 310 2, 9| petto, che mi sento morire.~PANC. Prendete le pillole.~GAND. 311 2, 9| GAND. Mi faranno bene?~PANC. E come! Hanno fatto bene 312 2, 9| La gotta vi tormenta più?~PANC. Ah, non vedete? Sono stroppiato. 313 2, 9| GAND. Prendete le pillole.~PANC. Perché non vi andate a 314 2, 9| Sediamo un pochino. (siedono)~PANC. Non so se oggi sia freddo, 315 2, 9| poverina me! Vi sentite male?~PANC. Ho un certo non so che 316 2, 9| piuttosto siate caldetto.~PANC. Sì? Via, via, non sarà 317 2, 9| verità che siete caldo.~PANC. Sì, non ho ancora perduti 318 2, 9| miei anni, ma mi conservo.~PANC. Mi parete quella di trent’ 319 2, 9| non diventate mai vecchio.~PANC. I capelli canuti li avevo 320 2, 9| per causa delle flussioni.~PANC. Vi ricordate, eh? trent’ 321 2, 9| ci poteva tener dietro?~PANC. Che ricreazioni, che divertimenti, 322 2, 9| ci poteva star a petto.~PANC. Oh, dove sono andati que’ 323 2, 9| vien voglia di maritarmi.~PANC. Sentite, signora Gandolfa, 324 2, 9| ci foste voi, io morirei.~PANC. Mi ricordo quanto mi avete 325 2, 9| Sospirare? Per qual cagione?~PANC. Per gelosia.~GAND. E adesso 326 2, 9| adesso siete più geloso?~PANC. E adesso.. Basta, se vedessi... 327 2, 9| pillole, che guarirete.~PANC. Eh furbetta!~GAND. Oh! 328 2, 9| furbetta!~GAND. Oh! Io furba?~PANC. Carina! La grazia poi non 329 2, 9| perduta.~GAND. Dite davvero?~PANC. Sì, davvero.~GAND. Eh il 330 2, 9| GAND. Eh il mio vecchietto!~PANC. Oh la mia mamma!~GAND. 331 2, 9| Mi fate tornar giovine.~PANC. Oh dieci anni di meno!~ ~ ~ ~ 332 2, 10| GAND. Via, state saldo.~PANC. Son vecchio.~GAND. Io non 333 2, 10| cerco se siete vecchio.~PANC. Ho male.~GAND. Che male 334 2, 10| male.~GAND. Che male avete?~PANC. Mal d’amore.~FLOR. Riverisco 335 2, 10| Riverisco umilmente lor signori.~PANC. (Oh diavolo! Ci avrà egli 336 2, 10| fate? State bene, caro?~PANC. (Caro?) (da sé)~FLOR. Signora, 337 2, 10| nascere, gli voglio bene.~PANC. Sì, l’avete veduto nascere, 338 2, 10| Venite qua, caro, venite qua.~PANC. (Ho una rabbia che mi sento 339 2, 10| via). Signor Pancrazio.~PANC. Signora?~GAND. Siete molto 340 2, 10| viso. Vi vien la febbre?~PANC. Oimè, ho paura di sì.~GAND. 341 2, 10| accidente. (a Pancrazio)~PANC. Oimè! mi par che mi venga 342 2, 10| cosa, non perdete tempo.~PANC. Ma voi restate...~GAND. 343 2, 10| ora mi cadete in terra.~PANC. Con quel giovinotto...~ 344 2, 10| giovinotto...~GAND. Siete geloso?~PANC. (Ahi! ho paura. Mi sento 345 3, 15| confidarvi una cosa in segreto.~PANC. Sì, signora Gandolfa, son 346 3, 15| Avete prese le pillole?~PANC. Sì, le ho prese questa 347 3, 15| in qua sto meglio assai.~PANC. Voi le avete prese?~GAND. 348 3, 15| ho prese, ma le prenderò.~PANC. Prendete le pillole, che 349 3, 15| diventar giovane di vent’anni.~PANC. Una pilloletta? Chi l’ha 350 3, 15| GAND. Un bravo speziale.~PANC. Come si chiama?~GAND. Si 351 3, 15| chiama il signor Cupido.~PANC. Il signor Cupido?~GAND. 352 3, 15| bisogna ch’io mi mariti.~PANC. Oh caro speziale! Onorato 353 3, 15| venga voglia di maritarvi?~PANC. Per volontà non ho bisogno 354 3, 15| Ditemi, per qual cagione?~PANC. Per mettermi in brio.~GAND. 355 3, 15| Oh che caro vecchietto!~PANC. Oh che graziosa sposina!~ 356 3, 15| ho risoluto di maritarmi.~PANC. Sì, fate benissimo.~GAND. 357 3, 15| consolazione del mondo.~PANC. Chi sa? Lo potete sperare.