grassetto = Testo principale
                       grigio = Testo di commento
La bottega del caffè
    Atto, Scena
1 0, per | MARZIO gentiluomo napolitano ~EUGENIO mercante ~FLAMINIO sotto 2 0, per | pellegrina ~VITTORIA moglie di Eugenio ~LISAURA ballerina ~PANDOLFO 3 1, 1 | TRAPPOLA Quel povero signor Eugenio! Lo ha precipitato. ~RIDOLFO 4 1, 2 | innanzi così. Il signor Eugenio ha giuocato questa notte?~ 5 1, 2 | come sapete, del signor Eugenio, ho aperta questa bottega, 6 1, 2 | tavolino quel povero signore Eugenio.~PANDOLFO Per me, che perda 7 1, 3 | MARZIO Si è veduto il signor Eugenio?~RIDOLFO Illustrissimo signor 8 1, 4 | della moglie del signor Eugenio, e dimandagli da parte mia, 9 1, 4 | della moglie del signor Eugenio?~DON MARZIO Sì, or ora non 10 1, 4 | sé) ~TRAPPOLA E al signor Eugenio non importa niente di far 11 1, 5 | della moglie del signor Eugenio?~DON MARZIO Sì, diglielo 12 1, 7 | Scena Settima. Eugenio dalla bottega del giuoco, 13 1, 7 | DON MARZIO Schiavo, signor Eugenio. ~EUGENIO Che ora è?~DON 14 1, 7 | Schiavo, signor Eugenio. ~EUGENIO Che ora è?~DON MARZIO Sedici 15 1, 7 | il suo orologio va bene.~EUGENIO Caffè!~RIDOLFO La servo, 16 1, 7 | MARZIO Amico, com'è andata?~EUGENIO Caffè! (non abbadando a 17 1, 7 | MARZIO Avete perso? (ad Eugenio) ~EUGENIO Caffè. (gridando 18 1, 7 | Avete perso? (ad Eugenio) ~EUGENIO Caffè. (gridando forte) ~ 19 1, 8 | detti~ ~PANDOLFO Signor Eugenio, una parola. (lo tira in 20 1, 8 | lo tira in disparte) ~EUGENIO So quel che volete dirmi. 21 1, 8 | dicono.) (da sé) ~RIDOLFO (ad Eugenio) Ecco il caffè.~EUGENIO ( 22 1, 8 | Eugenio) Ecco il caffè.~EUGENIO (a Ridolfo) Andate via. ( 23 1, 8 | materia di giuoco.~RIDOLFO (ad Eugenio) Signore, il caffè si raffredda.~ 24 1, 8 | il caffè si raffredda.~EUGENIO (a Ridolfo) Lasciatemi stare.~ 25 1, 8 | RIDOLFO Se non lo voleva...~EUGENIO Andate via.~RIDOLFO Lo beverò 26 1, 8 | risponde) (Che cosa dicono?)~EUGENIO (a Pandolfo) So ancor io, 27 1, 8 | ritrovare trenta zecchini. ~EUGENIO Oh bravo! (chiama forte) 28 1, 8 | forte) Caffè! ~RIDOLFO (ad Eugenio) Ora bisogna farlo.~EUGENIO 29 1, 8 | Eugenio) Ora bisogna farlo.~EUGENIO Sono tre ore che domando 30 1, 8 | che lo farà da suo pari.~EUGENIO (a Ridolfo) Ditemi, vi 31 1, 8 | Sono curioso di saperlo.)~EUGENIO Animo, Pandolfo, trovatemi 32 1, 8 | darà; ma pegno, e regalo.~EUGENIO Non mi parlate di pegno, 33 1, 8 | cosa vuol dar di regalo?~EUGENIO Fate voi quel che credete 34 1, 8 | zecchino alla settimana.~EUGENIO Un zecchino di usura alla 35 1, 8 | RIDOLFO (col caffè, ad Eugenio) Servita del caffè.~EUGENIO ( 36 1, 8 | Eugenio) Servita del caffè.~EUGENIO (a Ridolfo) Andate via.~ 37 1, 8 | RIDOLFO La seconda di cambio.~EUGENIO (a Pandolfo) Un zecchino 38 1, 8 | cosa discreta.~RIDOLFO (ad Eugenio) Lo vuole, o non lo vuole?~ 39 1, 8 | Lo vuole, o non lo vuole?~EUGENIO (a Ridolfo) Andate via, 40 1, 8 | s'alza, e va vicino ad Eugenio) Signor Eugenio, vi è qualche 41 1, 8 | vicino ad Eugenio) Signor Eugenio, vi è qualche differenza? 42 1, 8 | Volete che l'aggiusti io?~EUGENIO Niente, signor Don Marzio: 43 1, 8 | avete bisogno, comandate.~EUGENIO Le dico che non mi occorre 44 1, 8 | che avete voi col signor Eugenio?~PANDOLFO Un piccolo affare, 45 1, 8 | Io sono amico del signor Eugenio, so tutti i fatti suoi, 46 1, 8 | non l'ho detto a nessuno.~EUGENIO Si poteva anche risparmiare 47 1, 8 | bisogno di nulla? Son qui.~EUGENIO Per dirgliela, ho perso 48 1, 8 | vi darò i suoi orecchini.~EUGENIO (da sé) (Maledetto sia quando 49 1, 8 | costui.)~DON MARZIO (ad Eugenio) Perché non prendere il 50 1, 8 | offerisce il signor Pandolfo?~EUGENIO Perché vuole un zecchino 51 1, 8 | servizio, che vuole così.~EUGENIO Fate una cosa: parlate col 52 1, 8 | voglia il danaro subito.~EUGENIO Se potessi vendere una pezza 53 1, 8 | ritrovare il compratore? ~EUGENIO Sì, caro amico, fatemi il 54 1, 8 | giuoco) ~DON MARZIO (ad Eugenio) Avete perso molto?~EUGENIO 55 1, 8 | Eugenio) Avete perso molto?~EUGENIO Cento zecchini, che aveva 56 1, 8 | dieci, che vi ho prestati. ~EUGENIO Via, non mi mortificate 57 1, 8 | V.S. non si parta di qui.~EUGENIO Vi aspetto in questo luogo 58 1, 9 | Scena Nona. Don Marzio ed Eugenio, poi Ridolfo~ ~DON MARZIO 59 1, 9 | sedete, beviamo il caffè.~EUGENIO Caffè! (siedono) ~RIDOLFO 60 1, 9 | giuoco giuochiamo, signor Eugenio? Si prende spasso de' fatti 61 1, 9 | prende spasso de' fatti miei?