Carlo Goldoni
Il burbero benefico

ATTO SECONDO

Scena Ottava. Valerio, e detta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Ottava. Valerio, e detta

 

Martuccia: Signore, che venite voi a far qui? Avete scelto un cattivo momento. Tutta la casa è immersa nel dispiacere.

Valerio: Già ne dubitava. Ritorno in questo momento dal procuratore del signor Dalancour; io gli ho offerta la mia borsa ed il mio credito.

Martuccia: Questo è un oprar virtuoso. Nulla è più generoso della vostra azione.

Valerio: Il signor Geronte è in casa?

Martuccia: No. Il servitore m'ha detto che l'aveva veduto col suo notaro.

Valerio: Col suo notaro?

Martuccia: Sì. Egli ha sempre qualche affare. Volevate forse parlargli?

Valerio: Sì; voglio parlare con tutti. Io veggo con pena il disordine del signor Dalancour. Son solo; ho beni di fortuna; ne posso disporre. Amo Angelica; vengo ad offrirgli di sposarla senza dote, e dividere seco il mio stato e la mia fortuna.

Martuccia: La risoluzione è ben degna di voi. Nulla più di essa mostra la stima, l'amore, la generosità.

Valerio: Credete voi ch'io potessi lusingarmi?...

Martuccia: Sì, tanto più che madamigella gode il favore di suo zio, e ch'egli vuole maritarla.

Valerio: Vuol maritarla?

Martuccia: Sì.

Valerio: Ma se vuole maritarla, vorrà parimente esser egli solo padrone di proporle il partito.

Martuccia: (dopo un momento di riflessione) Potrebbe darsi.

Valerio: È forse questa una consolazione per me?

Martuccia: Perché no?... (ad Angelica, che s'inoltra spaventata) Venite, venite, madamigella.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License