~ 358 3, 15| che non lo possa avere.~PANC. E poi, se volete prole, 359 3, 15| suo rimedio.~GAND. Come?~PANC. Prendete le pillole.~GAND. 360 3, 15| dite male, le prenderò.~PANC. E le prenderò ancor io, 361 3, 15| pillole non gioveranno più.~PANC. Perché?~GAND. Perché la 362 3, 15| lucerna è vicina a spegnersi.~PANC. Sentite, se è vicina a 363 3, 15| c’è una bella differenza.~PANC. Che differenza c’è? Siamo 364 3, 15| un asino grande e grosso.~PANC. Io son nato dell’anno mille 365 3, 15| seicento settantaquattro.~PANC. Buono! Avete sei anni più 366 3, 15| più di voi? Non è vero.~PANC. Settantaquattro e sei ottanta, 367 3, 15| Voi non sapete niente.~PANC. Orsù, lasciamo andare questo 368 3, 15| non siete più in tempo.~PANC. No? Perché?~GAND. Perché 369 3, 15| vecchio e pieno di malanni.~PANC. E voi?~GAND. Eh io mi mariterò.~ 370 3, 15| GAND. Eh io mi mariterò.~PANC. Voi sì, ed io no?~GAND. 371 3, 15| guardate che maraviglie!~PANC. E chi avete intenzion di 372 3, 15| giovinotto di primo pelo.~PANC. Un giovinotto?~GAND. Signor 373 3, 15| questi è il signor Florindo.~PANC. Eh via, che burlate!~GAND. 374 3, 15| burlate!~GAND. Dico davvero.~PANC. E non vi vergognate? Una 375 3, 15| sì, voglio un giovinotto.~PANC. Vi prenderà per la dote.~ 376 3, 15| GAND. Certo! Per la dote?~PANC. Dunque perché?~GAND. Per 377 3, 15| GAND. Per le mie bellezze.~PANC. Oh bellina!~GAND. Avete 378 3, 15| Avete invidia? Crepate.~PANC. Vi mangerà tutto, e poi 379 3, 15| conosce, non mi lascia più.~PANC. Voi mi fate ridere.~GAND. 380 3, 15| avete mai potuto lasciare!~PANC. Vi ho sofferta.~GAND. Sofferta? 381 3, 15| bene, parlate per gelosia.~PANC. Vi ho sempre creduta una 382 3, 15| E adesso che cosa sono?~PANC. Siete... quasi, quasi ve 383 3, 15| Andate a prendere le pillole.~PANC. Maritarsi di quell’età?~ 384 3, 15| quell’età?~GAND. Signor sì.~PANC. Prender un giovinotto?~ 385 3, 15| giovinotto?~GAND. Signor sì.~PANC. Un giuocatore che manderà 386 3, 15| Florindo è giuocatore?~PANC. E come! Si è precipitato 387 3, 15| gelosia vi fa parlar così.~PANC. Certo che io vi volevo 388 3, 15| contuttociò potrete venir da me.~PANC. Sì, ma il signor Florindo...~ 389 3, 15| mi regolerò con prudenza.~PANC. Più tosto, se volevate 390 3, 16| qualche cosa, potete andare.~PANC. Mi cacciate via, eh?~GAND. 391 3, 16| che cosa volete far qui?~PANC. Pazienza. (si asciuga gli 392 3, 16| che già vi vorrò bene.~PANC. Non credeva mai...~GAND. 393 3, 16| fate piangere ancor me.~PANC. Basta.~GAND. Povero vecchio!~ 394 3, 16| Basta.~GAND. Povero vecchio!~PANC. Se mi voleste bene!...~ 395 3, 16| signor Florindo; andate via.~PANC. Io certamente...~GAND. 396 3, 16| certamente...~GAND. Andate via.~PANC. Non vi avrei mai lasciata.~ 397 3, 16| via, che siate maledetto.~PANC. A me?~GAND. Andate, che 398 3, 16| che il diavolo vi porti.~PANC. Vado... (Andatevi a fidar 399 3, 20| VENTESIMA~ ~Pancrazio e detti.~ ~PANC. Riverisco lor signori. 400 3, 20| voi). (piano a Pancrazio)~PANC. Questa sera prenderò le 401 3, 20| vero, signor Pancrazio?~PANC. Dopo le pillole, ci parleremo.~ I mercatanti Atto, Scena