~EUGENIO Caro amico, compatite, sono 62 1, 9 | RIDOLFO Eh, caro, signor Eugenio, se V.S. volesse badare 63 1, 9 | troverebbe in tal caso.~EUGENIO Non so che dire, avete ragione.~ 64 1, 9 | nessuno? Il Conte la mantiene.~EUGENIO Credo di sì, che possa mantenerla, 65 1, 9 | MARZIO Io ho saputo tutto.~EUGENIO Come l'avete saputo, caro 66 1, 9 | quel che mangia; so tutto.~EUGENIO Il Conte è poi solo?~DON 67 1, 9 | qui il terzo caffè. (ad Eugenio) ~DON MARZIO Ah! che dite, 68 1, 9 | ballerine, ha da venir da me.~EUGENIO Dunque questa signora ballerina 69 1, 9 | dietro, flusso e riflusso.~EUGENIO E sì ella pare una ragazza 70 1, 9 | mantiene. Poi vi va chi vuole.~EUGENIO Io ho provato qualche volta 71 1, 9 | da sé) (Oh che lingua!)~EUGENIO Vengo qui a bever il caffè 72 1, 9 | remota? Vanno per di .~EUGENIO Sarà così.~DON MARZIO È 73 1, 10 | e poi a tempo ritorna) ~EUGENIO Che dite, Ridolfo? La ballerina 74 1, 10 | sa la lingua ch'egli è?~EUGENIO Lo so, che ha una lingua 75 1, 10 | in casa non va nessuno.~EUGENIO Ma il Conte la mantiene?~ 76 1, 10 | dice che la voglia sposare.~EUGENIO Se fosse cosi, non vi sarebbe 77 1, 11 | Scena Undicesima. Eugenio e Ridolfo~ ~RIDOLFO Vede? 78 1, 11 | Colla saponata sul viso.~EUGENIO Sì, quando si è cacciata 79 1, 11 | RIDOLFO E dice male di tutti.~EUGENIO Non so come faccia a parlar 80 1, 11 | sempre a quelli degli altri.~EUGENIO Veramente è fortuna il non 81 1, 11 | conoscerlo.~RIDOLFO Caro signor Eugenio, come ha ella fatto a intricarsi 82 1, 11 | dieci zecchini in prestito?~EUGENIO Anche voi lo sapete?~RIDOLFO 83 1, 11 | pubblicamente in bottega.~EUGENIO Caro amico, sapete come 84 1, 11 | si è attaccata poco bene.~EUGENIO Credete che messer Pandolfo 85 1, 11 | negozio le verrà a proporre.~EUGENIO Ma che devo fare? Bisogna 86 1, 11 | quello che vorrebbe esitare? ~EUGENIO Panno padovano, che vale 87 1, 11 | vendere con riputazione?~EUGENIO Vi sarei bene obbligato.~ 88 1, 11 | tempo, e lasci operare a me.~EUGENIO Tempo? Volentieri. Ma quello 89 1, 11 | presterò i trenta zecchini.~EUGENIO Sì, caro, vi sarò obbligato. 90 1, 11 | assassinare da questi cani.~EUGENIO Voi siete un gran galantuomo.~ 91 1, 11 | stender l'ordine in carta.~EUGENIO Son qui; dettatelo voi, 92 1, 11 | giovane del suo negozio?~EUGENIO Pasquino de' Cavoli.~RIDOLFO ( 93 1, 11 | Cavoli.~RIDOLFO (detta, ed Eugenio scrive) Pasquino de' Cavoli... 94 1, 11 | la data e si sottoscriva.~EUGENIO Ecco fatto.~RIDOLFO Si fida 95 1, 11 | RIDOLFO Si fida ella di me?~EUGENIO Capperi! Non volete?~RIDOLFO 96 1, 11 | numera trenta zecchini)~EUGENIO Caro amico, vi sono obbligato.~ 97 1, 11 | obbligato.~RIDOLFO Signor Eugenio, glieli do, acciò possa 98 1, 12 | Scena Dodicesima. Eugenio solo, poi Lisaura alla finestra~ ~ 99 1, 12 | Lisaura alla finestra~ ~EUGENIO Non dice male; confesso 100 1, 12 | LISAURA Serva umilissima!~EUGENIO È molto, signora, che è 101 1, 12 | LISAURA In questo punto.~EUGENIO Ha bevuto il caffè?~LISAURA 102 1, 12 | presto. Non l'ho bevuto.~EUGENIO Comanda che io la faccia 103 1, 12 | obbligata: non s'incomodi.~EUGENIO Niente, mi maraviglio. Giovani, 104 1, 12 | cioccolata li faccio in casa.~EUGENIO Avrà della cioccolata buona?~ 105 1, 12 | LISAURA Per dirla, è perfetta.~EUGENIO La sa far bene?~LISAURA 106 1, 12 | La mia serva s'ingegna.~EUGENIO Vuole che venga io a darle 107 1, 12 | superfluo che s'incomodi.~EUGENIO Verrò a beverla con lei, 108 1, 12 | Non è per lei, signore.~EUGENIO Io mi degno di tutto; apra, 109 1, 12 | apro con questa facilità.~EUGENIO Ehi, dica, vuole che io 110 1, 12 | vengono pubblicamente.~EUGENIO Apra, via, non facciamo 111 1, 12 | LISAURA Dica in grazia, signor Eugenio: ha veduto ella il conte 112 1, 12 | veduto ella il conte Leandro?~EUGENIO Così non lo avessi veduto.~ 113 1, 12 | insieme la scorsa notte?~EUGENIO Pur troppo; ma che serve, 114 1, 12 | io non apro a nessuno. ~EUGENIO Ha forse bisogno che il 115 1, 12 | Conte, ho ragione di farlo.~EUGENIO Ora la servo subito. È qui 116 1, 13 | disinvoltura del signor Eugenio.~EUGENIO Che ne dite dell' 117 1, 13 | disinvoltura del signor Eugenio.~EUGENIO Che ne dite dell'indiscretezza 118 1, 13 | vi credete ch'ella sia?~EUGENIO Per quel che dice Don Marzio, 119 1, 13 | Marzio, e chi lo crede.~EUGENIO Bene. Non sarà così; ma 120 1, 13 | i miei trenta zecchini.~EUGENIO I trenta zecchini ve li 121 1, 13 | pretende di fare il grazioso.