Carlo Goldoni
La buona moglie

ATTO TERZO

SCENA QUINTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Camera di Bettina.

 

Bettina e Catte parlando insieme.

 

BETT. Andè via, lasseme star.

CAT. Mo via, cara ti, vustu morir da la fame!

BETT. Tasè; za che el putelo dorme, lasselo dormir.

CAT. Come pustu viver? Xe da gieri in qua che no ti magni; mi, se stago do ore senza magnar, crepo.

BETT. Ah sorela, gh’ho altra vogia che magnar!

CAT. Almanco sorbi un vovo frescu. Momola te lo cusina.

BETT. Se lo beverò, lo buterò fuora; no posso tegnir gnente in stomego.

CAT. Bisogna sforzarse.

BETT. Mi no vogio altri sforzari. Co no posso, no posso.

CAT. Ti poderessi anca dir: co no vogio, no vogio.

BETT. Quel che volè. Lasseme star, che me farè servizio.

CAT. Anca co mi ti la gh’ha? Cossa t’ogio fato?

BETT. causa vu, che m’ho maridà. Se fussi stada con mi una sorela cossediè, che avessi abuo un puoco più de giudizio e che gh’avessi volesto tegnir conto de mi, fursi fursi no me averia maridà.

CAT. Sì ben! Se ti gieri inamorada co fa una gata.

BETT. stada vu, che m’ha fato inamorar. A forza de supiarme in te le rechie, m’ho incapricià de Pasqualin.

CAT. Mi ah, son stada, ah, che t’ho fato inamorar? Povereta! T’arecordistu cossa che ti m’ha dito co ho parlà de Pasqualin? Coss’è sto vederemo? Dovevi dirghe de sì. Se lo perdo, povereta vu. Oe! Mi son stada.

BETT. Basta; m’intendo mi, co digo torta.

CAT. Donca ti è pentia d’aver tiolto Pasqualin?

BETT. Mi no, perché ghe vogio ben, ma se no m’avesse inamorà, no l’averave tiolto.

CAT. Se no ti l’avessi tiolto elo, ti ghe n’averessi tiolto un altro.

BETT. Co me recordo co giera viva mia mare, povereta, che ani che giera queli! Che spasso che aveva su quel’altana! No vedeva l’ora d’aver fenia la mia tasca, per andarme a solazzar. La festa, che gusto che gh’aveva a ziogar a la semola, a ziogar a le scondariole! Con che gusto che balava quele furlane! Adesso, tiolè, son qua, povereta, abandonada da tuti. El mario no me vol più ben, el no me vien più a trovar; me destruzo in lagreme, e no gh’è nissun che me compatissa.

CAT. No ghe songio mi, sorela?

BETT. E vu no pensè altro che a vu, fia cara. Se cognossemo.

CAT. Oh, ti me cognossi puoco.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License