402 1, 1| Pancrazio e giovini~ ~PANC. (Tre lettere di cambio 403 1, 1| signore, l'ho estratto.~PANC. Come stiamo?~PRIMO GIO. 404 1, 1| deve quattromila pezze.~PANC. (Una bagattella!) E voi 405 1, 1| di seimila lire tornesi.~PANC. (Meglio!) E con la Germania, 406 1, 1| fiorini si pareggia il conto.~PANC. (Va benissimo!) Ho capito 407 1, 2| giovini che dimandano di lei.~PANC. Chi sono?~FACC. Uno è il 408 1, 2| cassiere di monsieur Saisson.~PANC. (Saranno venuti per riscuotere 409 1, 2| questi giovini mi sentissero.~PANC. Andate tutti tre al Bancogiro2, 410 1, 3| Faccenda e Pancrazio~ ~PANC. Ora dite quel che volevate 411 1, 3| il denaro, di protestare.~PANC. Ah Faccenda, son rovinato!~ 412 1, 3| ridursi in questo stato?~PANC. Causa quello sciaurato 413 1, 3| tanto di un giovinotto?~PANC. Sperava che vedendosi in 414 1, 3| conviene pensare al rimedio.~PANC. Non saprei dove gettarmi; 415 1, 3| alloggiato in casa sua?~PANC. Vi dirò, voleva dirgli 416 1, 3| Dunque per queste ragioni...~PANC. Ve n'è un'altra. Monsieur 417 1, 3| sequestrare gli effetti.~PANC. Pur troppo è vero. Penso, 418 1, 3| che cosa ho loro da dire?~PANC. Se sono venuti per riscuotere 419 1, 4| Pancrazio, poi Faccenda~ ~PANC. Io sono stato sempre un 420 1, 4| FACC. Sono andati via.~PANC. Che hanno detto?~FACC. 421 1, 4| attenderanno al Bancogiro.~PANC. Voglia il cielo, che vi 422 1, 4| mattina lo voglia consolare.~PANC. In qual maniera?~FACC. 423 1, 4| ducati al sette per cento?~PANC. Me ne ricordo, e mi sovviene 424 1, 4| l'otto, e anche il dieci.~PANC. E così si va in rovina 425 1, 4| può essere più necessaria.~PANC. Faccenda caro, a prender 426 1, 4| Non vuole nemmeno udirlo?~PANC. Fate che venga, gli parlerò. 427 1, 4| istato di dover fallire?~PANC. Disgrazie sopra disgrazie. 428 1, 5| poi il dottor Malazucca~ ~PANC. Tremo, quando penso che 429 1, 5| vossignoria, signor Pancrazio.~PANC. Fo riverenza al signor 430 1, 5| Son venuto a incomodarvi.~PANC. Mi comandi: in che posso 431 1, 5| Faccenda vi ha detto nulla?~PANC. Mi ha detto che vossignoria 432 1, 5| mi bastasse per vivere.~PANC. Vuol far un vitalizio?~ 433 1, 5| voglio perdere il capitale.~PANC. Dunque come vorrebbe fare? 434 1, 5| vorrei il sette per cento.~PANC. Sarà difficile che ritrovi 435 1, 5| anche all'otto per cento.~PANC. Quando ne hanno bisogno, 436 1, 5| Voi non ne avete bisogno?~PANC. Non ne ho bisogno, ma per 437 1, 5| almeno il sei e mezzo.~PANC. Basta, si trattenga qui 438 1, 5| non parto, se non tornate.~PANC. Vengo subito. (Voglio prima 439 1, 5| paura che non me lo rubino.~PANC. Stimo assai che porti indosso 440 1, 5| incomoda niente affatto.~PANC. (Povero Dottore! mi fa 441 1, 13| Pancrazio ed un giovine~ ~PANC. Dite a monsieur Rainmere, 442 1, 13| GIO. Sarà servita. (parte)~PANC. Non sono mai stato in tanti 443 1, 14| giorno, signor Pancrazio.~PANC. Buon giorno, monsieur Rainmere. 444 1, 14| RAIN. Andava fuori di casa.~PANC. Così a buon'ora? A che 445 1, 14| pipa col capitano Corbrech.~PANC. Non volete prima bever 446 1, 14| RAIN. Sì, beviamo il .~PANC. Chi è di ?~GIO. Signore.~ 447 1, 14| Chi è di ?~GIO. Signore.~PANC. Dite che portino il .~ 448 1, 14| signore, è andato via.~PANC. Buon viaggio. Che portino 449 1, 14| GIO. Sarà servita. (parte)~PANC. Monsieur Rainmere, sediamo 450 1, 14| RAIN. Obbligato. (siedono)~PANC. Per quel che sento, spero 451 1, 14| Corbrech il mese venturo.~PANC. Non vorrei che venisse 452 1, 14| carissima.~RAIN. Bene obbligato.~PANC. Questi tre mesi che vi 453 1, 14| giorni.~RAIN. Bene obbligato.~PANC. Dovreste star qui tutto 454 1, 14| inverno.