~EUGENIO I giovani della mia sorta, 122 1, 13 | monete. (entra in casa) ~EUGENIO Egli sì, ed io no? Non sono 123 1, 14 | Placida da Pellegrino ed Eugenio~ ~PLACIDA Un poco di carità 124 1, 14 | alla povera pellegrina.~EUGENIO (da sé) (Ecco qui; corre 125 1, 14 | pellegrine.)~PLACIDA (ad Eugenio) Signore, per amor del cielo, 126 1, 14 | cielo, mi dia qualche cosa.~EUGENIO Che vuol dir questo, signora 127 1, 14 | per l'uno, né per l'altro.~EUGENIO Dunque per qual causa si 128 1, 14 | mondo?~PLACIDA Per bisogno.~EUGENIO Bisogno, di che?~PLACIDA 129 1, 14 | di che?~PLACIDA Di tutto.~EUGENIO Anche di compagnia.~PLACIDA 130 1, 14 | non mi avesse abbandonata.~EUGENIO La solita canzonetta. Mio 131 1, 14 | signora?~PLACIDA Piemontese.~EUGENIO E vostro marito?~PLACIDA 132 1, 14 | PLACIDA Piemontese egli pure.~EUGENIO Che facev'egli al suo paese?~ 133 1, 14 | scritturale d'un mercante.~EUGENIO E perché se n'è andato via?~ 134 1, 14 | poca volontà di far bene.~EUGENIO Questa è una malattia che 135 1, 14 | ho danari, son disperata.~EUGENIO Che cosa siete venuta a 136 1, 14 | disgraziato di mio marito.~EUGENIO Come si chiama?~PLACIDA 137 1, 14 | PLACIDA Flaminio Ardenti.~EUGENIO Non ho mai sentito un tal 138 1, 14 | nome se lo sia cambiato.~EUGENIO Girando per la città, può 139 1, 14 | PLACIDA Se mi vedrà, fuggirà.~EUGENIO Dovreste far cosi. Siamo 140 1, 14 | nemmeno dove alloggiare.~EUGENIO (da sé) (Ho inteso, or ora 141 1, 14 | nemmeno da pagare il dormire?~EUGENIO Cara pellegrina, se volete 142 1, 14 | cara la vostra protezione.~EUGENIO (da sé) (Non vuole il mezzo 143 1, 15 | detti~ ~DON MARZIO (da sé) (Eugenio con una pellegrina! Sarà 144 1, 15 | scacci, o non mi maltratti.~EUGENIO Volentieri. Andiamo, che 145 1, 15 | sarò eternamente obbligata.~EUGENIO Quando posso, faccio del 146 1, 15 | sinistramente interpretata. ~EUGENIO Vi dirò, signora: se in 147 1, 15 | generoso.~DON MARZIO (ad Eugenio) Amico, chi è questa bella 148 1, 15 | questa bella pellegrina?~EUGENIO (da sé) (Eccolo qui; vuol 149 1, 15 | seguo. (entra in locanda con Eugenio) ~ ~ 150 1, 16 | Sedicesima. Don Marzio, poi Eugenio dalla locanda~ ~DON MARZIO 151 1, 16 | MARZIO Oh, che caro signor Eugenio! Egli applica a tutto, anche 152 1, 16 | dieci zecchini il signor Eugenio?~EUGENIO Che cosa dice de' 153 1, 16 | zecchini il signor Eugenio?~EUGENIO Che cosa dice de' fatti 154 1, 16 | Bravo, colla pellegrina!~EUGENIO Non si può assistere una 155 1, 16 | nessuno che la ricoveri?~EUGENIO Come dall'anno passato! 156 1, 16 | ma la memoria mi serve.~EUGENIO Caro amico, ditemi chi ella 157 1, 16 | frecciare questo e quello.~EUGENIO Se ella dice che non è mai 158 1, 16 | glielo credete? Povero gonzo!~EUGENIO Quella dell'anno passato 159 1, 16 | era?~DON MARZIO Milanese.~EUGENIO E questa è piemontese.~DON 160 1, 16 | è vero; era di Piemonte.~EUGENIO È moglie d'un certo Flaminio 161 1, 16 | passava per suo marito.~EUGENIO Ora non ha nessuno.~DON 162 1, 16 | ne mutano uno al mese.~EUGENIO Ma come potete dire che 163 1, 16 | MARZIO Se la riconosco!~EUGENIO L'avete ben veduta?~DON 164 1, 16 | poi l'ho sentita parlare.~EUGENIO Che nome aveva quella dell' 165 1, 16 | nome poi non mi sovviene.~EUGENIO Questa ha nome Placida.~ 166 1, 16 | Appunto; aveva nome Placida.~EUGENIO Se fossi sicuro di questo, 167 1, 16 | alloggiata, cerca di alloggiare.~EUGENIO Aspettate, che ora torno. ( 168 1, 18 | vedo! La moglie del signor Eugenio; non voglio farmi sentire.) ( 169 1, 20 | Ventesima. Vittoria, poi Eugenio dalla locanda~ ~VITTORIA 170 1, 20 | mascherarmi. (si maschera) ~EUGENIO Io non so quel ch'io m'abbia 171 1, 20 | di pane. (si smaschera) ~EUGENIO Come! Che cosa fate voi 172 1, 20 | strascinata dalla disperazione.~EUGENIO Che novità è questa? A quest' 173 1, 20 | A quest'ora in maschera.~EUGENIO Andate subito a casa vostra!~ 174 1, 20 | resterete al divertimento.~EUGENIO Voi andate a casa, ed io 175 1, 20 | Bella vita, signor consorte!~EUGENIO Meno ciarle, signora: vada 176 1, 20 | mia, non a casa vostra.~EUGENIO Dove intendereste d'andare?~ 177 1, 20 | procedere e della mia dote.~EUGENIO Brava, signora, brava. Questo 178 1, 20 | pianto, ma ora non posso più.~EUGENIO Finalmente, che cosa vi 179 1, 20 | Tutta la notte al giuoco!~EUGENIO Chi vi ha detto che io abbia 180 1, 20 | e trenta sulla parola.~EUGENIO Non gli credete, non è vero.~ 181 1, 20 | divertimenti con la pellegrina.~EUGENIO Chi vi ha detto questo?~ 182 1, 20 | VITTORIA Il signor Don Marzio.