Carlo Goldoni
La buona moglie

ATTO TERZO

SCENA DICIOTTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIOTTESIMA

 

Catte e detti

 

CAT. Cossa gh’è?

BETT. Cara ti, va a chiamar el barbier.

PASQUAL. Lassè star, lassè star. No gh’è bisogno.

CAT. Cossa volevistu far del barbier?

BETT. Pasqualin ha abuo paura. Porteghe un goto d’acqua.

CAT. Oh giusto acqua. El vol esser vin bon. Dame la chiave de la caneva.

PASQUAL. No gh’ho bisogno de gnente. La paura me xe passada.

CAT. Voleu de l’aqua per el spasemo? Deme diese soldi, che ve ne vago a tior.

PASQUAL. Ve ringrazio, no vogio gnente. Cara Betina, cossa feu? Steu ben?

BETT. Sì, caro, co ti xe a casa ti, stago da rezina.

PASQUAL. Cossa fa el putelo?

BETT. El dorme. Vustu che lo desmissia?

PASQUAL. No no, lasselo dormir. Quanto xe che no vedè mio pare?

BETT. L’aspeto qua adessadesso. Oh, se ti savessi chi ghe xe in casa nostra!

PASQUAL. Chi ghe xe?

BETT. Siora marchesa, miserabile, povereta, che la fa pietà; so mario xe in preson, e ela la xe vegnua a racomandarse che se ghe daga alozo per carità.

PASQUAL. Mandela via subito.

BETT. No, Pasqualin, no la vogio mandar via. La carità xe sempre bona. Chi sa ch’el cielo no m’abia la consolazion che ti torni a casa, per la carità che ho fato a sta povera zentildona!

CAT. Se vedessi come la mastega ben! (a Pasqualino)

PASQUAL. Mugier, no so da che banda prencipiar a domandarve perdon dei mali tratamenti che fin adesso v’ho fato...

BETT. Zito, no disè cussì, che me fe cascar le lagreme. (piange)

PASQUAL. I bezzi i xe fenii.

BETT. No m’importa.

PASQUAL. I manini xe andai.

BETT. No ghe penso.

PASQUAL. I debiti ancora ghe xe.

BETT. No ve stè a aflizer, che i pagheremo.

PASQUAL. Mio pare no me vorà più.

BETT. Chi sa? Pol esser de sì.

PASQUAL. No gh’ho coragio de andar da lu.

BETT. Adesso el vegnirà qua.

PASQUAL. No so come far a parlar.

BETT. Lasseme parlar a mi.

PASQUAL. Cara mugier, me racomando a vu.

BETT. el mio caro mario: no ve dubitè.

CAT. I bate.

BETT. Andè a veder.

CAT. Oh, son deboto stufa. Momola, dormistu? (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License