~RAIN. Non posso.~PANC. Madamigella Giannina, vostra 455 1, 14| più italiana che olandese.~PANC. È nata in Olanda, ma da 456 1, 14| nipote studia volentieri.~PANC. So che a Milano, dove è 457 1, 14| adorare.~RAIN. Bene obbligato.~PANC. La volete condurre in Olanda?~ 458 1, 14| quello che piace a lei.~PANC. La dovreste maritare in 459 1, 14| piacerà di essere maritata.~PANC. Volete che le troviamo 460 1, 14| famiglia che piacesse a me.~PANC. Caro amico, datemi licenza 461 1, 14| RAIN. Oh, signor Pancrazio!~PANC. Vi degnereste di casa mia?~ 462 1, 14| mia?~RAIN. Mi fate onore.~PANC. Mio figlio vi piacerebbe?~ 463 1, 14| da piacere a mia nipote.~PANC. E se piacesse a lei, voi 464 1, 14| Perdonate... non sarei contento.~PANC. No? Per qual cagione?~RAIN. 465 1, 14| cagione?~RAIN. Perdonate.~PANC. Dunque non istimate la 466 1, 14| maraviglio. La darei a voi.~PANC. E a mio figlio no?~RAIN. 467 1, 14| mio figlio no?~RAIN. No.~PANC. Ma perché a me sì, e a 468 1, 14| lui no?~RAIN. Perdonate.~PANC. Ditemi almeno il perché.~ 469 1, 14| RAIN. Voi siete onest'uomo.~PANC. E mio figlio?~RAIN. Perdonate, 470 1, 14| Perdonate, non è puntuale.~PANC. Come lo potete dire?~RAIN. 471 1, 14| non me li ha restituiti.~PANC. (Ah disgraziato!) (da sé) 472 1, 14| fidate di me?~RAIN. Sì.~PANC. E se vi risolvete di concedere 473 1, 14| debitore.~RAIN. Certamente.~PANC. Dunque volete che facciamo 474 1, 14| matrimonio?~RAIN. Perdonate.~PANC. Ho capito. Non avete di 475 1, 15| Servitore con il , e detti.~ ~PANC. Beviamo il . (beve il 476 1, 15| obbligato. (beve il )~PANC. Non avrei mai creduto, 477 1, 15| Sì, anzi tutto. (bevendo)~PANC. La vostra dote sarebbe 478 1, 15| sicura.~RAIN. Sicurissima.~PANC. E la giovine non istarebbe 479 1, 15| bene?~RAIN. No; perdonate.~PANC. Ma perché no?~RAIN. Vostro 480 1, 15| Vostro figlio non è puntuale.~PANC. È giovine, il matrimonio 481 1, 15| si assodi; poi si mariti.~PANC. Finalmente son io che la 482 1, 15| la chiede.~RAIN. Per chi?~PANC. Per mio figlio.~RAIN. Perdonate.~ 483 1, 15| figlio.~RAIN. Perdonate.~PANC. E se la chiedessi per me, 484 1, 15| Sì, con tutto il cuore.~PANC. Bisognerebbe poi vedere 485 1, 15| sposo ha da piacere a lei.~PANC. Dunque non faremo niente.~ 486 1, 15| Buon , buon . (bevendo)~PANC. Ho capito, monsieur, voi 487 1, 15| RAIN. Io? Mi maraviglio.~PANC. Compatitemi, non mi pare 488 1, 15| protestata.~RAIN. Provatemi.~PANC. Io son un uomo, che per 489 1, 15| per me.~RAIN. Provatemi.~PANC. Se vi metterò alla prova, 490 1, 15| conoscete la mia sincerità.~PANC. Per istabilire un negozio 491 1, 15| RAIN. Quando li vorreste?~PANC. Questa mattina a mezzogiorno.~ 492 1, 15| mezzogiorno.~RAIN. Disponetene.~PANC. Mi darete diecimila ducati 493 1, 15| puntuale, voi siete onorato.~PANC. E mio figlio?...~RAIN. 494 1, 15| figlio?...~RAIN. Perdonatemi.~PANC. (Ah, pur troppo ha ragione, 495 1, 15| li scriverò in Bancogiro.~PANC. Sentite: non vorrei che 496 1, 15| RAIN. Voi non mi conoscete.~PANC. Più tosto...~RAIN. Non 497 1, 15| scriverò in Banco. (s'alza)~PANC. Vi pagherò il sei per cento; 498 1, 15| si alza)~RAIN. Non parlo.~PANC. Monsieur Rainmere, voi 499 1, 15| prova di diecimila ducati.~PANC. Come? Siete forse pentito?~ 500 1, 16| SEDICESIMA~ ~Pancrazio solo.~ ~PANC. Non so che dire, son confuso,


Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License