~EUGENIO (Che tu sia maledetto!) ( 183 1, 20 | civile e onesta come sono io?~EUGENIO Come avete saputo degli 184 1, 20 | detto il signor Don Marzio. ~EUGENIO Ah lingua da tanaglie!~VITTORIA 185 1, 20 | assicurarmi della mia dote. ~EUGENIO Vittoria, se mi voleste 186 1, 20 | sarebbe stato meglio per me.~EUGENIO Volete andare da vostro 187 1, 20 | VITTORIA Sì, certamente.~EUGENIO Non volete più star con 188 1, 20 | quando avrete messo giudizio.~EUGENIO (alterato) Oh, signora dottoressa, 189 1, 20 | facciamo scene per la strada.~EUGENIO Se aveste riputazione non 190 1, 20 | dubitate, non ci verrò più. ~EUGENIO Animo! via di qua.~VITTORIA 191 1, 20 | vedrete mai più. (parte) EUGENIO Povera donna! Mi ha intenerito. 192 2, 1 | tondini.~RIDOLFO Il signor Eugenio è andato via?~TRAPPOLA Oh 193 2, 2 | Scena Seconda. Ridolfo, ed Eugenio~ ~EUGENIO Ebbene, amico 194 2, 2 | Seconda. Ridolfo, ed Eugenio~ ~EUGENIO Ebbene, amico Ridolfo, avete 195 2, 2 | RIDOLFO Ho fatto qualche cosa.~EUGENIO So che avete avute le due 196 2, 2 | RIDOLFO Le ho esitate.~EUGENIO A quanto?~RIDOLFO A tredici 197 2, 2 | tredici lire il braccio.~EUGENIO Mi contento: danari subito?~ 198 2, 2 | mano, e parte col respiro.~EUGENIO Oimè! Quanto alla mano?~ 199 2, 2 | RIDOLFO Quaranta zecchini.~EUGENIO Via non vi è male. Datemeli, 200 2, 2 | RIDOLFO Ma piano, signor Eugenio: V.S. sa pure che le ho 201 2, 2 | prestati trenta zecchini.~EUGENIO Bene, vi pagherete quando 202 2, 2 | signore, ho bisogno del mio.~EUGENIO Via, avete ragione. Compatitemi, 203 2, 2 | codesto diavolo tormentatore?~EUGENIO Ha il pegno in mano, aspetterà.~ 204 2, 2 | discredito i galantuomini?~EUGENIO Dite bene, bisogna pagarlo. 205 2, 2 | quanto avrebbe bisogno?~EUGENIO Che so io? Dieci, o dodici 206 2, 2 | ricupererò gli orecchini.~EUGENIO Questi dieci zecchini che 207 2, 2 | suo tempo conteggeremo.~EUGENIO Ma quando tireremo il resto 208 2, 2 | dovere, di non gettarli. ~EUGENIO Sì, amico, vi sono obbligato. 209 2, 2 | decoro e la sua estimazione.~EUGENIO Voi siete un uomo molto 210 2, 2 | respirare. (entra in bottega) ~EUGENIO Costui è un uomo di garbo; 211 2, 3 | Leandro di casa di Lisaura ed Eugenio~ ~LEANDRO Signor Eugenio, 212 2, 3 | Eugenio~ ~LEANDRO Signor Eugenio, questi sono i vostri denari; 213 2, 3 | ve gli renda, andiamo. ~EUGENIO Son troppo sfortunato, non 214 2, 3 | cane, e l'altra la lepre.~EUGENIO Ma io sono sempre la lepre, 215 2, 3 | perdere, purché giuochi.~EUGENIO Anch'io ho sonno. Oggi non 216 2, 3 | non importa, io vi credo.~EUGENIO Credete, che sia senza denari? 217 2, 3 | Giuochiamo almeno una cioccolata.~EUGENIO Non ne ho volontà.~LEANDRO 218 2, 3 | cioccolata per servizio.~EUGENIO Ma se vi dico...~LEANDRO 219 2, 3 | di più perda un ducato.~EUGENIO Via, per una cioccolata, 220 2, 3 | nella rete.) (entra con Eugenio nella bottega del giuoco) ~ ~ 221 2, 4 | Tutti si maravigliano che Eugenio m'abbia gabbato. Non si 222 2, 4 | gli orecchini del signor Eugenio? ~DON MARZIO Eccoli qui; 223 2, 4 | questi sono denari del signor Eugenio.~DON MARZIO Come ha fatto 224 2, 4 | ha dati da sé il signor Eugenio, o ve Li ha dati Pandolfo?~ 225 2, 5 | Quinta. Garzoni in bottega, Eugenio dalla biscazza~ ~EUGENIO 226 2, 5 | Eugenio dalla biscazza~ ~EUGENIO Maledetta fortuna! Li ho 227 2, 5 | andato via in questo punto. ~EUGENIO Dov'è andato?~GARZONI Non 228 2, 5 | GARZONI Non lo so, signore.~EUGENIO Maledetto Ridolfo! Dove 229 2, 6 | PANDOLFO Dove, dove, signor Eugenio, così riscaldato?~EUGENIO 230 2, 6 | Eugenio, così riscaldato?~EUGENIO Avete veduto Ridolfo?~PANDOLFO 231 2, 6 | Ridolfo?~PANDOLFO Io no.~EUGENIO Avete fatto niente del panno? ~ 232 2, 6 | PANDOLFO Signor sì, ho fatto.~EUGENIO Via bravo, che avete fatto?~ 233 2, 6 | e tutti lo stimano poco.~EUGENIO Questo compratore, quanto 234 2, 6 | darmi otto lire al braccio.~EUGENIO Che diavolo dite? Otto lire 235 2, 6 | PANDOLFO Denari subito?~EUGENIO Parte subito, e il resto 236 2, 6 | ducati d'argento veneziani.~EUGENIO (da sé) (Ridolfo non si 237 2, 6 | possono pigliare, si pigliano.~EUGENIO Ma se costa a me dieci lire.~ 238 2, 6 | quel che avete perduto?~EUGENIO Non si potrebbe migliorare 239 2, 6 | crescere un quattrinello. EUGENIO (da sé) (Bisogna farlo per 240 2, 6 | vi porto qui il denaro.~EUGENIO Son qui subito. Giovani, 241 2, 6 | panno che ho segnate io.~EUGENIO Benissimo, per me è tutt' 242 2, 7 | RIDOLFO (da sé) (Il signor Eugenio scrive d'accordo con messer 243 2, 7 | più bello.)