L'amante di sé medesimo
  Atto, Scena
1 5, 1| chieggio.~~~~~~ALB.~~~~Tolè, fortunà; podeu cercar de meggio?~~ Le donne gelose Atto, Scena
2 1, 11| LUG. Andè , che fortunà.~BAS. Mo gh’ho ben a caro 3 3, 12| da galantomo.~GIU. Oh co fortunà! Oh co bravo! Ala sentìo, I due gemelli veneziani Atto, Scena
4 2, 10| patrona: anzi me posso chiamar fortunà, che la m’abbia fatto degno Le massere Atto, Scena
5 3, 9 | boccon de anni! Mo son ben fortunà. (Parte.)~~~~~~GNESE:~~~~ Il poeta fanatico Atto, Scena
6 2, 10| rovina.~TON. Mah! L’è stà ben fortunà el sior Ottavio a trovar Il vecchio bizzarro Atto, Scena
7 3, 16 | mi ho resposo, che saria fortunà quell'omo che ghe toccasse.~
Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License