~RIDOLFO Signor Eugenio, servitor suo.~EUGENIO ( 244 2, 7 | Signor Eugenio, servitor suo.~EUGENIO (seguitando a scrivere) 245 2, 7 | RIDOLFO Negozi, negozi, signor Eugenio? negozi?~EUGENIO (scrivendo) 246 2, 7 | signor Eugenio? negozi?~EUGENIO (scrivendo) Un piccolo negozietto.~ 247 2, 7 | degno di saper qualche cosa?~EUGENIO Vedete cosa vuol dire dar 248 2, 7 | Quanto le danno il braccio?~EUGENIO Mi vergogno a dirlo. Otto 249 2, 7 | la roba così miseramente?~EUGENIO Ma se non posso far a meno. 250 2, 7 | gli bisognano.~RIDOLFO (ad Eugenio) Di quanto avrebbe bisogno? ~ 251 2, 7 | quanto avrebbe bisogno? ~EUGENIO Che? avete da darmene?~PANDOLFO ( 252 2, 7 | sette zecchini, li troverei.~EUGENIO Eh via! Freddure, freddure! 253 2, 7 | a otto lire il braccio?~EUGENIO Facciamo il conto. Le pezze 254 2, 7 | quanti zecchini fanno?~EUGENIO Ogni undici quattro zecchini. 255 2, 7 | rotti vanno per la senseria.~EUGENIO Anche i tre zecchini vanno 256 2, 7 | Certo; ma i denari subito.~EUGENIO Via, via, non importa. Ve 257 2, 7 | Faccia ora il conto, signor Eugenio, quanto importano le due 258 2, 7 | di panno a tredici lire?~EUGENIO Oh, importano molto più.~ 259 2, 7 | RIDOLFO Faccia il conto.~EUGENIO Ora il farò colla penna. 260 2, 7 | RIDOLFO Quanti zecchini fanno?~EUGENIO Subito ve lo so dire. (conteggia) 261 2, 7 | RIDOLFO Senza la senseria?~EUGENIO Senza la senseria.~PANDOLFO 262 2, 7 | sia maledetto!) (da sé) ~EUGENIO È, vero, avete ragione; 263 2, 7 | bricconate da truffatori.~EUGENIO Quand'è cosi, Ridolfo caro, 264 2, 7 | gettati via i miei passi.~EUGENIO Mi dispiace del vostro incomodo.~ 265 2, 7 | Almeno da bevere l'acquavite.~EUGENIO Aspettate; tenete questo 266 2, 7 | cascherà un'altra volta.) (ad Eugenio) Mi comanda altro?~EUGENIO 267 2, 7 | Eugenio) Mi comanda altro?~EUGENIO La grazia vostra.~PANDOLFO ( 268 2, 7 | maniera che Ridolfo non veda) ~EUGENIO (di nascosto egli pure a 269 2, 7 | bottega e poi torna fuori) ~EUGENIO Come è andata, Ridolfo? 270 2, 7 | mandasse a male sì presto.~EUGENIO Mi fate torto a dirmi così; 271 2, 7 | mani alla signora Vittoria.~EUGENIO Avete parlato voi con mia 272 2, 7 | io col signor Don Marzio.~EUGENIO Che dice?~RIDOLFO Non fa 273 2, 7 | poverina! Fa compassione. ~EUGENIO Se sapeste come era arrabbiala 274 2, 7 | RIDOLFO Come l'ha accomodata?~EUGENIO Con quattro carezze.~RIDOLFO 275 2, 7 | è assai di buon cuore. ~EUGENIO Ma quando va in collera, 276 2, 7 | vada a pranzo a buon'ora.~EUGENIO Sì sì, ora vado.~RIDOLFO 277 2, 7 | vado.~RIDOLFO Caro signor Eugenio, la prego, badi al sodo, 278 2, 7 | che vuol cercare di più?~EUGENIO Dite bene, vi ringrazio 279 2, 7 | bottega si spurga, acciò Eugenio lo senta e lo guardi. Eugenio 280 2, 7 | Eugenio lo senta e lo guardi. Eugenio si volta. Pandolfo fa cenno 281 2, 7 | Leandro l'aspetta a giuocare, Eugenio fa cenno che anderà. Pandolfo 282 2, 7 | consoli la sua cara sposa. ~EUGENIO Sì, vado, subito. Oggi ci 283 2, 7 | servirla, la mi comandi.~EUGENIO Vi sono tanto obbligato. ( 284 2, 7 | niente? Ha bisogno di niente?~EUGENIO Niente, niente. A rivedervi.~ 285 2, 7 | volta verso la sua bottega) ~EUGENIO (vedendo che Ridolfo non 286 2, 10 | Non vedo più il signor Eugenio.) ~DON MARZIO (a Lisaura 287 2, 10 | chi?~DON MARZIO Dal signor Eugenio.~LISAURA Da un uomo ammogliato? 288 2, 11 | DON MARZIO Dov'è il signor Eugenio?~PLACIDA Lo conosce ella 289 2, 11 | Lo conosce ella il signor Eugenio?~DON MARZIO Oh, siamo amicissimi. 290 2, 11 | PLACIDA Dunque il signor Eugenio ha moglie?~DON MARZIO Sicuro, 291 2, 11 | DON MARZIO Sì; e il signor Eugenio è uno dei suoi protettori.~ 292 2, 13 | Scena Tredicesima. Eugenio dal giuoco e detti~ ~EUGENIO ( 293 2, 13 | Eugenio dal giuoco e detti~ ~EUGENIO (allegro e ridente) Schiavo, 294 2, 13 | RIDOLFO Come! Qui il signor Eugenio?~EUGENIO (ridendo) Certo; 295 2, 13 | Qui il signor Eugenio?~EUGENIO (ridendo) Certo; qui sono.~ 296 2, 13 | DON MARZIO Avete vinto?~EUGENIO Sì, signore, ho vinto, sì, 297 2, 13 | MARZIO Oh! Che miracolo!~EUGENIO Che gran caso! Non posso 298 2, 13 | stordito?~RIDOLFO Signor Eugenio, è questo il proponimento 299 2, 13 | proponimento di non giuocare?~EUGENIO State zitto. Ho vinto.~RIDOLFO 300 2, 13 | vinto.~RIDOLFO E se perdeva?~EUGENIO Oggi non potevo perdere.~ 301 2, 13 | perdere.~RIDOLFO No? Perché?~EUGENIO Quando ho da perdere me 302 2, 13 | lo sente, perché giuoca?~EUGENIO Perché ho da perdere.~RIDOLFO 303 2, 13 | RIDOLFO E a casa quando si va?~EUGENIO Via, mi principierete a 304 2, 14 | lasciava stare, mi sbancava.~EUGENIO Ah? Son uomo io? In tre 305 2, 14 | LEANDRO Mette da disperato.~EUGENIO Metto da giuocatore.~DON 306 2, 14 | LEANDRO Assai.~DON MARZIO (ad Eugenio) Ma pure quanto avete vinto?~ 307 2, 14 | pure quanto avete vinto?~EUGENIO (con allegria) Ehi, sei 308 2, 14 | allettare.)~DON MARZIO (ad Eugenio) Che volete voi fare di 309 2, 14 | di questi sei zecchini.~EUGENIO Se volete che gli mangiamo, 310 2, 14 | povere le mie fatiche!)~EUGENIO Andiamo all'osteria? Ognuno 311 2, 14 | parte.~RIDOLFO (piano ad Eugenio) (Non vi vada, la tireranno 312 2, 14 | la tireranno a giuocare.)~EUGENIO (piano a Ridolfo) (Lasciateli 313 2, 14 | camerini di messer Pandolfo. ~EUGENIO Sì, dove volete, ordineremo 314 2, 15 | sa, pagheremo l'incomodo.~EUGENIO Con chi credete aver che 315 2, 15 | in bottega del giuoco) ~EUGENIO Via, chi va a ordinate?~ 316 2, 15 | a ordinate?~LEANDRO (ad Eugenio) Tocca a voi come il più 317 2, 15 | del paese.~DON MARZIO (ad Eugenio) Sì, fate voi.~EUGENIO Che 318 2, 15 | ad Eugenio) Sì, fate voi.~EUGENIO Che cosa ho da ordinare?~ 319 2, 15 | ordinare?~LEANDRO Fate voi.~EUGENIO Ma dice la canzone: L'allegria 320 2, 15 | parlare di queste cose.~EUGENIO E io vedrò di far venire 321 2, 15 | Chi è questa pellegrina?~EUGENIO Una donna civile e onorata.~ 322 2, 15 | andate a ordinate il pranzo?~EUGENIO Quanti siamo? Noi tre, due 323 2, 15 | MARZIO Io no. Sono con voi.~EUGENIO Ridolfo, verrete anche voi 324 2, 15 | badare alla mia bottega.~EUGENIO Eh via, non vi fate pregare.~ 325 2, 15 | pregare.~RIDOLFO (piano ad Eugenio) Mi pare assai, che abbia 326 2, 15 | che abbia tanto cuore.~EUGENIO Che volete voi fare? Giacché 327 2, 15 | voglio godere.~RIDOLFO E poi?~EUGENIO E poi, buona notte; all' 328 2, 17 | Scena Diciassettesima. Eugenio ritorna dalla locanda e 329 2, 17 | dalla locanda e detti~ ~EUGENIO Che è questo strepito?~DON 330 2, 17 | cedo a nessuno.~LEANDRO (ad Eugenio) Come va il desinare?~EUGENIO 331 2, 17 | Eugenio) Come va il desinare?~EUGENIO Sarà presto fatto.~DON MARZIO 332 2, 17 | MARZIO Viene la pellegrina? ~EUGENIO Non vuol venire.~DON MARZIO 333 2, 17 | ed entra) ~DON MARZIO (ad Eugenio) Avrà quella della porta 334 2, 17 | della porta di dietro. ~EUGENIO Mi dispiace che la pellegrina 335 2, 17 | Farà per farsi pregare.~EUGENIO Dice che assolutamente non 336 2, 17 | MARZIO A me non lo direbbe.~EUGENIO Siete sicuro che sia quella?~ 337 2, 17 | non far torto all'amico.~EUGENIO Avete parlato con lei?~DON 338 2, 17 | lei?~DON MARZIO E come!~EUGENIO Vi ha conosciuto?~DON MARZIO 339 2, 17 | conosciuto più della bettonica.~EUGENIO Dunque fate una cosa. Andate 340 2, 17 | dir nulla conducetela su.~EUGENIO Ho fatto quanto ho potuto, 341 2, 18 | in bottega del giuoco) ~EUGENIO (a don Marzio) Il Conte 342 2, 18 | Lisaura) Eccoci, eccoci.~EUGENIO (a Lisaura) Padrona mia 343 2, 18 | LISAURA Serva di lor signori.~EUGENIO (a Lisaura) Godo che siamo 344 2, 18 | Siamo d'accordo (piano ad Eugenio) (Di questa sorta di roba 345 2, 18 | sorta di roba non mi degno.)~EUGENIO (a Lisaura) Via, andiamo, 346 2, 18 | mai veduta la peggio. (ad Eugenio, col suo occhialetto, poi 347 2, 18 | poi entra nella bisca) ~EUGENIO Né anche la volpe non voleva 348 2, 20 | Scena Ventesima. Eugenio, Don Marzio, Leandro, e 349 2, 20 | istrada, poi Trappola. ~ ~EUGENIO (alla finestra) Oh che bell' 350 2, 20 | pranzo vedremo le maschere.~EUGENIO A tavola, a tavola. (siedono, 351 2, 20 | tavola. (siedono, restando Eugenio e Leandro vicini alla finestra) ~ 352 2, 20 | RIDOLFO Quel pazzo del signor Eugenio col signor Don Marzio, ed 353 2, 20 | Buon pro a lor signori.~EUGENIO (dalla finestra) Trappola, 354 2, 20 | TRAPPOLA Hanno bisogno d'aiuto?~EUGENIO Vuoi venire a dar da bere?~ 355 2, 20 | mi daranno da mangiare.~EUGENIO Vieni, vieni che mangerai.~ 356 2, 20 | nemici del pover uomo! ~EUGENIO Trappola, vieni su. ~TRAPPOLA 357 2, 20 | poco giudizio! Il signor Eugenio vuole andare in rovina, 358 2, 20 | bene non mi pentirò mai. ~EUGENIO (forte) Signor don Marzio, 359 2, 21 | signora maschera? che domanda?~EUGENIO (bevendo) Vivano i buoni 360 2, 21 | alto, lo vede e smania). ~EUGENIO (col bicchiere di vino fuor 361 2, 21 | freme, e dimena il capo) ~EUGENIO (a Vittoria come sopra) 362 2, 22 | RIDOLFO E chi paga? Il gonzo.~EUGENIO (a Vittoria come sopra) 363 2, 22 | cielo, venga qui, s'acqueti.~EUGENIO (bevendo) E viva quella 364 2, 23 | galantuomini. Uno il signor Eugenio, l'altro il signor Don Marzio 365 2, 23 | bella fortuna del signor Eugenio!~TUTTI (bevendo) Evviva!~ 366 2, 23 | mostra di volerla uccidere) ~EUGENIO No, fermatevi!~DON MARZIO 367 2, 23 | vuol seguirla colla spada, Eugenio lo trattiene) ~TRAPPOLA ( 368 2, 23 | e fugge nella locanda) ~EUGENIO (con arme alla mano in difesa 369 2, 23 | colla spada alla mano contro Eugenio) Liberate il passo. Voglio 370 2, 23 | entrare in quella locanda.~EUGENIO No, non sarà mai vero. Siete 371 2, 23 | ve ne pentirete. (incalza Eugenio colla spada) EUGENIO Non 372 2, 23 | incalza Eugenio colla spada) EUGENIO Non ho paura di voi. (incalza 373 2, 24 | Scena Ventiquattresima. Eugenio, Vittoria e Ridolfo~ ~EUGENIO ( 374 2, 24 | Eugenio, Vittoria e Ridolfo~ ~EUGENIO (Bravando verso la porta 375 2, 24 | VITTORIA (si presenta ad Eugenio) Se volete sangue, spargete 376 2, 24 | sangue, spargete il mio.~EUGENIO Andate via di qui, donna 377 2, 24 | mi stacchi viva da voi.~EUGENIO (minacciandola con la spada) 378 2, 24 | Vittoria e si presenta contro Eugenio) Che pretende di fare, padron 379 2, 24 | cuore, senza coscienza.~EUGENIO (rimette la spada nel fodero 380 2, 24 | mortificato) ~RIDOLFO (ad Eugenio) Ah, signor Eugenio, vedo 381 2, 24 | ad Eugenio) Ah, signor Eugenio, vedo che già è pentito, 382 2, 24 | inteneriscano il di lei cuore? ~EUGENIO (si asciuga gli occhi, e 383 2, 24 | Vittoria, osservi il signor Eugenio; piange, è intenerito, si 384 2, 24 | traditore, non gli credo più.~EUGENIO (freme tra il rossore, e 385 3, 4 | Scena Quarta. Ridolfo ed Eugenio e detta~ ~RIDOLFO Eh via, 386 3, 4 | demerito dei mancamenti.~EUGENIO Tutto va bene, ma mia moglie 387 3, 4 | aggiusterà.~PLACIDA Signor Eugenio?~RIDOLFO Il signor Eugenio 388 3, 4 | Eugenio?~RIDOLFO Il signor Eugenio si contenti di lasciarlo 389 3, 4 | miserabile in cui mi ritrovo.~EUGENIO Credetemi, Ridolfo, che 390 3, 6 | Scena Sesta. Ridolfo ed Eugenio~ ~RIDOLFO Se posso, voglio 391 3, 6 | qualche cosa della pellegrina.~EUGENIO Voi siete un uomo di buon 392 3, 6 | dell'ingratitudine assai.~EUGENIO Di me potrete disporre finch' 393 3, 6 | venga anch'io? Comandi.~EUGENIO In bottega non istà bene; 394 3, 6 | pure col nome del cielo.~EUGENIO Se bisogna, vi chiamerò.~ 395 3, 6 | non servo per testimonio.~EUGENIO Oh, che caro Ridolfo! Vado. ( 396 3, 6 | incamminarsi) ~RIDOLFO Vai bravo!~EUGENIO Che cosa credete che abbia 397 3, 6 | da essere?~RIDOLFO Bene.~EUGENIO Pianti, o graffiature?~RIDOLFO 398 3, 6 | RIDOLFO Un poco di tutto.~EUGENIO E poi?~RIDOLFO Ognun dal 399 3, 6 | canto suo cura si prenda.~EUGENIO Se non chiamo, non venite.~ 400 3, 6 | RIDOLFO Già ci s'intende.~EUGENIO Vi racconterò tutto.~RIDOLFO 401 3, 6 | tutto.~RIDOLFO Via, andate.~EUGENIO (Grand'uomo è Ridolfo! Gran 402 3, 7 | dal barbiere. Se il signor Eugenio mi vuole, chiamatemi, che 403 3, 7 | far compagnia al signor Eugenio?~RIDOLFO Signor no, non 404 3, 8 | Si è più veduto il signor Eugenio?~TRAPPOLA Sì, signore, si 405 3, 17 | Signor padrone, il signor Eugenio vi chiama. (si ritira) ~ 406 3, 18 | Scena Diciottesima. Ridolfo, Eugenio, Vittoria dal caffè e Don 407 3, 18 | quiete, e posso dire la vita.~EUGENIO Credete, amico, ch'io era 408 3, 18 | occhialetto) (Oh pazzi maledetti!)~EUGENIO Volete che andiamo a casa?~ 409 3, 18 | vedessero col pianto agli occhi.~EUGENIO Via, acchetatevi; aspettiamo 410 3, 18 | nei camerini del giuoco.~EUGENIO No, dentro non vi metto 411 3, 18 | Pandolfo è ito prigione.~EUGENIO Sì? Se lo merita; briccone! 412 3, 18 | Andiamo, caro consorte.~EUGENIO Quando non vi è nessuno, 413 3, 18 | del giuoco con allegria) ~EUGENIO Poverina! Giubila dalla 414 3, 19 | DON MARZIO Io so perché Eugenio è tornato in pace con sua 415 3, 22 | Scena Ventiduesima. Eugenio alla finestra de' camerini, 416 3, 22 | detti a' loro luoghi ~ ~EUGENIO Sì, che l'ha detto, e l' 417 3, 23 | Impostore!~VITTORIA Maldicente!~EUGENIO Ciarlone!~DON MARZIO A me 418 3, ul | parte dalla finestra) ~EUGENIO Riverisco il signor confidente. ( Lo scozzese Atto, Scena
419 1, 9| disse l'altr'ieri vostro zio Eugenio, egli vorrebbe procrastinare.~ Il teatro comico Atto, Scena
420 0, per| BEATRICE, seconda donna ~EUGENIO, secondo amoroso, detto 421 1, 1| Scena Prima. Orazio, Eugenio~ ~S'alza la tenda. E prima 422 1, 1| alzata, esce ORAZIO, poi EUGENIO.~ ~ORAZIO Fermatevi, fermatevi, 423 1, 1| fermatevi. (verso la scena)~EUGENIO Perché, signor Orazio, non 424 1, 1| bisogno di alzar la tenda.~EUGENIO E non ci è ragione di tenerla 425 1, 1| tenda. (verso la scena)~EUGENIO Fermatevi. (verso la scena) 426 1, 1| in lumi. (verso la scena)~EUGENIO Bravo, viva l'economia.~ 427 1, 1| è maggiore dell'entrata.~EUGENIO Vorrei sapere per qual causa 428 1, 1| provare le nostre scene.~EUGENIO A mezza mattina, chi ha 429 1, 1| leverebbero avanti giorno.~EUGENIO La nostra compagnia è stata 430 1, 1| Abbiamo de' personaggi nuovi.~EUGENIO È vero; questi non si dee 431 1, 1| dargli poca parte, ma buona.~EUGENIO Eppur vi sono di quelli, 432 1, 1| fanno venir la rabbia.~EUGENIO Ma qui si perde il tempo, 433 1, 1| commedianti, levarsi sempre tardi.~EUGENIO La nostra maggior pena sta 434 1, 1| che fanno buono il comico.~EUGENIO Ecco la prima donna.~ORAZIO 435 1, 2| stati fossero ragunati.~EUGENIO (Sentite? Parla da prima 436 1, 2| per cui ho tutta la stima.~EUGENIO (Volete voi dipendere da' 437 1, 2| sera, non sono persuasa.~EUGENIO (Sentite? Non l'approva). ( 438 1, 2| Facciamone una di quelle.~EUGENIO Sedici commedie in un anno? 439 1, 2| di farle, e le ha fatte.~EUGENIO Quali sono i titoli delle 440 1, 2| donne, comedia veneziana.~EUGENIO Fra queste non è la commedia, 441 1, 3| Scena Terza. Orazio ed Eugenio~ ~EUGENIO Io crepo dalle 442 1, 3| Terza. Orazio ed Eugenio~ ~EUGENIO Io crepo dalle risa.~ORAZIO 443 1, 3| ridete, e io bestemmierei.~EUGENIO Non mi avete detto, che 444 1, 3| vuole, ma il veleno mi rode.~EUGENIO Ecco il Pantalone.~ORAZIO 445 1, 3| andate a sollecitar le donne.~EUGENIO Volentieri, anderò. Già 446 1, 10| Scena Decima. Eugenio, Orazio, Rosaura e detti~ ~ 447 1, 10| PLACIDA Lo sentirò volentieri.~EUGENIO Eccolo, che viene.~PETRONIO 448 1, 11| è molto cerimonioso. (a Eugenio)~EUGENIO I poeti colle donne 449 1, 11| cerimonioso. (a Eugenio)~EUGENIO I poeti colle donne sono 450 1, 11| palchi medesimi. (a Beatrice)~EUGENIO (Piangere li scanni, battere 451 1, 11| chiede la figlia a Pantalone.~EUGENIO E Pantalone gliela promette.~ 452 1, 11| Barbaro cuore ingrato. ~EUGENIO Anch'io signor poeta, son 453 2, 4| Suggeritore, poi Placida ed Eugenio~ ~SUGGERITORE Animo, signori, 454 2, 4| PLACIDA Eccomi, io son pronta.~EUGENIO Son qui, suggerite. (al 455 2, 9| Brighella, poi Orazio ed Eugenio~ ~BRIGHELLA Costù per quel 456 2, 10| Scena Decima. Orazio ed Eugenio~ ~ORAZIO Vedete? Ecco la 457 2, 10| antico, e nell'inverisimile.~EUGENIO Dunque s'hanno da abolire 458 2, 10| fare un poeta scrivendo.~EUGENIO Ma le maschere ordinariamente 459 2, 10| maschera volentieri lo impara.~EUGENIO Dalle nostre commedie di 460 2, 10| lepido, e più grazioso.~EUGENIO Ma questa è una maniera 461 2, 11| aver d'andare, e tornare.~EUGENIO Eh resterete qui a pranzo 462 2, 12| ORAZIO Ma dunque come farà...~EUGENIO Signor poeta, venga a pranzo 463 2, 15| avere un simile trattamento.~EUGENIO Sareste stata meglio trattata, 464 2, 15| parliamo quasi tutte così.~EUGENIO E noi altri comici rispondiamo 465 3, 1| Scena Prima. Orazio ed Eugenio~ ~EUGENIO Ora la compagnia 466 3, 1| Prima. Orazio ed Eugenio~ ~EUGENIO Ora la compagnia è veramente 467 3, 1| saranno buoni da recitare?~EUGENIO Gli proverete; ma io giudico, 468 3, 1| torbido, e di mal talento.~EUGENIO E così va fatto. La buona 469 3, 1| momento a voler far la comica.~EUGENIO La necessità la conduce 470 3, 1| e ci volterà le spalle.~EUGENIO Il mondo è sempre stato 471 3, 1| ingratitudine è una gran colpa.~EUGENIO Eppure tanti sono gl'ingrati.~ 472 3, 1| prova della sua abilità.~EUGENIO Ora verrà da voi a farsi 473 3, 1| mandatemi la virtuosa.~EUGENIO Poeta salvatico, e virtuosa 474 3, 8| e non si può fare così.~EUGENIO Perché non può stare? Qual 475 3, 8| il cenno che mangia bene)~EUGENIO Sa perfettamente a memoria 476 3, 9| non si finisce di provare?~EUGENIO Abbiamo quasi finito, ma 477 3, 10| assolutamente la scena sgombrata.~EUGENIO Io non so, che piacere abbiano 478 3, 10| non andare nella platea.~EUGENIO Eppure la commedia si gode 479 3, 10| questa onestissima pulizia.~EUGENIO Manca un'altra cosa, che 480 3, 10| potete parlare con libertà.~EUGENIO Che nei palchetti non facciano 481 3, 11| ORAZIO Ora andremo tutti.~EUGENIO Possiamo andare dal nostro
Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License